Jump to content

LoneWolf

Members
  • Posts

    499
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by LoneWolf

  1. Se alludi all'Associazione di cui sono presidente, la risposta è molto semplice. La produzione di semi puri in serra a prova d'insetto non funziona per C.pubescens, troppo caldo. Negli ultimi anni ho volutamente evitato di coltivare C.pubescens per poter produrre semi puri di C.cardenasii e C.eximium in monocoltura, senza rischio di impollinazioni incrociate indesiderate con C.pubescens. In ogni caso, non possiamo avere semi di ogni varietà interessante ... ogni anno dobbiamo fare delle scelte su cosa coltivare per la produzione semi. La varietà Sukanya non è disponibile nella lista semi "per tutti", non puoi sapere se è nella lista riservata ai soci. Posso assicurare che abbiamo semi puri di Sukanya (pochi). Da nessuna parte dello statuto è scritto che l'Associazione distribuisce solo semi puri; è una nostra scelta, certo, ma non inventarti il nostro Statuto; è pubblico e basta leggerlo. Non ho la più pallida idea di cosa intendi ... Conosco un solo appassionato australiano (Junglerain), ma non ho contatti da anni e di certo nessun accordo di nessun tipo.
  2. Ritengo che i messaggi scritti da mascalzone in questo topic contengano insinuazioni non dimostrate e offensive nei miei confronti. In base alle norme di comportamento del forum: chiedo all'amministratore di rimuovere i messaggi, incluse le citazioni degli stessi in messaggi di risposta. Grazie Claudio (Lonewolf)
  3. Conosco l'argomento yes!
  4. L'osservazione in realta' non e' tanto precisa. Il test da oltre 1,5 milioni shu infatti si riferisce al Dorset Naga: http://www.peppersbypost.biz/dorsetnaga/gr...pling_2006.html
  5. Il Severin si trova a 74 anche su MisterPrice (67+7 ) ma cercando un po' anche a meno. Per un confronto bisognerebbe conoscere almeno le dimensioni delle griglie dell'altro modello. Nel confronto Severin-Bomann per esempio e' risultato che (tralasciando altre differenze) il Severin e' almeno il 30% piu' capiente, il che ovviamente ha una certa importanza. Importanti anche altre caratteristiche, per esempio la possibilita' di scegliere tra diverse temperature (assente nel Severin). Purtroppo spesso le schede tecniche sono un po' carenti. Certo il Severin e' ormai collaudatissimo (assicuro ... yes!); la tecnologia di questi elettrodomestici e' peraltro cosi' semplice che non ci dovrebbero proprio essere brutte sorprese.
  6. L'ho trovato sul sito del produttore. http://www.dcgeltronic.com/prodotto.asp?ID=142 E' un modello che non avevo mai visto. Il principio di funzionamente sembra analogo al Severin (aria dal basso), le griglie sembrano 5 (a differenza di quanto indicato nella scheda). Non sono specificate le dimensioni delle griglie (dettaglio importante), ne il prezzo ... su eBay quanto costa ?
  7. No, ma a volte si tratta poi in pratica di uno dei modelli noti (p.es. Bomann). Puoi postare una foto o un link ?
  8. OT: La Neyde in versione "esperta coltivatrice" (stasera in questo e altri topic) mi piace di piu' ... Va bene cosi'
  9. Pako, c'e' solo una possibile spiegazione alla "maratona" di tua moglie ... il peperoncino deve avere su di te degli effetti entusiasmanti hehe
  10. Bravo ! yes! Ma le piantine dov'erano mentre il platano si piegava in quel modo ?
  11. Grazie per i consigli. Ho a disposizione una grande quantita' di rete in plastica a maglie esagonali larghe un paio di cm, penso sia perfetta (anche perche', com'e' noto, innaffio dal basso e la presenza della rete non mi crea il minimo disturbo). Inizio con le piante piu' soggette (in particolare il povero rocoto ravanato ormai almeno 20 volte), se poi il merlo si sposta su altre piante ... le proteggo tutte.
  12. Anche se non ne ho piu' parlato, la battaglia con il merlo continua ... doh! Anche il verso del falco non lo disturba piu' di tanto. Nelle ultime settimane il suoi attacchi si sono concentrati su un'unica pianta, un rocoto proprio nel punto piu' remoto del balcone. Sulle altre piante solo qualche timida puntatina qua e la, niente di grave. Nel weekend scorso, in occasione del raccolto, ho deciso di spostare quella pianta perche' mi ostacolava troppo l'accesso ad altre piante; l'ho sistemata in giardino esattamente dall'altra parte della casa rispetto alla vecchia posizione (ad almeno 15 metri di distanza). Non ci crederete, il maledetto ha colpito ancora ripetutamente sempre la stessa pianta ! doh! I merli riconoscono le varieta' di peperoncino (anche da lontano) ??? e amano particolarmente la terra sotto i rocoto ???? Oggi l'ho colto sul fatto, ma non mi e' sembrato particolarmente spaventato ... Il fatto che prediliga una pianta specifica renderebbe facile adottare qualche rimedio "definitivo" (trappola per topi? verme avvelenato?) ma sinceramente non ho il coraggio di fargli del male ... Qualcuno ha qualche idea meno drastica ? Potrei coprire il terriccio di quella pianta (ma in modo molto solido, il tnt solo appoggiato lo ha gia' raspato via da molto tempo, insieme con i pezzi di legno appuntiti piantati nel terriccio); pero' temo che si possa poi spostare su altre piante ... Pazzesco! Non ho visto un solo afide in tutto l'anno e devo combattere ogni giorno con questo astuto pennuto hehe
  13. Si, l'argomento e' gia' stato trattato qui: http://peperoncino.peperonciniamoci.it/cms...?showtopic=3091 Il danno e' provocato da un'ape, ma com'e' spiegato nel topic e' preferibile lasciarla fare perche' e' un'ottima impollinatrice. Magari la sua attivita' "da geometra" puo' essere lo spunto per qualche bella foto. Ps. Grazie ibc, non avevo visto la tua risposta ...
  14. Si, le giornate si sono accorciate ... settembre si avvicina e le piante iniziano a produrre davvero ... bel raccolto, boss ! Oggi ho guardato con occhio critico le piante cercando di valutare quanto ci sara' da raccogliere nel week-end ... mammaaaa doh!
  15. @AR64SH i tuoi habanero giallo e rosso hanno una forma insolita ... a dire il vero mi sembrano proprio dei fatalii ... @Arthur Se cogli i frutti rossi man mano che maturano stimoli la pianta a produrre nuovi fiori e frutti; direi che e' sicuramente una buona cosa. Se cogli pochi frutti li puoi conservare in frigo anche per 15-20 giorni. Il freezer e' ok solo per lunghe conservazioni, perche' quando li togli tendono a inflaccidire e devi consumarli in fretta. L'alternativa e' ovviamente essiccarli o prepararli in altro modo (sottaceto, sottolio, salse ecc).
  16. Devi semplicemente determinare il tempo di carenza (cioe' quanto impiega il principio attivo a degradarsi), aggiungere un margine di sicurezza e poi puoi usare i frutti (se nel frattempo non sono marciti). Il malathion comunque non e' tra i fosfoorganici piu' potenti: la DL50 e' circa 1500 mg/Kg (contro per esempio 1-3 mg/Kg del TEPP (!) o i 14-42 del metilparathion ecc) Pero' ha una lunga persistenza; il mio manuale di entomologia parla di 6 mesi in ambienti chiusi, molto meno all'aperto (senza altri dettagli).
  17. La newsletter di oggi di Dave DeWitt inizia cosi' ... http://www.eureka-sas.it/temp/davedewitt12.pdf Complimenti a Riccardo! (e a tutti noi)
  18. Non ho idea di quale sia l'effetto della vitamina B sulle piante. Il concime idrosolubile che uso io e' Bayfolan Idrosol (18-18-18 se non ricordo male) ma non sono proprio un esperto in concimazioni. Come dicevo prima e' un problema di numeri e percentuali: 50% di frutti caduti e' una strage ... su 1000 frutti ... ma su 8 ... ci puo' stare. Se i frutti cadono, o sono marci dentro (hai provato ad aprirli?) o la pianta li "abbandona" perche' e' in difficolta' o c'e' magari un motivo meccanico (vento per esempio). Ma appena si riprende, per ogni frutto caduto nasceranno 10 fiori, non preoccuparti troppo ...
  19. Dalle foto i problemi non sembrano cosi drammatici. La caduta quotidiana di foglie, arricciamenti, macchie nere (batteriosi), foglie mangiucchiate, qualche piccolo frutto caduto sono all'ordine del giorno, pero' su tante piante e/o grosse piante si notano meno (e' una questione di percentuali); io ogni volta che innaffio riempio le tasche di foglie cadute ... Non ho chiaro cosa di preciso non va nelle due piante sofferenti, probabilmente una combinazione di eventi; qualche attacco di insetti (tripidi, acari), qualche batteriosi, un po' troppo caldo ... tutto insieme. Ho chiaro pero' cosa fare per aiutare le piante a reagire e riprendersi. Prima di tutto ripararle dal caldo o metterle del tutto in ombra almeno per un po' di giorni. Poi una spuntatina agli apici secchi e defoliati. Magari una concimazione fogliare (cioe' nebulizzando acqua+concime idrosolubile sulle foglie), ma solo se non hai gia' concimato abbondantemente in precedenza. Per finire una bella spruzzata di verderame. In pratica, metti la pianta in condizioni ottimali e vedrai che la natura fara' il suo corso.
  20. Posta le foto e tutti insieme vediamo se sono maturi o no (indica la varieta')
  21. Quando il colore definitivo raggiunge la massima intensita' e rimane invariato per alcuni giorni e' il momento migliore. Se i frutti iniziano ad afflosciarsi o seccare secondo me e' gia' tardi (come la frutta, si coglie al massimo turgore). Poi comunque molto dipende da quante piante/frutti hai. Con molte piante, anche raccogliendo una volta a settimana, e' inevitabile cogliere frutti un po' troppo maturi e frutti ancora non del tutto pronti. Con poche piante si puo' aspettare il momento migliore per ogni singolo frutto
  22. Mi era sfuggito il post sulle piante spezzate dal vento ... che peccato! ... ma quanto erano grandi? Perche' ormai il vento non dovrebbe piu' essere un grosso problema, le piante adulte hanno ormai il fusto legnoso e molto resistente (a meno che non si tratti di un tornado). Comunque vedrai che ricacciano dal basso yes!
  23. Raccogli i frutti man mano che maturano, la pianta produrra' nuovi fiori ... Togli i semi dai frutti e falli seccare a parte.
  24. Il ristagno puo' creare problemi. Anche se stai attento a non fornire mai acqua in eccesso, non puoi impedire che il vaso si riempia oltre misura quando piove (se la pianta e' esposta alla pioggia). Meglio fare qualche buco ...
×
×
  • Create New...