Jump to content

Concimi e concimazioni


riccardo

Recommended Posts

E' bene soffermarci su una breve descrizione della concimazione.

Quello che non deve mancare mai nel nostro terreno:

 

Azoto: regola le reazioni chimiche vitali, è necessario per la crescita del fusto e delle foglie inducendo un rapida crescita.

 

Fosforo: necessario alla formazione delle radici, per l'inflorescenza, per la fase di fruttificazione e maturazione.

 

Potassio: Importante nella formazione dei fiori, dei frutti e delle foglie. Aumenta la fotosintesi a bassi livelli di luce e aiuta la regolazione interna dei liquidi. Migliora il sapore, il frutto, il colore della pianta e dei fiori. È collegato anche alla protezione di insetti, malattie e gelate.

 

Calcio: da forza alla pianta.

 

Magnesio: È vitale per la fotosintesi. Libera la pianta da tossine che produce normalmente dal proprio metabolismo.

 

 

Sono questi elementi indispensabili alla crescita della nostra pianta che devono essere presenti tutti almeno nella quantità minima richiesta dalle nostre coltivazioni. Se diamo ad esempio più azoto tralasciando il fosforo otteniamo una vegetazione scadente.

Un altra osservazione: tpiù il terreno è leggero, sabbioso e poco humoso tanto meno tratterrà i nostri concimi quindi è bene inanzitutto (per coloro che non coltivano i peperoncini in vaso) fare un'attenta analisi della composizione del terreno.

L'argomento è molto complesso per cui diamo per ora delle indicazioni generali sui tipi di concimazione di cui ci occupiamo.

 

Concimazioni conservative: quelle che conservano a una buona terra la voluta fertilità di solito si danno una volta l'anno.

 

Concimazioni d'avviamento: si utilizzano quando il terreno è abbastanza scarico di elementi per cui si utilizzeranno, il primo anno, delle quantità di concime organico molto forte (quasi il doppio) e aumentano anche quelli chimici.

 

Concimazioni sussidiarie: questo è l'aspetto forse più interessante per noi coltivatori. Grazie a questo tipo di concimazioni si riesce a migliorare il prodotto e renderne migliore lo sviluppo.

Per agire BENE e SUBITO questo tipo di concimazione deve contenere TUTTI gli elementi indispensabili quali Azoto Fosforo e Potassio pena il non ottenimento del risultato voluto (ad es. una fioritura migliore).

 

Per ora ci fermiamo qui con l'articolo perchè tante sono le varianti che dobbiamo prendere in considerazione per dare consigli pratici sulle quantità di concime da utilizzare a seconda della concimazione che necessita la nostra pianta.

 

Per domande ci sono io a vostra disposizione nonché Pino Crescenzo il nostro perito agrario.

  • Upvote 3
Link to comment
  • 1 month later...

Riccardo,alcune domande circa le tue esperienze:

 

come possiamo apportare il giusto quantitativo di calcio alle nostre piante?

 

Quale è il rapporto N-P-K giusto per le piante in vaso, a seconda del periodo (trapianto, accrescimento,fruttificazione)?

Link to comment

Non si puo generalizzare sulla concimazione ed è il motivo per cui l'articolo non entra troppo nello specifico. Come detto sono moltissime le variabili per cui possiamo solo dare indicazioni di massima.

Se di mestiere fai il "peperoncinaio" devi tener conto di molti parametri a cominciare dall'analisi dell'acqua e del terreno.

Fatte queste bisogna vedere cosa dobbiamo coltivare e,quindi,a seconda della specie e anche delle singole varieta' si effettua la concimazione.

Per intenderci se abbiamo un terreno ricco di azoto dovremo tenerne conto nell apporto di giusto contenuto di azoto;Se abbiamo un terreno sabbioso quindi povero di sostanza organica(che e' quella che con la flora batterica mineralizza l'azoto lo rende assimilabile) dovremo apportare sostanza organica.

Cosi fa il professionista che non puo' sbagliare perche' ci campa!

A livello casareccio ci documentiamo e veniamo a sapere che il peperoncino di Soverato nella fase di fioritura gradisce l'apporto di Magnesio ci compriamo nel negozio la bustina e gliela diamo.

Questo è quello che si cerca di fare in questi casi essendo una coltivazione in vaso e quindi facilmente gestibile con concimazioni sussidiare liquide.

Ci sono poi concimi specifici ad alto contenuto di fosforo per le fasi di trapianto.

Per le altre fasi si tratterà di vedere quali rapporti tra N-P-K saranno ottimali.

Di solito uso una proporzione 1-1-1. ma possono essere necessarie diverse proporzioni tra questi elementi. Per stabilire il probabile rapporto tra questi elementi (non siamo ricercatori e tantomeno lo facciamo per lavoro)dobbiamo anzitutto ricordare la legge del minimo : "il vegetale si sviluppa in proporzione all'elemento attivo più scarso nel terreno".

Io partirei con un test del genere su 5 piante diverse eppure uguali per specie, coltivazione, terreno, sole, ecc:

- la prima concimandola con NPK nella proporzione 1-1-1

- la seconda in proporzione 1-1-0

- la terza in proporzione 1-0-1

- la quarta in proporzione 0-1-1

- la quinta nessuna concimazione.

Il test fa riferimento al libro "Orticultura redditizia" edito da Hoepli, ma l'ho modificato perchè nel libro si fa riferimento a delle proporzioni più complesse ma per la coltivazione in terreno e non in vaso.

Fatta questa prova vedremo lo sviluppo delle piante. Laddove c'è stato uno sviluppo migliore avremo il segnale che l'elemento che abbiamo dato, proprio per la legge di cui parlavo, ha permesso uno sviluppo proporzionale all'elemento mancante. quindi laddove lo sviluppo è visibile capiremo che il terreno abbisogna di più Fosforo, Potassio o Azoto.

NOn resterà quindi che aumentare le proporzioni (1-2-1, 1-2-2 ecc) scrivendo ,magari, su un quadernetto ( potrebbe servire anche per il prg Diversitas) le varie proporzioni ad hoc per la terra in cui avete pianato le vostre piante e per le specie che avete.

  • Upvote 1
Link to comment

Principali concimazioni del progetto DIVERSITAS

 

Dunque facciamo un elenco delle principali che utilizzeremo:

 

- Letame compressato per preparare il terreno (nella coltivazione in campo)

 

- Concime "plant-starter" 10-52-10 (NPK) per attecchimenti, e reinvasi. Ditta PlantProd (per le prove in vaso)

 

- Concime "Compo-Agrosil" (in bustine da 50gr) formulato a base di silicati colloidali che agiscono sul terreno e permettono una rapida crescita delle radici e un assorbimento maggiore delle sostanze nutritive. (per le prove in vaso)

 

- Concime NPK 20-20-20. (proveremo anche il granulare)(per le prove in vaso e in campo)

 

- E poi abbiamo una lista definita di prodotti introvabili ma che vorremmo provare. Delle ditta ALBA MILAGRO:

 

KALEX

AMINOTON

TIOPLUS 36K

APICAL

POLYPHOS

 

se qualcuno conosce questi ultimi ci faccia sapere!

Link to comment
  • 4 weeks later...
  • 2 weeks later...

Non ho mai pensato di comprare questi singoli elementi online.

È più comodo comprarli presso dei Consorzi Agrari di zona e costano anche meno!

In genere troverai delle formulazioni già pronte (NPK). Si trovano di tutti i tipi. Non serve trovare una formula chissaché micidiale. Un buon NPK in parti eguali è tutto quello che ti occorre.

Poi avrai bisogno del calcio e del magnesio.

Link to comment

prima di tutto qualche guida:

http://www.the-organic-gardener.com/organic-fertilizer.html

 

La cenere di legna contiene in genere il 2% di Fosforo e il 6% di Potassio il 20% di Calcio e l'1% di Magnesio. È abbastanza alcalina per cui non va usata eccessivamente pena il danneggiamento del Ph del terriccio.

Link to comment

I singoli elementi azoto,fosforo e potassio non posso essere reperiti puri, in quanto non sono stabili; l'azoto puro si trova sotto forma di gas, il fosforo puro a contatto con l'acqua ESPLODE! (non ne sono sicuro al 100%).Solitamente si trovano legati tra loro in composti vari(Nitrati,solfati,fosfati,...)

 

Per effettuare una adeguata concimazione bisogna conoscere alcune cose:

le piante assosrbono si N, P e K ma non tutti i composti che li contengono, per via radicale l'azoto viene assorbito sotto forma nitrica, il potassio sotto forma di ossido K20, e il fosforo sotto forma di anidride fosforica.

L'azoto si trova in varie forme ORGANICO,UREICO,AMMONICO,NITRICO

l'organico è quello dei composti naturali (letame) è il più lento da assimilare per la pianta in quanto viene mineralizzato dalla fauna batterica del suolo, quello nitrico è quello che viene assorbito + velocemente però è soggetto a dilavamento poichè è molto solubile in acqua, con le piogge o le frequenti irrigazioni viene portato in profondità (falde acquifere) con conseguenze in termini di inquinamento e/o perdita (anche economica) in quanto la pianta non ne può beneficiare. L'azoto nitrico se dato in eccesso può accumularsi nei tessuti delle piante sotto forma di nitrati composti tossici per l'uomo. L'azoto sotto forma ammonica è molto volatile, ovvero per effetto di alte temperature si volatilizza e si disperde nell'aria.

 

nei concimi gli elementi nutritivi sono riportati in percentuali NPK, in un 5-10-20 avremo il 5% di N, il 10% di P e il 20% di K.

 

Normalmente io alle mie piante fornisco solo concimi organici (tendo al biologico) ed in pratica un concime 2-2-2 tutto derivate da matrici organiche (stallatico) e ottengo buoni risultati. I concimi organici a differenza dei chimici apportano al suolo CARBONIO che lo migliora notevolmente rendendolo più vivo e fertile. In vaso le cose si complicano poiche le sostanze nutritive sono limitate e bisogna concimare più spesso che in piena terra, e penso che il processo di mineralizzazione dell'azoto sia più lento a causa della ridotta fauna batterica.

Un consiglio che posso dare è quello di andare piano con i concimi chimici in quanto a contatto con la pianta possono PROVOCARLE USTIONI, utilizzare dosi ridotte, e utilizzare sempre concimi ternari, a meno che non si debba correggere qualche carenza.

In piena terra per una coltivazione più sana ed ecologica consiglierei di usare solo organico, in vaso oltre all'organico ogni mese potete sciogliere in poca acqua un pò di nitrato di potassio per fornire anche un pò di azoto nitrico prontamente assimilabile.

perdonatemi e correggetemi se avrò detto qualche fesseria

spero di esservi stato un pò utile

per domande non esitate a contattarmi

Link to comment

Devo fare un po di ordine. Allora l'argilla espansa si utilizza per il Drenaggio. Si pone uno strato di 1cm 2cm nel fondo vaso per assicurare che l'acqua in eccesso esca in maniera ottimale.

La perlite si mescola nel terriccio secondo delle proporzioni che troverai migliori secondo la tua esperienza. In genere utilizzo 1/3 di Perlite.

Ma esiste anche la Vermiculite..

La Vermiculite risulta più soffice , più "spugnosa", per cui trattiene molte più sostanze nutritive e acqua che la Perlite. Anche la Perlite trattiene l'acqua ma in maniera minore. La Perlite la utilizzo essenzialmente per dare al vaso più "aria" che occorre alle radici per crescere meglio.

Link to comment
Messaggio originale di HotHot

 

 

poi avendo dei conigli.. un pò di concime loro per arricchire la terra

 

che ne dite [?]

Secondo uno studio condotto negli Stati Uniti il concime fresco di coniglio possiede queste quantità di nutrienti (in termini di libbre/tonnellata)

 

Azoto:24

Fosforo:23

Potassio:13

Calcio:19

Magnesio:4

 

È un concime abbastanza equilibrato in termini di NPK mentre risulta scarso in termini di Calcio se raffrontato a quello di gallina (40 lb/ton).

L'importante è però che tu faccia "maturare" il concime. Il concime fresco infatti è costituito da sostanze complesse che non sono "digeribili" dai vegetali. Per essere impiegato quindi deve subire un processo di "maturazione" durante i quali alcuni processi fermentativi aiutano le sostanze complesse a degradarsi verso sostanze semplici utilizzabili dalle piante.

 

La maturazione non deve essere però totale perchè parte di questo processo deve avvenire nel terreno per garantire quella lenta cessione di sostanze nutritive utili. Se troppo maturo, il concime, non garantisce la conservazione della fertilità del terreno per un lungo periodo.

 

Il concime è "maturo" quando si riconosce ancora, sia pure molto poco, la struttura del materiale originario.

yes!

Link to comment
Messaggio originale di HotHot

 

in che modo è meglio farlo maturare ? miscelandolo al terreno e lasciare il tutto riposare ( x quanto tempo poi ? ), oppure deve maturare da solo ?

 

inoltre, và bene anche la parte liquida dei conigli ? o è acida che fà male ?

 

(Farò una piccola guida a riguardo il prima possibile)

Come ho già detto il letame è maturo fin tanto che riusciamo ancora a capire la struttura originaria del letame.

I principali problemi riguardano il trattenimento delle principali sostanze nutritive che si perdono al contatto con l'aria e con l'acqua.

Ma ecco come procedere in maniera ottimale per trattenere il maggior quantitativo di valore concimante:

 

1. metti il letame ammucchiato in un luogo protetto dal sole e diretto a Nord

 

2.altezza e lunghezza del mucchio: metri 2-3, lunghezza a volontà;

 

3.le piccole quantità di letame non vanno sparse su tutta la superficie del mucchio in strato sottile, per avere una maturazione regolare e uniforme, occorre formare piccole sezioni ben raccolte che diano una massa sufficiente da comprimere bene. (l'aria può far perdere molta sostanza nutritiva insieme alla pioggia)

 

4.il letame va tenuto costantemente umido: umido a sifficienza e non affogato, perchè il letame troppo bagnato diviene untuoso e si trasforma in una specie di torba di dubbio valore concimante.

 

5. il liquame che scola va raccolto accuratamente e può essere ridato al letame per mantenerlo umido; cerca di creare un punto di raccolta del liquame.

 

6. il mucchio deve essere verticale, senza gobbe o rientranze cioè e, una volta raggiunta l'altezza voluta, va coperto di 20cm di terra, con i bordi un po rialzati. Con il suo peso essa manterrà il letame normalmente compresso e, se sarà sufficientemente permeabile. permetterà le irrorazioni che ancora fossero necessarie.

 

7.l'unico mezzo veramente efficace per evitare le perdite di sostanza nutritiva per dilavamento (pioggia) consiste in un tetto a due o uno spiovente.

 

8.chi muove il letame per formare altrove il mucchio perde molto Azoto.

 

9. mantenendo fresco e umido il letame dovremo adattarci a un guano inevitabile: quelle delle malerbe che esso porterà nel terreno.

 

Il letame sarà maturo quando:

 

a) quello paglioso si riconosce ancora per tale ma la massa si lascia tagliare facilmente con la vanga

 

B) in quello di foglie, trucioli, ecc, essi non si distinguono più o quasi.

 

Il letame mediamente maturo è quello migliore perchè ha una buona percentuale di flora batterica per cui una volta nel terreno continua il suo processo di maturazione mentre le piante assorbono la sostanza nutriente. Il troppo maturo e il troppo fresco invece danno il risultato opposto.

 

L'urina è buona perchè di rapida assimilazione per le piante. contiene un buon quantitativo di Azoto altamente assimilabile

 

Più avanti parlerò dei lati negativi dell'uso di solo concime animale.

 

Bibliografia: Poncini, Orticoltura Redditizia, HOEPLI, MIlano, 1975.

Link to comment
  • 4 months later...

Per quelli che come me non hanno terreno ma coltivano (o perlomeno io ci provo) in terrazzo nei vasi e vasetti per fertilizzare cosa si puo' usare? ???Esistono come per le piante da fiore gerani ecc. dei concimi liquidi che si allungano in acqua per ortaggi o specie da orto?

Ciao e happy pepperspe47

Link to comment

Trovi tutto in qualunque rivendita agraria.....

Io per le mie piantine sul terrazzo uso il concime granulare a lento rilascio, comunemente chiamato "BLU", sono palline di colore azzurro, le vendono i sacchetti.

Link to comment

puoi sciogliere in acqua del nitrato di potassio (NK), solfato di potassio (K + S) o qualsiasi altro concime solubile per fertirrigazione. Trovi tutto nei negozi di agricoltura, se non te li vendono sfusi puoi comprare un qualsiasi concime fogliare (in polvere solubile) NPK, NK e darglielo con l'aqua di irrigazione, funziona lo stesso, però lo paghi di più.

ciao

 

p.s. se dai concime contenente azoto sotto forma nitrica non eccedere con le irrigazioni altrimenti lo lavi via

Link to comment

Ragazzi utilizzate cose naturali...anche perchè poi tocca mangiarli i peperoncini!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Io utilizzo sterco di capra e da 5 anni a questa parte le piante di peperoncino non si sono mai ammalate dando sempre degli ottimi frutti.

Pensateci......

 

--b w il peperoncino --b

Link to comment

ciao,ho un dubbio:i peperoncini li coltivo nei vasi.

Ho utilizzato la terra dell'anno scorso aggiungendo poi pollina.

Va bene o la terra e' ormai sfruttata e quindi inutilizzabile?

Link to comment

Bè effettivamente è un po "dilavata"..ovvero non ha più quelle sostanze che la rendono fertile.

 

Continua a concimare dunque, ma attenzione! se nella terra ci sono dei funghi è molto probabile che vengano trasmessi alle radici...per cui è sempre consigliabile utilizzare del terricio nuovo per ogni stagione

Link to comment
Messaggio originale di lupohawk

 

"terriccio nuovo per ogni stagione" ... ti riferisci alla nuova semina ovviamente, sarebbe un problema mettere terriccio nuovo per una pianta con le sue radici vero?

 

Come no Lupo!

Io ogni anno verso marzo, estraggo completamente la pianta potata dal vaso, dò un'aggiustatina alle radici, cambio la terra nel vaso, che volendo si può sostituire con uno leggermente più grande, e rimetto tutto a posto, viene fuori un bel lavoro, e devi vedere che risultati; io quest'anno ho belle fiorite delle piante al loro 4° anno!!!

Link to comment

Certamente!

Le radici vanno lasciate con tutto il pane di terra.

Ho fatto qualche foto del processo di rinvaso (semplificative) ma utili:

 

Il pane di terra con le radici (aimé un po sofferenti):

7253-1215.jpg

84.51 KBid="size1">

 

Metti dell'argilla espansa nel fondovaso:

7253-1216.jpg

90.46 KBid="size1">

 

Riempi i lati del vaso con del terriccio

7253-1217.jpg

94.34 KBid="size1">

 

Il risultato finale:

7253-1218.jpg

81.86 KBid="size1">

Link to comment

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...