Jump to content

gianni48

Members
  • Content Count

    2,490
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    118

Everything posted by gianni48

  1. Oggi sono venuti a pranzo figli e nipoti. Abbiamo fatto assaggiare il risotto al levistico preparato seguendo questa ricetta: https://unanotadizenzero.wordpress.com/2014/05/18/risotto-al-levistico-sedano-di-montagna/ Poi abbiamo preparato i pomodori (partenocarpici e non) in insalata. Il levistico è piaciuto a tutti; per quanto riguarda i pomodori partenocarpici i giudizi sono stati diversi e la mia nuora ha detto che le piace molto la gelatina che si trova attorno ai semi dei pomodori non partenocarpici perché è succosa. Io penso che i pomodori apireni siano deliziosi e molto adatti ad essere cotti interi. La produzione delle piante è precoce e abbastanza abbondante, la pezzatura dei frutti è disomogenea, la resistenza alle malattie mi sembra buona... sto tenendo sotto controllo la popolazione di mosche bianche con l'olio di neem, per il resto finora nessun problema. Continuerò a coltivare questi pomodori assieme ad altri come i cuore di bue più tardivi e forse più indicati per le insalate.
  2. Questa mattina ho raccolto i pomodori da una pianta partenocarpica. Alcuni frutti sono piccoli, tondi e senza semi, altri frutti più grossi e leggermente costoluti, contengono dei semi.
  3. Questo inverno in Emilia è stato piuttosto mite e anche da me hanno superato lo svernamento all'aperto solanacee che normalmente gelano. Alcuni anni fa ho costruito una serra fredda a ridosso della casa e le piante che vi ho fatto svernare sono sopravvissute. Credo che la serra fredda riduca un po' l'abbassamento della temperatura notturna (questo dipende anche dalle sue dimensioni, dalla posizione e dal materiale con cui è fatta) ma soprattutto la serra fredda ripara dal vento, che spesso è causa di gelate.
  4. Oggi ho raccolto alcuni pomodori maturi e, con un taglio trasversale ho notato che i più grossi hanno alcuni semi e gli altri non ne hanno; questo mi fa ritenere che i piccoli siano veramente partenocarpici. Il sapore del frutto fresco è buono; ottimo dopo cottura al forno.
  5. Gli innesti multipli possono anche continuare a produrre durante lo svernamento: Nello svernamento però si può avere una diffusione di malattie. Per quanto riguarda innesti singoli, ho ottenuto interessanti risultati usando come portainnesti dei peperoni: Gli esperimenti di innesti di peppers su Solanum torvum, su Solanum chrysotrichum e su Solanum mauritianum fatti da me e da altri (come Marcello79) sono sempre falliti.
  6. Su un portainnesto adatto si possono innestare diverse varietà di peperoncini, ottenendo un risultato come questo: Per questo esperimento avevo usato come portainnesto un Pimenta da Neyde.
  7. E' vero, alcuni anni fa ho fatto innesti su rocoto ma lo scopo era soprattutto vedere se questo peperoncino è un buon portainnesto non pensavo che avrebbe dato resistenza al freddo perché ai nostri freddi non resiste nemmeno lui. La cosa interessava invece quelli che, come Marcello79 coltivano in zone dove le temperature non scendono mai sotto zero. Il Rocoto si è rivelato un buon portainnesto ma e se lo si tiene in ambiente luminoso e non troppo freddo gli innesti hanno buone possibilità di superare l'inverno. Ho provato con il flexuosum sul quale però gli innesti non hanno avuto uno sviluppo soddisfacente e nell'inverno sono tutti gelati mentre il portainnesto nell'anno successivo ha formato nuovi germogli. Ho letto che mediante tecniche molto raffinate di ingegneria genetica si sta cercando di trasferire la resistenza al freddo del flexuosum su varietà coltivate ma non credo che si sia ottenuto qualche risultato... (che comunque sarebbe un ogm).
  8. Un anno fa ho assaggiato in un antipasto presso un ristorante a Novellara dei pomodorini senza semi, cotti al forno e mi sono piaciuti; pensando che fossero partenocarpici, ho fatto una ricerca in rete con le parole chiave "pomodoro" e "partenocarpia" e ho trovato il pomodoro di varietà "Promyk", che secondo una descrizione su Amazon e su altri siti che vendono semi, è molto precoce grazie alla "partenocarpia", Pensavo che, come in alcuni peppers si sviluppassero per partenocarpia i primi frutti e invece i primi pomodori che ho raccolto hanno dei semi, anche se pochi. Penso quindi che non sia una partenocarpia ma semplice autofecondazione. Quanto alla precocità, nelle descrizioni si legge che la produzione comincia in luglio; io ho raccolto il primo frutto il 9 maggio perché ho seminato in gennaio in ambiente caldo e abbastanza luminoso. I primi frutti sono molto più saporiti di quelli del supermercato
  9. Io andrei in un vivaio e cercherei qualche pianta di peperoncini da appartamento, con frutti piccoli e fogliame verde scuro (che saranno assai probabilmente dei Capsicum annuum); anche se è a nord il tuo balcone è illuminato dal sole al mattino e alla sera e queste piante cresceranno bene; i loro frutti sono in genere piuttosto piccanti e abbastanza buoni.
  10. Ho anch'io consigliato un pubescens; vanno bene anche i lanceolatum, che però sono solo per collezionisti, hanno de bei fiori ma le piante non hanno un bell'aspetto e i frutti non si usano in cucina.
  11. Potrebbe andar bene un pubescens, ad esempio un Rocoto Mini Red, che non dà grossi problemi e forse riuscirai ad ottenere un raccolto. I pubescens nei mesi caldi soffrono il sole diretto, quindi li sposto sul lato nord della casa. Le piante sono belle, producono dei bei fiori e molti frutti, però a me non piace il loro sapore.
  12. 😄... dovrebbe bastare per un po'... A me fa pensare ad un'unità di terapia intensiva...
  13. A causa della rapida crescita ho dovuto usare un light-box più spazioso... ...ho anche aggiunto un sistema pompa-pietra porosa; ora sono tre
  14. Finora solo i lanceolatum che ho coltivato all'ombra hanno dato dei frutti (pochi). Forse queste piante temono i raggi UV del sole intenso. Questa prende molta luce ma pochi raggi UV e produce molte bacche nelle parti meno illuminate.
  15. Gli internodi sono più corti degli altri lanceolatum e anche i rami sono più corti ma più robusti. L'espansione della chioma (più ordinata rispetto alle altre piante della stessa specie) è limitata dalle dimensioni del "light-box" e dal fatto che il faro è appoggiato sull'apertura poco sopra le foglie. I boccioli, i fiori e i frutti però sono piuttosto numerosi e soprattutto non ci sono ingiallimenti di foglie. Ho aggiunto una seconda pompa collegata ad una pietra porosa per avere più ossigeno alle radici. Dovrò comunque allargare il light-box perché in questo la pianta comincia a starci stretta.
  16. Le radici hanno riempito la bottiglia... è ora di cambiare contenitore. Soluzine nutritiva Grow, Bloom e Micro 1:1:1, fino a raggiungere un EC intorno ai 1600 microsiemens/cm. Per non rovinare le radici non ho usato il cestello; ho rimesso contenitore e pianta nel light-box, sotto al faretto da 50 W, con fotoperiodo di 12 ore: visto che in queste condizioni lo sviluppo è stato molto buono, non le ho cambiate; penso di aggiungere una pietra porosa e una pompa ad aria per aumentare l'ossigenazione alle radici.
  17. Grazie per i complimenti... Ho fatto il video per rispondere a richieste di spiegazioni, ma di questi tempi il divertimento è purtroppo amaro. 😗
  18. Piantine di Aji Rojo e di levistico.
  19. Solo per over 70
  20. 😀 Levami una curiosità: tu giochi a tennis?
  21. Il mio stile lascia a desiderare ... sono un palettaro!! Il racchettone che uso nel video (il GAMMA RZR 137) è sconsigliato dai tecnici ma l'ho preso perché ha un piatto corde enorme e un profilo basso che dovrebbe favorire lo spin e il rovescio a due mani; è leggero ma ha un momento d'inerzia elevato che lo rende poco maneggevole e mi ci devo adattare. Ho altre racchette over size molto più maneggevoli ma voglio abituarmi a questo. Il rimbalzatore non rimanda la palla in modo prevedibile e il rimbalzo sulle mattonelle è spesso irregolare; inoltre non credo che con mia nipote avrò bisogno di un'apertura alla Roger Federer.
  22. Un ritorno di fiamma https://youtu.be/pjG9QrMeaL4
  23. Però le piante rimaste fuori, nonostante l'inverno mite, sono quasi tutte gelate; hanno superato l'inverno i flexuosum e qualche solanum da portainnesto... gli innesti sono gelati.
  24. Ne ha perse poche, non so se questo è un bene, comunque quelle che sono rimaste sono sane e vedremo quando riprenderà a vegetare. Le ho dato un po' di osmocote universale e penso che dia buoni risultati.
×
×
  • Create New...