Jump to content

Bandreus

Members
  • Content Count

    34
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

5 Neutra

About Bandreus

  • Rank
    Peperone dolce

Profile Information

  • Provenienza
    Sicilia
  • Sesso
    M
  1. Puoi usare due medoti: 1) Riempi i vasetti con la salsa appena tolta dal fuoco ed ancora bollente, tappi i barattoli con i loro coperchi e li capovolgi sottosopra. Io, quando uso questo metodo, avvolgo tutto per bene con un canovaccio/copertina e lascio così i barattoli tutta la notte. oppure: 2) Dopo aver invasettato e tappato i barattoli, li disponi in una pentola sufficientemente grande da accoglierli tutti. Se utilizzi questo metodo, devi prima aspettare che i vasetti (riempiti col sugo caldo) si siano raffreddati. Anche in questo caso è consigliabile avvolgere i vasetti in un
  2. Salve ragazzi. Non ho ancora provato la preparazione del "simil Tabasco" (provvederò quest'anno) ma complimenti ugualmente per il thread, molto interessante. In virtù delle mie precedenti esperienze con prodotti fermentati di varia natura vorrei però contribuire alla discussione, aiutando a chiarire alcuni dubbi che sembrano essere abbastanza frequenti. Innanzitutto, sulla sempre annosa questione Botulino. Ebbene, nel caso di questa ricetta il rischio è quasi nullo. Aggiungendo alla polpa/purea un 5-6% (in peso) di sale rispetto ai pepper, praticamente ottenete una salamoia all'interno
  3. Sì ma dicci almeno che terriccio hai utilizzato, se possibile fai direttamente una foto alla confezione dello stesso. Sembrerebbe quasi fibra di cocco pura. Senza questo genere di informazione è difficile dare consigli concreti. A giudicare dalla foto, la pianta sta davvero soffrendo troppo. Anche io vivo in Sicilia (costa tirrenica), le mie piante sono state esposte al sole diretto fin da subito e non hanno mai accusato problemi così seri. In attesa di maggiori informazioni sulla composizione del terriccio, l'unico consiglio che mi sento di darti è quello di tenere la pianta all'ombra
  4. Se bastasse mettersi 5 piantine di Carolina per tirare sù 3.000€, in questo forum ci sarebbe gente ad appicciarsi il sigarone cubano con le carte da 500
  5. Che bella Mondello <3 Inviato dal mio A0001 utilizzando Tapatalk
  6. Abbi fiducia, dalla foto non mi sembrano messe troppo male. Hanno sofferto un po' chiaramente, quindi potrebbero subire un piccolo ritardo nello sviluppo. Nulla che non possa essere risolto con un po' di affetto ed incoraggiamento Tienile d'occhio e posta per aggiornamenti
  7. Non saprei se la lavanda ha effetto particolarmente efficace contro gli afidi. Mi preoccuperei di più delle formiche, perché molte specie allevano gli afidi. Se provvedi a rimuovere solo gli afidi e non le formiche, rischi di ritrovarti le piante nuovamente infestate nel giro di poco tempo e senza spiegazione (apparente). Inoltre, se concimi le tue piante, ti consiglio di ridurre (o sospendere del tutto) tale pratica, almeno per un po'. Nella mia limitata esperienza, piante fertilizzate regolarmente sembrano più soggette agli attacchi di afidi ed altri parassiti, specie se si eccede co
  8. Non riesco a capire benissimo dalle foto. Mi sembra di vedere qualche afide, quelle biancastre potrebbero essere cocciniglie? Per la rimozione, se il problema si presenta su quella singola pianta, puoi armati di cotonfioc imbevuto di alcool puro (o di acqua nella quale ai sciolto del sapone di Marsiglia in scaglie), oltre che di una buona dose di pazienza, e procedere alla rimozione manuale. L'operazione va fatta nelle ore più fresche della giornata (mattina presto o sera) onde evitare scottature. Se l'infestazione è particolarmente estesa o interessa un elevato numero di piante, invec
  9. Non so, tipicamente le foglie accartocciate sono sintomo di disidratazione (dovuta ad innaffiature scarse, temperature o insolazione elevate, danni all'apparato radicale, ecc), oppure (ma non è il tuo caso) eccesso di azoto tramite fertilizzante. In ultima istanza la cosa può anche essere imputabile ad attacchi di parassiti, ma dato che sono piante mai esposte all'ambiente esterno escluderei... Prima del cambio di terriccio erano nei classici bicchierini da caffè per caso? Con contenitori piccoli è più facile che si verifichino problemi legati alle innaffiature, perché ovviamente il su
  10. Secondo me potrebbe essere imputabile a scarsa irrigazione e/o temperatura troppo alta. Ogni quanto le annaffi? È bene aspettare che il terriccio si asciughi prima di bagnare nuovamente, ma non bisognerebbe mai far seccare completamente, altrimenti l'apparato radicale subisce danni anche gravi. Inoltre per un po' eviterei di esporre le piante al sole diretto durante le ore piu calde del giorno. Se invece le tieni in un lightbox, può darsi che la temperatura salga troppo rendendo necessaria una ventilazione migliore. Pensi possa trattarsi di una delle due cose? A guardarle escludere
  11. Per caso hai somministrato concime? Inviato dal mio A0001 utilizzando Tapatalk
  12. Toglierei per lo meno quelle più vicine al terreno, perché più soggette ad attacchi funginei e muffe dovuti all'umidità delle innaffiature. Asportare qualche foglia non stressa particolarmente la pianta, quindi vai tranquillo. Se usi delle forbici, assicurati soltanto che siano ben pulite (magari anche disinfettate, con un prodotto apposito o con la fiamma di un semplice accendino) in modo tale da minimizzare il rischio di infezione. Buona coltivazione e in bocca al pepper! Inviato dal mio A0001 utilizzando Tapatalk
  13. Dici nella mia esperienza quotidiana di coltivatore? Mi baso su qualunque "indizio" possa dare informazioni utili. Il modo in cui crescono le piante è sicuramente quello che da le informazioni maggiori, anche se non è l'unico. Inoltre bisogna avere anche un minimo di esperienza, perché spesso determinati "sintomi" non indicano univocamente un problema escludendo tutti gli altri. Se le foglie hanno un colore molto pallido (come nel caso di Aco) ad esempio, la causa potrebbe essere la presenza di cloro nell'acqua d'irrigazione, oppure uno tra mille altri. In questo caso, dato che le fogl
  14. Ciao. Penso proprio che le tue piante abbiano incontrato un problema di PH troppo alcalino. Le piante di peperoncino crescono rigogliose in un substrato con PH da 6 a 7 (leggermente acido), altrimenti non riescono ad assorbire i giusti microelementi dal terreno. Sia il colore pallido delle foglie che il loro essersi "accartocciate" (tipico di tutte quelle situazioni in cui la pianta non riesce ad assimilare il calcio) mi fanno pensare il problema sia questo. Non so dirti se il terriccio che avevi usato era adatto, ma aggiungere la cenere di legna ha sicuramente aggravato la situazione.
  15. Una precisazione d'obbligo: nel caso di acidificazione mediante bollitura, la percentuale di acido acetico deve essere pari almeno al 6% se si usa la miscela 50/50 con acqua. I più comuni aceti da tavola di solito vanno bene (aceto di vino bianco, distillato, ecc.). Ma controllate l'etichetta! Almeno 6%. Se invece l'aceto ha percentuale inferiore (es. aceto di mele che di solito ha il 5% di a.a.), allora lo si può usare ugualmente, ma puro (cioè senza diluirlo con acqua. Questo sempre secondo le indicazioni del ministero della salute. Per fare l'olio piccante personalmente pref
×
×
  • Create New...