Jump to content

gianni48

Members
  • Content Count

    2,362
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    110

gianni48 last won the day on June 22

gianni48 had the most liked content!

Community Reputation

897 Ottima

1 Follower

About gianni48

  • Rank
    Red Savina
  • Birthday 07/12/1948

Profile Information

  • Provenienza
    Reggio Emilia
  • Sesso
    M
  • Interessi
    Varie coltivazioni, innesti ed esperimenti vari, foto.

Recent Profile Visitors

6,445 profile views
  1. L'EC era arrivato a 2800 microsiemens/cm soprattutto per l'aggiunta di fosfito di potassio per favorire la fioritura. Notando su alcuni pomodori segni di marciume ho pensato che potesse dipendere da un difetto di calcio ma anche da un eccesso di azoto o addirittura da un eccesso di potassio; ho svuotato il secchio e ho sostituito la soluzione con una con EC a 1200, con poco azoto e molti miscroelementi. Fra le tre componenti (grow, bloom e micro) ho usato un rapporto 1:1:2. . Ho saputo che con il sistema DWC bisogna tenere l'EC basso, altrimenti si può avere un blocco dell'assorbimento dei nutrienti. Ho sicuramente fatto due errori: 1) coltivare due pomodori a crescita indeterminata nello stesso secchio. 2) coltivare pomodori soggetti a marciume apicale. Le melanzane non mi danno problemi. La partenocarpia potrebbe riguardare solo le prime allegagioni, come avviene anche in alcuni peperoncini.
  2. Non posso mostrare tutto l'apparato radicala e nemmeno io lo posso vedere perché il cestello non si solleva più di così. Fortunatamente le piante in idro non hanno subito danni dalla forte grandinata di sabato perchè erano riparate dalla casa; molte altre piante hanno foglie crivellate e rami spezzati. Dopo che ho dimezzate l'EC della soluzione irrorato i pomodori con calcio chelato non vedo più pomodori con segni di marciume apicale. I pomodori che ho mangiato finora sono più piccoli del previsto e privi di semi, comunque sono buoni.
  3. Qui la grandinata, che è stata un po' meno intensa rispetto a Modena, ha comunque crivellato le foglie più larghe e tenere degli ortaggi mentre le viti non hanno subito gravi danni.
  4. Oggi drastica e indesiderata "potatura" di molte piante a causa di tempesta con forte vento. Il megaflexuosum e le piante in idroponica non hanno subito danni; le larghe foglie dei chinense, dei sukanya, delle melanzane e dei portainnesti sono state bucherellate dai grossi chicchi di grandine e le dovrò togliere per evitare il diffondersi di malattie fungine. Sono rimaste quasi integre le foglie apicali e da quelle ricomincerà la vita.
  5. Le piante di pomodoro a crescita determinata arrestano il loro sviluppo dopo che hanno prodotto un certo numero di fiori, la pianta di pomodoro a crescita determinata assume la classica forma a cespuglio. Chi intende coltivare piante di pomodoro in vaso dovrà orientarsi in questo senso. Le piante di pomodoro a crescita indeterminata continuano a svilupparsi in altezza per tutto il ciclo vegetativo, queste varietà sia se coltivate in vaso o in terra, hanno bisogno di supporti per la coltivazione. Si può orientare su questa scelta chi non ha il problema di spazi limitati, queste varietà necessitano di più spazio per svilupparsi ma è anche vero che danno raccolti più abbondanti. Secondo me nel mio caso l'apparato radicale ha esaurito tutte le sue energie per lo sviluppo della pianta di pomodoro (che ha superato i due metri di altezza) e non ha accumulato riserve, cioè non ha formato tuberi. C'è anche da precisare che avevo coltivato la pianta in vaso. Penso che con la melanzana si dovrebbero ottenere anche tuberi.
  6. Tre anni fa ho innestato un cuore di bue (che presenta crescita indeterminata) su patata; ho ottenuto circa 2 Kg di pomodori (tutti buoni) e due piccole patate... da buttare. Sono in vendita pomodori a crescita determinata innestati su patate; credo che si ottengano entrambe le produzioni ma non c'è soddisfazione a spendere 10 euro per acquistare un innesto fatto in vivaio.
  7. Eliminerò la parte sotto all'innesto della melanzana e la parte sopra l'innesto della pianta di patata in modo da avere una melanzana che cresce sulla radice di una patata... si dovrebbero ottenere melanzane e patate ma molto difficilmente si otterranno produzioni soddisfacenti.
  8. Innesto per approssimazione di melanzana su patata. Il callo sembra essersi formato in modo corretto. Fra qualche settimana separerò le piante.
  9. ... In pinzimonio sono decisamente più buoni di quelli del supermercato. Stranamente non contengono semi ... forse partenocarpici ???
  10. Le piante di pomodoro continuano a crescere, a fiorire e ad allegare, però ho dovuto togliere alcuni pomodori perché presentavano segni di marciume apicale; ho cambiato le soluzioni riducendo molto l'azoto e dimezzando l'EC (portandolo a 1200 microsiemens/cm), inoltre ho irrorato le piante con concime fogliare liquido a base di chelati di calcio. Questa sera assaggerò i primi frutti.
  11. Concordo con quanto ha scritto Mario, comunque penso che sia stato sbagliato concimare con chili focus: guarda cos'è successo a Leopoldo; Le conseguenze non sono un po' simili a quelle capitate a te? Le larve degli sciaridi non uccidono direttamente le piante adulte ma possono trasmettere malattie agli apparati radicali.
  12. Se il terriccio che hai usato è questo: http://www.vigorplant.com/it/terriccio-ortaggi ... non dovevi concimare perché nel terriccio ci sono nutrienti per alcuni mesi. L'eccesso di concime e/o di acqua è più dannoso del difetto e spesso ostacola le fioriture e le allegagioni; inoltre favorisce la proliferazione di parassiti e le malattie fungine. Hai scritto che hai sospeso le annaffiature.... penso che sia ancora più importante sospendere le concimazioni. Il mix di rame e zolfo può essere utile ma per ora smetti di concimare.
  13. Il terriccio compatto va smosso per consentire all'ossigeno di arrivare alle radici; poi, se la zolla si è staccata dal vaso, va innaffiato per immersione. La presenza di foglie "a barchetta" e il disseccamento delle infiorescenze, mi fa venire il sospetto che sia presente qualche acaro e in particolare il ragnetto bianco, difficilmente visibile ad occhio nudo e che si dovrebbe trovare sulla pagina inferiore delle foglie. In questo caso si può intervenire con un acaricida ma un metodo consigliato da "lupo solitario" per disfarsi del ragnetto bianco è l'irrorazione con lo zolfo (a secco o bagnabile) perché si è scoperto che i vapori dovuti alla sublimazione dello zolfo uccidono gli acari.
  14. Time lapse del 2016.... ora, fra i pubescens coltivo solo Rocoto Sukanya con fiori bianchi (cioè senza sfumature violacee).
×
×
  • Create New...