Jump to content

gianni48

Members
  • Content Count

    2,465
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    115

gianni48 last won the day on December 10 2019

gianni48 had the most liked content!

Community Reputation

927 Ottima

1 Follower

About gianni48

Profile Information

  • Provenienza
    Reggio Emilia
  • Sesso
    M
  • Interessi
    Varie coltivazioni, innesti ed esperimenti vari, foto.

Recent Profile Visitors

7,267 profile views
  1. Ciao Sauro, ci riconosci???
  2. Il coronavirus della SARS era comparso nel novembre del 2002 ed è sparito in agosto del 2003... però ha colpito altre parti della terra... questo invece ci ha presi in pieno !!!
  3. Spero che con l'aumento della temperatura, la maggiore intensità dei raggi UV e ovviamente il rispetto delle regole per evitare contatti porti alla scomparsa del virus.
  4. Vari articoli come questo: https://valori.it/coronavirus-lombardia-polveri-sottili-pm10/ e il fatto che a Wuhan e nella pianura padana i valori del pm10, del pm2,5 ecc. sono molto elevati, fanno temere che il coronavirus possa essere veicolato dalle polveri sottili anche se non c'è una vera prova scientifica. Potrebbe essere utile fare qualche tampone sulle polveri raccolte nei filtri delle centraline... Nel dubbio, anche sotto casa terrò la mascherina e non arieggerò gli ambienti interni.
  5. Ciao, so che sono in buone mani Ciao, a me piace sperimentare ma continuerò a coltivare piante per le preparazioni "soft" come il PI 439410 (che penso sia l'Aji Rojo) e altri baccatum da farcire. Ciao, nell'anno scorso ho coltivato in idroponica un annuum le cui foglie sono rimaste tutte verdi; voglio vedere se questo avviene anche nel lanceolatum, nel quale alcune foglie ingialliscono. I brik consentono di trapiantare i pomodori profondamente e di stimolare la formazione di radici lungo il fusto. Grazie a tutti!!
  6. Ho numerose piante in svernamento che occupano molto spazio ... e tempo, quindi ridurrò le nuove attività. Sto coltivando nuove piante di C. lanceolatum: 8 in vaso e 2 in idroponica. Molte piante in vaso hanno aperto i fiori e alcune presentano le prime allegagioni: Le due piante in idro crescono bene e, a differenza di quelle in vaso, non presentano foglie gialle. Sto anche coltivando pomodorini partenocarpici (che dovrebbero essere senza semi... vedremo) Intanto alcune piante nella stanza di svernamento, continuano a svilupparsi, anche se lentamente: ecco un frutto del Sukanya di Sauro.
  7. Lo scopo è quello di vedere se questa pianta ha una crescita migliore in idroponica DWC. Ho posto un cubetto di lana di roccia con due piantine allo stadio di due foglie definitive in un bicchiere di plastica che ho inserito in una bottiglia di plastica, piena di soluzione nutritiva, con una pietra porosa sul fondo collegata attraverso un tubo di plastica ad una piccola pompa ad aria. Qui si nota la pompa ad aria che deve essere posta più in alto rispetto al livello della soluzione per evitare un reflusso in caso di interruzione del funzionamento. Oltre alle piante in idroponica nello stesso box ho coltivato dei c. lanceolatum in vasetti per un confronto. La bottiglia è protetta dalla luce da carta di alluminio. Togliendo la copertura si possono vedere le radici, che appaiono sane e ben sviluppate. Sulla pianta compaiono i primi boccioli La luce è data da un faro a led da 50 w per 12 ore al giorno. Ho ottenuto la soluzione nutritiva mescolando ad acqua demineralizzata attraverso osmosi inversa, FloraMato e Flora micro in parti uguali, fino ad arrivare ad una conducibilità della soluzione di 1000 microsiemens/cm. Oggi ho rinnovato la soluzione e ho portato la CE a 1300 microsiemens/cm
  8. I primi esperimenti sui rocoto li ho tentati dopo uno scambio di idee con Marcello in un altro forum, per vedere se in un clima mite come quello della sua zona il rocoto poteva essere utilizzato come base per "alberi di peperoncini"; da me non ci sono speranze nemmeno con copertura con tnt. Ho provato con il flexuosum che resiste al clima della pianura padana ma come ho scritto gli innesti sono gelati (non ho protetto con tnt).Inoltre sul flexuosum quasi tutti gli innesti (tranne quello di un royal black) hanno avuto uno scarso sviluppo.
  9. Alla fine dell'estate del 2014 ho innestato degli annuum su rocoto perché volevo vedere se c'era affinità. Gli innesti hanno legato facilmente nonostante la stagione avanzata. Le piante lasciate fuori ovviamente sono gelate mentre in quelle svernate in ambiente protetto dal freddo hanno continuato a vegetare anche gli innesti: Innesto di un annuum ornamentale su rocoto Sviluppo dell'innesto e prima allegagione Sviluppo di un innesto in ambiente protetto Negli anni successivi ho eseguito molti innesti a spacco pieno su dei C. flexuosum per vedere se resistevano ai nostri inverni; gli innesti hanno attecchito ma in molti casi lo sviluppo è stato modesto e d'inverno sono gelati mentre i portainnesti hanno quasi tutti resistito al gelo.
  10. Mi riferivo ai sacchi del verde che distribuiscono gratuitamente presso le isole ecologiche e che servono per il servizio di raccolta delle potature Va bene anche la bacinella, però penso che sia il caso di praticare dei fori per il drenaggio.
  11. Forse vanno meglio i sacchi per il verde che consentono il drenaggio e l'aerazione del terriccio. Io ho ottenuto buoni risultati mescolando terriccio, letame e residui vegetali, fra i quali sono molto utili le brassicacee (soprattutto il rafano e la rucola per la loro azione biofumigante) https://agronotizie.imagelinenetwork.com/difesa-e-diserbo/2017/09/22/biofumigazione-un-aiuto-nel-contrasto-ai-nematodi/55632 La rucola può essere coltivata assieme ai peperoni e ai pomodori perchè le sue radici svolgono funzione di trappola per molti nematodi.
  12. Spero che il flexuosum superi l'inverno senza protezione (mi limiterò ad accumulare foglie e altri residui vegetali alla sua base).
  13. Se ti manca qualche anno te lo posso regalare
  14. Chiltepin cappuccino nano di un anno (ne farò un bonchi) C. glabriusculum di 6 anni
  15. Per ora tratto le piante con insetticidi e con acaricidi per evitare la proliferazione di ospiti indesiderati durante lo svernamento.
×
×
  • Create New...