• Fiore viola di Capsicum Annuum

  • Trinidad Scorpion Morouga...Brain Strain!

  • Fiore bianco di Capsicum Annuum

  • La "bandiera" di Peperonciniamoci.it (by Fabrizio68)

La semina in terriccio

PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator    Lunedì 28 Novembre 2011 15:50

Torna all'indice


2.4 La semina in terriccio
  (a cura di Luigi55)
 

Germinazione su terriccio:

La crescita dei semi può essere effettuata anche in un terreno povero, come già detto il seme contiene al suo interno le sostanze di riserva che gli consentono l’avvio della germinazione e la crescita della radice e dei cotiledoni. Normalmente però si consiglia di utilizzare un buon terriccio specifico per semine, (se ne trovano di veramente validi in commercio), preferire quelli sterilizzati, addizionare una percentuale dal 20% al 30% di perlite

altalt
Un apporto di materiali come la perlite, rende il terriccio sufficientemente poroso e arieggiato consentendo alle radici una crescita sana e vigorosa.alt Seminare in vasetti singoli, tipo yogurt o bicchieri di plastica, (forati sul fondo), in modo da avere sufficiente spazio di crescita per le radici e non essere costretti a trapiantare troppo presto. Preparare il vasetto mettendo sul fondo uno strato di circa 1-1,5 cm. di argilla espansa (di piccolo calibro) o in alternativa piccoli pezzi di polistirolo espanso, in modo da permettere una veloce fuoruscita dell’acqua in eccesso. Completare il riempimento con il terriccio precedentemente preparato. Alcuni agricoltori consigliano di mettere in superficie uno strato di vermiculite di circa 2 mm e successivamente inserire uno o al massimo due semi nello strato di vermiculite, affondando per una profondità pari alla dimensione del seme (4 – 5 mm al massimo), questo sistema se da un lato permette di mantenere il seme sempre ben umido, da un altro può presentare dei problemi se disponiamo di un germ-box, per gli elevati tassi di umidità che si possono presentare. Pertanto se si dispone di un germ-Light-box con illuminazione dall’alto e con riscaldamento fornito dalle stesse lampade, avremo una situazione in cui lo strato superficiale si asciuga più spesso. In questo caso mi sentirei di consigliare l’utilizzo dello strato superficiale di vermiculite. Nell’altro caso (germ-box con riscaldamento dal basso), si ha una situazione ambientale ricca di umidità, pertanto la vermiculite aumenterebbe notevolmente il rischio di marciume del seme. Per la prima innaffiatura utilizzare un nebulizzatore, innaffiando fino a che non si nota l’acqua fuoriuscire dai buchi sul fondo dei bicchieri. A questo punto lasciare sgrondare bene, e mettere il vasetto/bicchierino nel grow-box. Una volta nel grow-box non innaffiare se non strettamente indispensabile. Dopo che il seme è germinato, togliere il vasetto dal grow.box e metterlo nel light-box sotto Illuminazione, (se il tegumento non si è ancora staccato dalle padule, lasciare ancora una mezza giornata nell’ambiente altamente umido del grow-box, onde permettere il corretto distacco).
 
Trovate la guida completa a questo indirizzo:
 
Ultimo aggiornamento Lunedì 28 Novembre 2011 17:03
 
Peperonciniamoci.it