Vai al contenuto


Contenuti con reputazioni più elevate


#451265 Regalo Semi

Inviato da Newton in 27 September 2014 - 20:04

Per il prossimo anno sono quasi a posto, quindi chi é interessato ad i semi che mi avanzano faccia richiesta che glieli mando.
Ho disponibili:
Habanero Red,
Cedrino (pochissimi) :D rifornito dalla mia sister
Naso di cane,
Mazzetto calabrese,
California wonder red,
Cayenna,
Cayambe,
Aci sivri (mi sono stati regalati quindi non offro certezze),
Jalapeno (erano terminati TORNATI DA DUE NUOVI FRUTTI) :D,
Chupetino (agli sgoccioli) domenica mi rifornisce mia sorella
Chupetino :D mi ha rifornito .... (di nuovo agli sgoccioli)
Haba choco (pochissimi),
Carolina Reaper TERMINATI (mandati da Frank).
Habanero orange
Habanero white.TERMINATI
Jamaican hot red (sono in essiccazione)
Habanero Red Savina
Cayenna grande (solo 20semi)
Ornamentale con frutti gialli (20)
Semi di basilico selezionati da 3 anni.
Anche se non avete nulla chiedete pure, meglio li seminiate voi piuttosto che mi restino nel cassetto.
  • 23


#397209 Light Box Secondo Me

Inviato da Dario1 in 15 February 2014 - 21:18

Ci sono moltissime persone che si stanno avvicinando alla coltivazione del Peperoncino, questo forum ne è la conferma....
Giustamente tutti i neofiti chiedono informazioni, per cui spessissimo ci si trova a dover ripetere le solite cose decine di volte, dato che risulta difficile da parte loro dover spulciare innumerevoli topic x avere semplici informazioni.
Allora siccome io, per quel che posso, aiuto tutti molto volentieri, ma a volte non ho voglia di ripetere all'infinito le solite cose, ho deciso di scrivere due righe per riassumere come "mi" comporterei nella costruzione del rinomatissimo "Light box".
Queste righe non vogliono essere una guida precisa nella costruzione dell'oggetto, ma un aiuto "secondo me" , secondo il mio modo di vedere le cose che, senza ombra di dubbio, può essere opinabile!

Sono ben accetti consigli per miglioramenti nella costruzione :thumbsup:







LIGHT BOX .......“Secondo me”


Voglio costruire un light box? Da dove iniziare?

Mi devo porre due domande:

1) Dove lo tengo?

2) Quante piante intendo coltivare?




1) dal luogo dove verrà collocato il light box dipende la struttura del light stesso

2) dal numero delle piante da coltivare dipendono le dimensioni del light stesso



1)
Se viene messo in un luogo dove la temperatura esterna non scende mai sotto i 14/15° (esempio stanza di casa o garage) la struttura può essere benissimo fatta con pareti di solo polistirolo, o magari rivestendo uno scaffale metallico o altra struttura semplice.

Nel caso invece che la temperatura esterna sia inferiore ai 14 gradi, la struttura del light box deve essere un qualcosa di chiuso, rivestito in tutte le sue pareti comprese “pavimento” e “soffitto” di polistirolo di almeno 2 cm di spessore.
Un esempio di light di questo genere può essere realizzato costruendo un “cassone” di legno, oppure servendosi di mobiletti già costruiti ad es dei pensili da cucina, oppure (ideale) il cassone di un frigo congelatore “a pozzo” (in questo caso non necessita il rivestimento).

Dimensione fondamentale da rispettare in tutti e due i casi, è l’altezza.
Deve essere calcolata in base al periodo che avremo intenzione di mantenere le piante all’intero. Più le piante staranno dentro e maggiore deve essere l’altezza.
Secondo me, l’altezza ideale per non incorrere in problemi di sorta si aggira come minimo sui 60 cm, indipendentemente dalle dimensioni della base.
Un’altezza di 60 cm può contenere piante che, già in un vaso di dimensioni 10x10, arrivano ai 30 cm.
Se voglio mantenere ancora più tempo all’interno, aumento l’altezza.

2)
La base del light box deve essere calcolata secondo il numero delle piante che dovrà ospitare, tenendo conto del fatto che se iniziamo con bicchierini piccoli, dopo 40/45 giorni circa sarà necessario un rinvaso in vasi più grandi, quindi la misura deve tener conto delle misure finali dei vasi che ospiterà.


Luci

La luce è l’elemento fondamentale del lightbox.
Restando nel semplice e nell’economico, si possono usare tubi al neon , lampade a risparmio energetico, led.
Volendo invece soluzioni più costose si può utilizzare lampade specifiche da vivaismo che sono facilmente reperibili ma di cui non conosco effetti e caratteristiche.

Non c’è un’indicazione precisa sul wattaggio, che comunque “non è mai troppo”, comunque secondo me una superficie di 30x50 è “coperta” sufficientemente da una lampada a risparmio energetico da 25/30Watt. Per superfici più estese, aumentare in proporzione.

Mentre per il wattaggio non ci sono limitazioni, è obbligo una temperatura delle lampada di 6400/6500 K, questa perchè è la temperatura che avrebbero in natura in fase di crescita (la naturale dovrebbe essere 5500K)


Distanza dalle luci


Le luci, all’inizio, nella fase in cui abbiamo i cotiledoni e quindi la piantina è alta 3/4 cm possono stare molto ravvicinate (7/8 cm) poi, con lo sviluppo delle foglie, per evitare scottature, l’altezza va aumentata a 15/20 cm e mantenuta tale per tutto il periodo di permanenza.
Il fatto che questa altezza e distanza delle luci dalle piante, varierà a seconda della crescita delle piante, fa si che sarebbe buona norma, nella costruzione, di rendere “regolabile” l’altezza delle luci. Questa soluzione è realizzabile con un sistema a catenella, oppure con delle guide verticali nel quale far scorrere un pannello a cui son fissate le lampade.

Periodo delle luci

Quante ore di luce dare?
Nei mesi di gennaio, febbraio, cioè appena messe nel light, alle piantine dobbiamo dare circa 16 ore di luce, che verrà scalata piano piano, fino ad arrivare a 12 ore a fine marzo, cioè prima di essere messe a contatto con la luce naturale. Infatti in quel periodo (fine marzo, primi aprile) la luce esterna è circa 12 ore.
Non è necessario che il ciclo di luce segua la fase del giorno, cioè che siano accese di giorno e spente di notte.
Molto spesso questo ciclo viene invertito, cioè accensione dalle 18/19 alle 10/11 di mattina e questo per una questione di temperatura esterna, perché è preferibile tenere accese le luci durante il momento della giornata più freddo.


Temperature

In questa fase di vita delle piantine, al contrario della fase di germinazione, la temperatura alta non è fondamentale. Un light che riesce a mantenere al proprio interno una temperatura di 20° è ottimale. Se le temperature scenderanno intorno ai 14/15°, avremo una crescita più lenta ma nessun altro inconveniente.
Il fatto che durante il ciclo di luce le temperature siano più alte e più basse al buio, non implica problemi x le piante, ma è assolutamente naturale.

Annaffiature

Le annaffiature all’interno del light box devono essere regolari, al bisogno, cioè il terriccio deve essere umido e non fradicio e l’annaffiatura successiva deve avvenire quando la terra in superficie sta asciugando.
Per uno sviluppo maggiore dell’apparato radicale, il terriccio deve asciugare, una pianta mantenuta costantemente umida, sviluppa un apparato radicale minore.
E’ buona norma non bagnare le foglie ma direttamente il terriccio, questo perchè in presenza di gocce di acqua sulle fogle, con le luci accese, può verificarsi un “effetto lente” che causerà delle scottature sulle foglie.
Per bagnare la terra ci si può avvalere di una “spruzzetta”.

Commenti

Ho chiesto ad alcuni amici se fosse stato “chiaro” questo documento e le loro impressioni….. uno di loro mi ha detto: “Non hai parlato della ventilazione”!
Azz è vero! Ma forse non ne ho parlato perché non ho mai ventilato nessun light box! :D


BUONA COSTRUZIONE :smile062:
  • 19


#455322 Faccia Da Pepper

Inviato da Luelmat in 22 October 2014 - 20:34

Quando uno Sweet Chocolate dalla forma strana incontra un Dedo de Moça, due Aji Bird e un Bishop's Crown... e la voglia di far sorridere i figli :smilies17:

Allega File  Faccia di pepper DSC_6045.jpg   24.25K   23 Numero di downloads
  • 18


#440265 Innesti Multipli E Albero Dei Peperoncini

Inviato da gianni48 in 03 August 2014 - 16:17

Assieme ad altri appassionati di innesti, sto studiando il modo di ottenere un albero dei peperoncini un po' come si è ottenuto l'albero delle melanzane e dei pomodori.
A differenza delle melanzane e dei pomodori, che legano facilmente su piante del genere Solanum, con i peperoncini si deve usare un portainnesto del genere Capsicum.
Abbiamo innestato in vari modi dei peperoncini su altri di specie diversa, come ad esempio un habanero red su friarello mediante spacco pieno:
Allega File  habanero su friarello.jpg   60.45K   116 Numero di downloads

Allega File   - 2.jpg   61.28K   105 Numero di downloadsAllega File   - 1.jpg   38.42K   97 Numero di downloads


Innesto a spacco pieno di habanero su friarello 20 giorni fa e oggi.

...tutti hanno legato e stanno crescendo bene.

Per realizzare l'albero dei peperoncini, abbiamo scelto come portainnesto il rocoto gigante perché molto vigoroso e, nelle regioni meridionali dovrebbe essere in grado di svernare in piena terra, condizione necessaria per ottenere un "albero".
Comunque anche al Nord si dovrebbe ottenere una crescita soddisfacente, seguendo il metodo indicato nel 2011 da itmax86 per lo svernamento.

Su di un rocoto ho eseguito un innesto per approssimazione ad intarsio e due innesti a spacco vuoto, nei modi seguenti:


Innesto per approssimazione ad intarsio:

Allega File  approssimazione ad intarsio.jpg   28.5K   105 Numero di downloads

Allega File   - maschio.jpg   59.42K   98 Numero di downloads..Allega File   - femmina.jpg   24.54K   95 Numero di downloads

Allega File  - unione .jpg   41.49K   94 Numero di downloads,,Allega File   - legatura.jpg   48.46K   94 Numero di downloads

Innesto per approssimazione ad intarsio di habanero su rocoto

Allega File  - spacco vuoto1.jpg   36.24K   97 Numero di downloads..Allega File  - spacco vuoto2.jpg   32.25K   95 Numero di downloads

Allega File   - spacco cavo3.jpg   19.98K   96 Numero di downloads

Innesto a spacco vuoto di peperone quadrato d'asti su rocoto.

Allega File  piante innestate.jpg   63.86K   99 Numero di downloads
  • 18


#249074 [TUTORIAL] Topping-Cropping-Legature

Inviato da oMbRa in 12 February 2012 - 20:06

Spesso, uno dei problemi più diffusi nell'indoor è l'altezza delle piante. Ci si trova al limite, con box lunghi e larghi ma relativamente bassi.
Saper "contenere" la crescita è un aiuto concreto per poter mantenere sia piante madri che piante da frutto per i lunghi mesi invernali in spazi ridotti.

Vi do qualche suggerimento e vi spiego come faccio io.

___________________________________________________________________________________________________________________

TOPPING

Scegliete i rami più alti, recideteli all'altezza che ritenete giusta per lo scopo ma abbiate cura di

tagliare appena sopra un nodo. Se potete usate sempre lame sterili per evitare possibili problemi...fate sempre tagli netti e precisi evitando di rompere la parte inferiore della pianta per evitare che la porzione di ramo sottostante vada a marcire.

Prima:
Immagine inserita


Dopo:
Immagine inserita

In casi estremi si può ricorrere ad un taglio totale


___________________________________________________________________________________________________________________


TOTAL TOPPING!

Immagine inserita


In questo caso.....pochissima acqua fino a quando non torna a germogliare!!!


FOTO INSERITA IL 21/02/2012
(Dopo circa 12 giorni dal total crop la pianta ha ripreso non solo a germogliare ma anche a fiorire!)

Immagine inserita


Vi sono avanzati dei bei rami e non vi va di buttarli via? Cliccate QUI






___________________________________________________________________________________________________________________



CROPPING

Qui la cosa si fa leggermente più complicata e ci vuole un minimo di pazienza, qualche prova e un pò di mano.

Iniziamo con l'idea...
Sezione del fusto
Immagine inserita


Pianta

Immagine inserita



Partendo da qui...la tecnica è questa:
Esercitate una pressione costante e progressiva in un punto del fusto cercando di ruotare un pò le dita.
Lo scopo è quello di rompere la parte interna (midollo) e di lasciare intatta la corteccia esterna.

Immagine inserita


Se si lavora bene l'effetto finale è questo:

Immagine inserita

Particolare del "Crop"...notate bene l'assenza di rottura della corteccia esterna.
Immagine inserita



Il ramo si piega a 90° e più e pare rotto. Nel giro di pochissimo tempo la cima della pianta tornerà ad

alzarsi verso la luce proprio perchè il cilindro che contiene i vasi conduttori non si è rotto e il ramo è

perfettamente in vita.

Questa tecnica vi permette di contenere molto l'altezza MA avrete piante più larghe!Dopo il crop è utile posizionare subito la pianta sotto la luce con regime luce/notte 20/4

FOTO INSERITA IL 21/02/2012
(Dopo 12 giorni circa potete vedere come la pianta non solo ha rialzato la cima del ramo ma anche ripreso a farlo fiorire. Due peppers hanno anche allegato!)


Immagine inserita



Ovviamente le due tecniche possono essere combinate per avere piante molto basse e molto cespugliose. Basta

lasciar crescere la pianta al naturale, poi cimare tutti i rami principali....attendere che si sviluppino i

nuovi germogli e a questo punto Croppare tutto.


Entrambe le tecniche sono invasive, quindi sono da praticare quando la pianta è in fase vegetativa perchè

avrà uno stop nella crescita. E' importante che per riprendersi dal topping o dal cropping la pianta sia in

crescita e non stia dando energia a frutti o fiori.
Si può ovviamente usarle anche quando non è in vegetativa...ma in quel caso è opportuno togliere sia frutti

che fiori.

___________________________________________________________________________________________________________________


LEGATURE

Qui si gioca...è una tecnica divertente che da meno risultati rispetto alle altre due ma che può comunque

essere sperimentata soprattutto per scopi decorativi!
Immagine inserita


Io uso i pezzettini di fil di ferro che si trovano nei pacchetti dei sacchetti da congelatore e lo spago lega

arrosto. Il nastro adesivo di carta per fissare il "tirante" al vaso.

Immagine inserita

Immagine inserita

Anche qui si lavora con calma...applicando una trazione progressiva per non rischiare di spezzare i rami.


Può essere utile vaporizzare-nebulizzare la pianta 10 minuti prima di "operare"...questo ammorbidirà il

fusto e faciliterà le operazioni!

Immagine inserita

Dopo poco, come nel caso del Crop, la cima dei rami rivolti verso il basso tornerà a cercare la luce.




Sperando che vi possa essere utile....buon lavoro e buone prove!.

Se volete....postate qui i vostri esperimenti!
Potrebbe diventare un thread interessante!

Le domande ovviamente sono ben accette!


oMbRa
___________________________________________________________________________________________________________________


(Man mano aggiornerò il thread con qualche scatto aggiuntivo per vedere il risultato delle varie tecniche)
  • 15


#458243 Regalo Semi

Inviato da gianni48 in 13 November 2014 - 13:01

Quest'anno, come prima esperienza, ho coltivato qualche peperoncino di troppo :Sogghigna: ho fatto molte polveri estraendo i semi e di conseguenza ho molti semi che non utilizzerò; ecco la lista aggiornata al 10-4-2015:

PUBESCENS:
Rocoto gigante
Rocoto mini red
Rocoto manzano amarillo (orange)

CHINENSE:
Habanero red
Numex suave red
Trinidad perfume


ANNUUM
Goat's weed
Thai Vietnam
Hungarian black
Ornamentali:
Numex twilight
Pyramid
Abbraccio (dall'Azienda Agraria Sperimentale Stuard)
Anda (dall'Azienda Agraria Sperimentale Stuard)

BACCATUM
Aji omnicolor



Se vi interessano i semi di qualche varietà fra quelle elencate, contattatemi tramite MP e poi inviatemi una busta con all'interno un'altra preaffrancata col vostro indirizzo e con un foglietto con scritto nome/nik e varietà richieste. Vi avviserò dell'arrivo della busta.
Le piante non sono state isolate.


  • 13


#457721 Regalo Semi

Inviato da PeperTom in 10 November 2014 - 08:14

Buongiorno a tutti.

Per chi è interessato ho semi ( non isolati ) di:

Hot lemon
Habanero el diablo
Haba chocolate
Habanero rosso 4
Large cherry
Peperoncino a sigaretta
Dedo de moca
Fatalii white

Io non cerco niente in scambio, sto apposto così, quindi inviatemi una busta con all'interno un'altra preaffrancata col vostro indirizzo e con un foglietto con sctitto nome/nik e varietà richieste.

P. S. Se poi avete qualche varieta fi jalapeno ( non la classica ) ci inviamo a vicenda i semi.
  • 13


#324583 [Video] busteine per semi

Inviato da g-sal in 09 April 2013 - 16:25

Salve, come saprete è bene conservare i semi delle nostre piante in buste di carta per far in modo che possano respirare adeguatamente ed evitare insorgenza di muffe che potrebbero proliferare in una busta di plastica contenente materiale non perfettamente asciutto.

Spesso ricevo semi in bustine di plastica con zip che per i venditori sono una comodità estrema, a noi invece conviene conservare i semi in altro modo e ho creato un simpatico tutorial in cui mostro come realizzare delle bustine da semi molto semplici, usando solo un pezzetto di carta, che restano chiuse alla perfezione senza utilizzare il nastro adesivo che ci fa strappare la busta alla seconda apertura con conseguente catena di bestemmie.
Inoltre possono essere realizzate con qualsiasi cosa, anche un fazzoletto o uno scottex, e sono velocissime da fare per avere sempre pronta una busta da semi in ogni evenienza ^_^

Spero di aver fatto cosa gradita, ciao.


http://www.youtube.c...h?v=wnu37Ms4MzQ

  • 13


#310883 TimeLapse trinidad

Inviato da Trinidad in 23 January 2013 - 07:11

breve anteprima di cosa sta succedendo dentro al mio lightbox! B)


  • 13


#444131 Dario 2014

Inviato da Dario1 in 21 August 2014 - 21:23

Coloreeeeeeeeeeeee...................

Allega File(s)


  • 12


#216567 Parassiti e Malattie

Inviato da straus in 15 July 2011 - 12:49

Dopo duro lavoro è pronto, spero sia completo quanto facile da consultare e che vi possa rimanere utile
P.S. se c'è qualche cosa da modificare fatemelo sapere
Allega File  Malattie e Parassiti.pdf   989.82K   2628 Numero di downloads
  • 12


#466954 Timelapse Sulla Crescita Dei Peppers

Inviato da gianni48 in 03 February 2015 - 04:28

clicca sull’icona qui sopra GDopo aver risolto il problema "disidratazione" ho cercato di riprendere la formazione dei peli radicali e la penetrazione nel terreno della cuffia radicale.

Mi sembra abbastanza riuscito anche se può essere migliorata l'illuminazione per fare in modo che i cotiledoni si distendano in modo corretto.

Ho aggiunto delle traslazioni di Movie Maker, a qualcuno possono piacere e ad altri no.

Come colonna sonora ho scelto l'Aria sulla quarta corda di Johann Sebastian Bach, eseguita dagli Swingle Singers....

Ho copiato Piero Angela, ma penso che la utilizzerò ancora. :special47:

 

http://www.youtube.c...eature=youtu.be    per vederlo a tutto schermo (16/9)

 

http://youtu.be/wP2cmK6Dstk

.......................oppure clicca sull’icona di youtube qui sopra G

 

Questo filmato (come quelli futuri) è in formato 16/9, HD  1080p (cioè la massima risoluzione consentita da youtube, quindi, per vederlo al meglio, cliccare sul link o sull'icona di youtube Allega File  1.jpg   2.55K   10 Numero di downloads  poi sulla ruota dentata di impostazioni    Allega File  2.jpg   3.56K   10 Numero di downloads   poi su 1080p  Allega File  3.jpg   9.62K   10 Numero di downloads   infine sul pulsante per vedere a tutto schermo  Allega File  4.jpg   1.01K   10 Numero di downloads .


  • 11


#443941 Una Domenica Da Leoni

Inviato da cricc in 20 August 2014 - 20:11

Allega File  uploadfromtaptalk1408564323888.jpg   50.2K   18 Numero di downloads

Soltanto a questo punto mi sono ricordato tutte le raccomandazioni lette sulle precauzioni per maneggiare questi pereroncini.

E allora fermi tutti: multi lavaggio approfondito e scorticante con spazzolino e sgrassatore all'uranio arricchito, indosso guanti di lattice e via...continuo il mio accanimento sui due sventurati.

Cucino felice una salsa (di cui proporrò la ricetta se sarà il caso) e mi dimentico totalmente dell'accaduto.

Esco, incontro gente, stringo mani, bevo, mangio, fumo, bevo ancora...

Poi sento un prurito ad un occhio.

MI GRATTO COL DITO INDICE DELLA MANO SINISTRA.

Fiamme.

Corro in bagno, mi rinfresco il viso e faccio scorrere tanta acqua nell'occhio.

Fiamme.
Fiamme.
Fiamme.

Allora bevo e mi dimentico ancora...

Nei tre giorni successivi hanno beneficiato del mio dito:

Occhio sinistro.
Bocca.
Pistolino.
Angela.
Mio nipote.
Occhio destro in notturna con seguente levataccia e già che c'ero pistolino.
Angela secondo estratto.
Occhio sinistro.
Angela terzo estratto.

Pensavo di farmelo amputare, e qualcuno insisteva affinchè lo facessi...ma oggi pare sia evaporato tutto.

Morale della favola:

La salsa si sta amalgamando in un bel vasetto sigillato e sottovuoto, ma dopo averne assaggiato una micropunta sono sicuro che quei due si vendicheranno.

Ne sono sicuro.

Pace e bene. (Lol)
  • 11


#270977 Ragazzi chi vende polvere di pepper :) ?

Inviato da Dario1 in 23 May 2012 - 20:07

Come si fa a non essere sensibili ad una richiesta così accorata? :rolleyes:

Mandami l'indirizzo in mp dai... :smile062:
  • 11


#257473 Liberazione cotiledoni imprigionati

Inviato da Dario1 in 21 March 2012 - 14:52

Spero di essere nella giusta sezione.....

Stamani mi son dedicato a liberare alcuni cotiledoni dai semi che li imprigionavano...nel fare questa operazione io mi comporto così...

mi munisco di contagocce e aucqua tiepida

quindi cerco, molto delicatamente, di far rimanere una goccia di acqua "attaccata" al seme incastrato...questa operazione può sembrare complessa ma in realtà, se si procede delicatamnete, è semplicissima
Allega File  DSCN4047.JPG   43.44K   3 Numero di downloads
Allega File  DSCN4049.JPG   44.2K   1 Numero di downloads
Allega File  DSCN4052.JPG   55.47K   1 Numero di downloads
Allega File  DSCN4078.JPG   32.4K   2 Numero di downloads
Allega File  DSCN4082.JPG   62.35K   1 Numero di downloads

aspetto almeno una mezz'ora, in modo che il seme possa "sentire" al meglio l'umidità e si ammorbidisca
quindi con la pinzetta faccio leva delicatissimamente sulle estremità del seme, in modo da "aprirlo " il più possibile

Allega File  DSCN4090.JPG   44.39K   2 Numero di downloads
Allega File  DSCN4097.JPG   91.54K   1 Numero di downloads

mentre faccio leva (cioè schiaccio) sul seme, al contempo (sempre pianissimo) cerco di tirarlo verso l'alto
a volte il seme viene via subito, altre c'è bisogno di "sorreggere>" con due dita la piantina perchè non venga via dal terriccio

Allega File  DSCN4102.JPG   49.08K   1 Numero di downloads
Allega File  DSCN4104.JPG   79.6K   1 Numero di downloads
Allega File  DSCN4105.JPG   59.65K   1 Numero di downloads

e voilà....ecco i nostri cotiledoni all'aria...

Allega File  DSCN4108.JPG   62.81K   1 Numero di downloads
Allega File  DSCN4111.JPG   70.26K   1 Numero di downloads


altro seme....

Allega File  DSCN4112.JPG   64.13K   1 Numero di downloads
Allega File  DSCN4114.JPG   67.88K   0 Numero di downloads

Risultati positivi, dopo un pò di pratica, 80/90 su 100!

:thumbsup:
  • 11


#474433 Sepia Serpent Club

Inviato da Kupo in 18 March 2015 - 08:58

Visto che il Carolina Reaper ormai è coltivato quasi da tutti ed ha un club tutto suo, ho pensato di aprire il Sepia Serpent Club, il "mostro" che a mio avviso (e di tantissimi altri :chilli-epice: ) ha decisamente spodestato il povero Carolina dal suo trono come re (o regina?!?  :ilre: ) della capsaicina.  :Inclassable06:

 

All'assaggio è mostruosamente piccante..tanto che il povero C.R. quasi non sembra un Super Hot!!!  :chilli-epice:  :sweat:

Ovviamente devo ringraziare gli amici che mi han dato i semi e me lo han fatto conoscere (non faccio nomi perché tanto quei ca**oni sanno che parlo di loro), ma specialmente una persona in particolare: Chiliriot . Se il Sepia esiste e si trovano i semi a mio avviso è solo merito suo e di nessun altro! Si è fatto un cu*o (nel vero senso della parola) che voi neanche vi immaginate per "coltivarlo" e "stabilizzarlo" il più possibile, ed il risultato direi che è eccellente!! Quindi, grazie Manu!!!  :Inclassable06:  :smile062:  :Inclassable06:

 

Ora un paio di foto e poi lascio la parola a chi vorrà entrare a far parte del nuovo Sepia Serpent Club.

 

Allega File  2015-03-18 09.13.23.jpg   25.48K   135 Numero di downloads Allega File  2015-03-18 09.13.48.jpg   44.91K   127 Numero di downloads Allega File  2015-03-18 09.14.01.jpg   40.54K   121 Numero di downloads

 

Ovviamente io ho seminato da poco e questo è tutto ciò che ho al momento, ma son sicuro che verranno delle bellissime piante!! PS: geminazione lampo e semi fertilissimi (germinati il 100% dei semi ed in circa 48h, senza l'uso di camomilla o altro!)!!  :special47:

 

Questa invece è una foto dei frutti, gentilmente concessami da Chiliriot (in quanto io me lo so magnato il frutto...senza fargli foto!  :smilies17: )

Allega File  sepia.jpg   47.55K   114 Numero di downloads


  • 10


#446094 Che Spettacolo!

Inviato da Brigante08 in 01 September 2014 - 19:30

Ciao a tutti ragazzi sono tornato dalle ferie e ho trovato delle piante molto bene in salute e stracolme di frutti ma volevo condividere con voi il Trinidad moruga che mi ha stupito.
125 frutti raccolti e una bellezza disarmante eccolo a voi

Allega File(s)

  • Allega File  image.jpg   121.76K   17 Numero di downloads
  • Allega File  image.jpg   98.87K   15 Numero di downloads
  • Allega File  image.jpg   101.99K   15 Numero di downloads
  • Allega File  image.jpg   97.77K   15 Numero di downloads

  • 10


#437076 Ho Creato La Video Guida Sull'isolamento Dei Semi!

Inviato da TheApneist in 24 July 2014 - 12:32

Ciao a tutti,
sperando di fare cosa gradita ho creato tra tutti i tutorial che ho fatto quest'anno, anche la video guida riassuntiva delle tecniche che ho imparato ad utilizzare per ottenere i semi puri.. attendo vostri pareri (ho sbagliato qualcosa?)

PS: Il fine di questi tutorial è aiutare chi come me è alla prime armi, dando un supporto video che ancora mancava..

Luca

https://www.youtube....h?v=B0BcYODVjYk
  • 10


#302315 Estrazione asciugatura e conservazione dei semi

Inviato da Dario1 in 09 November 2012 - 21:27

Ciao a tutti...

approfitto del fatto che oggi un amico mi ha inviato dei frutti, per far vedere a coloro che mi hanno chiamato, chiedendomi informazioni su come togliere e conservare semi, come mi comporto in questo caso...(anche se son convinto che girando nel forum, di queste guide ce ne saranno già.....)

comunque può tornare utile a chi non le ha trovate

Premessa: adesso, dopo: scottature, bruciature varie, occhi doloranti e lacrimanti e tutti gli effetti indesiderati possibili, ritengo di essere arrivato ad un grado di sicurezza sufficiente da poter dire che, (come veniva detto anche a me da altri esperti) con la pratica, questa operazione è da considerarsi semplice :)


Fornirsi di guanti, pinzette (io ne uso due perchè usando un guanto solo, in questo modo non tocco il frutto aperto),forbici (o coltello tagliente), piatto di carta o altro contenitore, foglio liscio sul quale appoggiare i semi ad asciugare (io uso dei comuni fogli A4), bustina di carta per la conservazione, contenitore per le bustine.



Foto prima dell'inizio operazione: il tavolo apparecchiato :)

Allega File  IMG_3102.JPG   84.45K   37 Numero di downloads

armarsi di guanti
prendere in mano il pepper e praticare dei tagli longitudinalmente, cioè nel verso "lungo" del pepper (per altre forme si possono fare tagli diversi)
in modo da "dividere" il pepper in più parti, minimo due

Allega File  IMG_3118.JPG   49.17K   35 Numero di downloads

una volta inciso, aprire il frutto aiutandosi con le pinzette, in modo da poter vedere i semini attaccati alla placenta

Allega File  IMG_3131.JPG   55.71K   34 Numero di downloads

estrarre i semi aiutandosi con la/le pinzette e depositarli sul foglio di carta che è già dentro al piatto

Allega File  IMG_3120.JPG   55.34K   32 Numero di downloads
Allega File  IMG_3122.JPG   54.24K   31 Numero di downloads

piatto con i semi a estrazione terminata

Allega File  IMG_3134.JPG   77.91K   33 Numero di downloads

a questo punto (io) catalogo i semi su una specie di diario, gli assegno un numero e al contempo preparo una busta di carta (dove dopo asciugati metterò i semi) e sopra crivo: nome del pepper, n° di catalogo, anno di produzione, data di estrazione semi, provenienza e, se necessario tutte le altre informazioni utili

Allega File  IMG_3135.JPG   80.52K   35 Numero di downloads
Allega File  IMG_3137.JPG   64.29K   32 Numero di downloads

metto il piatto con i semi in un luogo fresco (mai al sole) e dopo qualche ora o il giorno dopo "muovo" i semini per vedere che non siano attaccati alla carta e, dopo ancora qualche ora, quasi certo che siano asciugati, li metto dentro alla bustina
(la conservazione in bustine di carta fa si che, se anche l'asciugatura non risultasse perfetta al momento dell'imbustamento, all'interno della busta i semini possano continuare ad asciugarsi, cosa che non avviene in contenitori in plastica)

Allega File  IMG_3140.jpg   45.34K   32 Numero di downloads

per finire, inserisco la bustina nel "contenitore" di bustine

Allega File  IMG_3139.JPG   23.33K   33 Numero di downloads

Buon lavoro!! :thumbsup:
  • 10


#164938 Peperoncino - Quick Start Guide

Inviato da riccardo in 05 August 2010 - 08:20

Il Peperoncino, come è noto, è una pianta semplice da coltivare purché vengano rispettate delle semplici regole.

La prima regola è quella di scegliere varietà autoctone, resistenti e vigorose che ben si sono adattate negli anni alle nostre latitudini. Avrete tempo e modo di dedicarvi a varietà più complicate da gestire e crescere ma non è questo lobiettivo di questa mini-guida!

Questa guida è rivolta a tutti coloro che, privi di esperienza, decidono di dedicarsi alla coltivazione del Peperoncino con facilità e senza troppi pensieri.

Pronti? Bene.

1. PROCURATI DEI SEMI:
Procuratevi dei semi di qualità e preferibilmente di varietà autoctone che ben si adattano al clima locale. Chiedete al nostro forum, oppure chiedete ai principali venditori di semi che sapranno indicarvi le varietà più forti e resistenti e più facili da coltivare.

2. SEMINA e GERMINAZIONE:
La semina più semplice può essere effettuata nel periodo Marzo/Aprile/Maggio in luogo protetto, in una serra o simile, di solito in terriccio da semina. Se coltivate fuori serra potete creare un'ambiente simile applicando della pellicola trasparente sopra il vasetto al fine di creare un "effetto serra".
Prendete un vasetto (di solito si usano vasetti non più grandi di un 7x7cm), riempitelo di terriccio e poi interrate i semi ad una profondità pari al diametro del seme stesso. Se la profondità sarà maggiore no problem a patto che non siano in fondo al vasetto! Potete usare anche dei contenitori alveolati per la semina. Leggete anche questa guida: Link

Una serretta utile alla germinazione:

post-1-12658160725568.jpg

Vasetti seminati con strato di Vermiculite superiore per mantenere l'umidità:

post-1-12696966231762.jpg

Più in avanti imparerete ad usare la germinazione in scottex per aumentare le probabilità di germinazione:(link)

Prendete un nebulizzatore, bagnate molto bene il terriccio e ponete il tutto nella serra. Mantenete costantemente umido il terriccio ma mai zuppo. In termini di un paio di settimane i vostri semini inizieranno a germinare. Usciranno due piccole "foglioline" chiamate cotiledoni. Da quel momento in poi la piccola pianta avrà bisogno di tanta luce e annaffiature regolari ma non eccessive. Annaffiate solo quanto il terriccio è abbastanza asciutto ma mai secco.
Avete seminato più semi in singolo vaso? No problem. Leggete questa guida: (link)

Cotiledoni:
post-1-12709887900787.jpg

3. PRIMO SVILUPPO:
Per ora la piccola piantina non ha bisogno di concimi, date acqua e sole. Trascorso un breve periodo la vostra pianta inizierà a produrre le "foglie vere" a partire dal centro dei cotiledoni fino a produrre vari "livelli" di foglie. Raggiunto il 5°/6° livello di nuove foglie è ora di travasare in un vaso più grande, noterete che alcune radici fuoriscono dal vasetto e comunque togliendo la piantina dal vaso si noteranno che tutte le radici avranno "fasciato" tutto il panetto di terra. In caso contrario attendete ancora.

ATTENZIONE: per le piante nate in light box che vengono spostate in serra durante la primavera occorre fornire un ombreggiamento almeno per 2/3 gg al fine di abituare le foglie ai raggi solari ed evitare scottature. Spostare dunque le piantine verso zone più soleggiate in maniera graduale.


Esempio di ombreggiamento:

post-1-0-78521600-1302006673.jpg


4. RINVASO:
Prendete del terriccio da rinvaso (anche qui potete chiedere al forum quali marche sono migliori) e un vaso nuovo. Preferiamo un vaso dai 20 cm di diametro fino a 30/35 cm. Per una varietà autoctona anche un 22 cm può andare bene. Info aggiuntive le trovate nel capitolo del nostro vademecum: (link)

Pianta pronta al rinvaso:

post-1-12728056790274.jpg

Nel frattempo sarà arrivata la primavera, le temperature notturne saranno superiori ai 18° e potrete tranquillamente lasciare le vostre piantine all'aperto.

5. ALIMENTAZIONE E IRRIGAZIONE:
Trascorso circa 1 mese dal travaso sarà opportuno iniziare una corretta alimentazione alla pianta tramite concimi. In genere nella prima fase si tende a somministrare concimi a più alto titolo di Azoto per poi passare a quelli con più alto titolo di Fosforo e quindi Potassio. Un buon 20-20-20 da orto può anche bastare ed essere sufficiente in questa fase, sopratutto per voi che non avete esperienza e non volete sbagliare. Seguite le istruzioni in etichetta.

Quando la pianta sarà abbastanza grande e i primi fiori inizieranno a spuntare potrete iniziare a somministrare qualcosa di più sbilanciato al potassio es: 12-12-17 oppure 15-5-20 etc etc. Chiedete al forum per il concime o i concimi migliori.

In questi periodi di pianta "adulta" è bene irrigare secondo necessità. Non è semplice all'inizio ma leggendo nel forum e nel paragrafo del vademecum (link) diventerete anche voi esperti http://www.peperonci...O_DIR#/wink.gif

6. FRUTTIFICAZIONE E MATURAZIONE:
Dopo circa 60/90/120 gg dal travaso (a seconda della specie e precocità delle varietà) dovrebbero iniziare a spuntare/maturare i primi peperoncini. Lasciateli crescere, maturare e raccoglieteli preferibilmente con delle forbici per non creare danni alla pianta.

A riguardo potete leggere il pragrafo "Maturazione" nella guida pdf scaricabile al seguente indirizzo (Link) dove troverete anche un paragrafo destinato alla "produzione di semi".

7. FAQ (Frequently Asked Questions):
Non dimenticate di leggere la guida alle Domande Frequenti (link) dove troverete risposta alle domande e agli errori più frequenti ai quali i novizi possono incorrere.

8. OSSERVAZIONI SULLA CRESCITA:
La crescita in Serra, Orto e Indoor (esperienza di Metagold).

Buona Coltivazione http://www.peperonci...O_DIR#/wink.gif
  • 10