Jump to content

neobepmat

Members
  • Content Count

    5,728
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    44

neobepmat last won the day on September 27 2017

neobepmat had the most liked content!

Community Reputation

325 Buona

About neobepmat

  • Rank
    Bhut Jolokia

Profile Information

  • Provenienza
    Piacenza, Italia
  • Sesso
    M
  • Interessi
    peppers, airliners, foto, musica, informatica

Recent Profile Visitors

1,418 profile views
  1. Senza un misuratore di PH e di EC diventa un po' complesso controllare un DWC. Uno dei punti più a favore di questo sistema è il grado di controllo su quanto la pianta "si ciba" della tua soluzione e senza degli strumenti di controllo lo vai un po' a vanificare. Però tutto è possible, quindi...
  2. Belle belle! Occhio a non viziarle troppo, un po' devono soffire per poterti poi ben ben scottare
  3. Mai visto piantine così avanzate ma ancora incastrate nei semi! Sai che mi verrebbe addirittura il dubbio che siano dei pepper? Sarà la foto, ma il seme mi sembra un po' troppo grandicello. Inoltre, se i cotiledoni non si liberano, difficile riescano a nascere foglie: i primi processi di fotosintesi passano dai cotiledoni e se questi sono impigliati, le probabilità che le piante crescano sono molto basse. Per quanto riguarda il terriccio, la prossima volta magari cercane uno migliore anche come tipologia al tatto. Alla vista sembra un terriccio universale. E gli annum meriterebbero un travaso per poter proseguire a crescere.
  4. Niente male, probabilmente vista la dimensione del tuo orto io non andrei nemmeno a pacciamare, ma de gustibus... Se vuoi partire low-level, puoi usare anche i sacchi della spazzatura tagliati in due. Io di solito uso dei teli di plastica molto più rigida ma ho anche una superficie maggiore, nel tuo caso potrebbe essere sufficiente. Curiosità, ma da che direzione arriva il sole?
  5. Occhio a non piazzare per troppo tempo le piante direttamente sotto il sole, non sono abituate e potresti scottare le foglie rallentandole. Devi darle poche ore di sole gradualmente, le foglie delle piante nate e "svezzate" in lightbox sono più sottili
  6. E' un materiale che appare carta stagnola, ma che in realtà è un foglio completamente lavorato per diffondere la luce in più direzioni contemporaneamente. Costa un po' troppo anche se l'ho messo pure io nel mio lightbox. In teoria è meglio della stagnola. Per germinare più che altro serve che la terra sia bella umida (non fradicia) e la T° dipende da quali semi vuoi far germinare. Comunque mai passare i 25-26° misurati nella terra però (se fai direttamente in terra) altrimenti i semi li cuoci. Non servono più di 10-12 ore di luce: con la CFL a 200W dovrai tenere una distanza minima dalla pianta più alta di almeno 15cm, controlla che non sia troppo. Il top per la prima crescita sono i neon, meglio quelli ad hoc per le piante tipo OSRAM FLUORA. Per quanto riguarda la fioritura, è ancora un po' presto parlarne, ma non penserei ad una coltivazione completamente INDOOR specialmente dalle te parti
  7. Se fosse attacco fungineo, potrebbe arrestare l'avanzata. Mettere in quarantena le piante colpite dalle immacolate sarebbe cosà buona. Prova anche a cambiare posizione a qualcuna e guarda il comportamento osservando le foglie più giovani
  8. Il metodo stabilizzatore pH limone non sarà appunto stabile, ti conviene passare ad un ph- pH+ ad hoc (vedi le proposte online sui siti ad hoc per esempio). Ciò nonostante il tuo "esperimento" merita i miei applausi ed il mio interesse. Se avessi tempo tenterei anche io, chi lo sa... Per il momento, applausi
  9. Le sbiancature sono bruciature da esposizione solare un po frettolosa (solo luce indoor prima?). I punti mi sembrano collegati, le foglie nuove non ne hanno mi sembra, anche se pare un attacco fungineo. Sempre graduale esposizione al sole, lo spessore delle foglie è minimo quando si nasce e cresce indoor.
  10. Non è una cosa brutta da dire, anzi mi trovi d'accordo. Per mia esperienza (pur limitata nel tempo, ovviamente) posso "osar dire che " troppi sono i parametri per cui, da una stessa pianta, si possono ottenere risultati non conformi. Nel mentre che ci sono, sparo anche io le mie cartuccie anche se non sono molto forte nel riconoscimento dei vari peppers. 11 Ring of Fire 12 Naranja 13 Chocolate Beauty 14 Aji Cito 15 Cyklon
  11. Chinense lo è sul resto, difficile davvero a dirsi, mi sa che ti tocca aspettare qualche frutto meno "stitico"
  12. Ciao Mister mi sono rivisto solo stasera qualche tua pagina indietro, i tuoi peppers quest'anno sono davvero fenomenali Tra quantità, qualità dei colori e delle forme...sei davvero da top! Purtroppo quest'anno mi sono un po' allontanato causa poco tempo, ma spero in futuro di tornare un po' più spesso ed anche di potermi dedicare con più assiduità alla coltivazione perchè quando vedo le tue piante, mi vien sempre voglia di coltivare
  13. Complimenti per la coltivazione 2014 quando sei partito a germinare? Un saluto da un tuo concittadino
  14. Dopo tanto, tanto, tanto...molto tempo, ecco anche un mio aggiornamento. Telegrafico. Nei vasi, l'apocalisse. Ma in negativo. In terra, il paradiso. Ma si è aspettato davvero tanto. Però, l'attesa ne è valsa la pena. Qualche foto, poi magari più in la un reportage più succoso e completo: ma direi che anche quest'anno ho portato a casa la pellaccia
  15. Bah, piuttosto difficile da dire cosa sia. Potrei farvi vedere 3 piante di 7Pot identiche a questi frutti. Non per essere polemico, solo per dire che a mio modesto avviso sia davvero ai limiti dell'impossibile azzeccare la varietà. La specie è già più facile, ma è comunque davvero ostico. Dico questo perchè, a stretta osservazione delle piante cresciute, in luoghi diversi contraddistinti da differenti proprietà del clima (ma non solo, periodi dell'anno) i frutti molto spesso sono piuttosto poco conformi a quanto atteso ma anche tra di loro nella stessa pianta. Proprio quest'anno, con le condizioni meteo piuttosto "particolare" (per non usare termini poco consoni per un forum), stesse piante hanno visto frutti per niente omogenei nella forma. Per questo dico che è piuttosto facile cadere in valutazioni "errate". Potendo sbagliare, direi che ha poca rugosità per essere un Morouga. Oltre a ciò, il frutto in questione è piuttosto piccolo per essere portato a campione (a mio parere si intende). I Morouga mediamente sono tutti piuttosto grossi e mediamente più scorpionati rispetto alle foto mostrate. Difficile dire la varietà: siamo molto probabilmente di fronte ad un Chinense caraibico, Trinidad Scorpion. Sulla specifica varietò, non riuscirei a sbilanciarmi e per farlo dovrei vedere più frutti della stessa pianta.
×
×
  • Create New...