Jump to content

Concimi e concimazioni


riccardo

Recommended Posts

ciao sky...

zoreg ti ha consigliato il giusto...

 

comprati un fertilizzante liquido (di piu facile somministrazione) sbilanciato su fosforo e potassio (P-K)

l'estate come dicevi è un momento critico per le piante in cui subiscono un forte stress per la fioritura e fruttificazione.. ed in piu in estate assimilano i nutrienti come riserve per l'inverno...

 

sotto detta di altri utenti potrei consigliarti il biobloom.. è uno stimolatore liquido abbastanza buono!

Link to comment
ciao sky...

zoreg ti ha consigliato il giusto...

 

comprati un fertilizzante liquido (di piu facile somministrazione) sbilanciato su fosforo e potassio (P-K)

l'estate come dicevi è un momento critico per le piante in cui subiscono un forte stress per la fioritura e fruttificazione.. ed in piu in estate assimilano i nutrienti come riserve per l'inverno...

 

sotto detta di altri utenti potrei consigliarti il biobloom.. è uno stimolatore liquido abbastanza buono!

 

 

non è come il RIPEN??? (questo cel'ho)

Link to comment
ho intenzione di provare il chilli focus, appena arrivatomi da chileseeds.. chi di voi lo utilizza? mi attengo alle istruzioni riportate in etichetta?

 

premetto che sono neofita e ignorante in materia ma mi sembra di aver ottenuto un discreto miglioramento dopo la prima settimana di trattamento..ieri l'ho somministrato per la seconda volta ma ho gia notato un aumento delle allegagioni e un incentivo alla maturazione di alcuni frutti che erano fermi da un bel po sulle piante.. bene così :)

Link to comment
  • 2 months later...

io ho trovato il concime in un negozio di articoli agricoli

ho letto però che per i peperoncini è necessario un concime con meno azoto possibile perchè l'azoto favorisce la produzione di foglie a discapito dei frutti

 

è vero?

Link to comment

Ciao a tutti, dunque ho un po'di cose da dirvi, e consigli da chiedervi, sul fantastico mondo dei concimi

 

PrePremessa: la concimazione in agricoltura è attentamente calcolata poichè i concimi hanno costi alti e potrebbero inquinare se distribuiti in malomodo.

 

La premessa è quella dei pricipali MACROELEMENTI o MACRONUTRIENTI N P K e cosa servono, anche se come ben sappiamo non basta una buon terreno per avere tanti bei pepperz ma anche una miriade di altre cose..

I nutrienti nel terreno rimangono cmq molto molto importanti.

 

I concimi li abbiamo, liquidi e solidi, li abbiamo con dei numeri sopra, i titoli degli elementi N P K (es.: 20-10-8 risp N P K)

 

Nei concimi solidi (polvere, granelle,..) significano una cosa un po'complicata da spiegare ma semplice in concetto.

 

Il numero è la % di quell'elemento in peso sul totale.

 

Quindi se si vogliono distribuire 200 g di N (non di concime ma dell'elemento) su una superficie qualsiasi di concime azotato (solo azoto) con titolo 46 (cioè 46% di azoto sul tot, cioè al numero 0.46) occore fare sto calcolo:

 

(200 g) / (0.46) = grammi di quel concime da distribuire

 

Per sapere qualè la quantità che servono ai nostri pepperz è un po'difficile, perchè l'uso dei nutrimenti da parte della pianta può variare moltissimo, ma in generale sono stati calcolati i cosidetti asporti medi per coltura, che per il peperone (e non peperoncino, ma sono simili...)[[o qualcuno mi trovi su un disciplinare quelli del peperoncino, magari il disciplinare messicano di produzione integrata dell'habanero]] sono N=3.9 P=1 K=5 questi numeri sono kg di elemento assorbito per tonnellata di prodotto...quindi:

 

3.9 kg/t = 3.9 g/kg <-- 3.9 grammi di N per kilogrammo di pepperz prodotto.

 

 

 

 

Fate unpo' voi i conti, quanto produce una pianta in media di jalapeno? habanero? bhut? e poi si fanno i conti secondo voi è fattibile?

 

Ma giusto per averne un'idea non dico di fare i calcoli per ogni pianta ma per vedere ad esempio se quello che date ai pepperz ci becca con quello che dovrebbero averne bisogno in realtà!

 

 

 

 

Spero che la mia idea non venga bocciata a priori . :special47::shocked15::Sogghigna:<_<:sleepgo_ron:

 

Quando avrò tempo e dati sulle produzioni, proverò a far un conto..

 

 

 

 

Ciao e abbiate compassione per un agrario (senza terra) come me (qualche altro agrario mi dia cordaaaaa)

 

 

 

 

Link to comment

Per Juggler: in effetti l'apporto di Azoto non dovrebbe essere, rispetto agli altri elementi,

di grossa rilevanza; premesso che le variabili in gioco sono tante (tipo di coltura, terreno,

periodo, ecc.) se può esserti utile per quanto concerne gli apporti di fertilizzazione nelle

orticole (quindi rientrano anche i peppers) il rapporto 'teoricamente ottimale' è:

 

1 parte di Azoto

2 parti di Fosforo

4 parti di Potassio

 

o multipli, esempio: 3N-6P-12K.

 

LorenzoNeon,

 

leggo bene o forse c'è un errore in questa proporzione:

 

""3.9 kg/t = 3.9 g/g <-- 3.9 grammi di N per grammo di pepperz prodotto"" [?]

 

penso tu intendessi per kilo di prodotto, altrimenti dovremmo dare tonnellate di fertilizzante! :rolleyes:

 

Personalmente credo sia oltremodo difficile poter stabilire una sorta di standardizzazione dei piani

di fertilizzazione in quanto la coltivazione diciamo hobbistica poco si presta a poter essere oggetto

di un preciso 'disciplinare', tanto per dirne una:

 

mettiamo che si coltivi in vaso e si utilizzi un terriccio di base già prefertilizzato, per un periodo

di almeno 30/40 giorni non è necessario fare altri apporti di fertilizzante; mentre se usassimo terriccio

vecchio, magari mescolato con terra di campo di tipo calcareo dovremmo necessariamente arricchire

il compost per avere un qualche risultato degno delle aspettative.

 

Tanto per complicarci la vita :rolleyes: : parli di Azoto ma lo consideriamo in quale forma?

Ureica, Ammoniacale o Nitrica? O addirittura in forma Organica?

Saprai bene che è importante in relazione allo stato fenologico

delle piante e/o in relazione con il compost utilizzato ed altri elementi fertilizzanti.

 

L'assimilazione dei Macroelementi è molto strettamente correlata

ai Meso e Microelementi, per cui si complicano parecchio i giochi; diversamente se considerassimo

i Macroelementi a se stanti tutti i vari calcoli ed ipotesi possono sfallare parecchio l'atteso

beneficio proprio perchè le piante hanno bisogno anche di altro, senza questo 'altro' anche

la fruizione di N-P-K può risultare molto ridotta!

 

Personalmente credo che un protocollo come quello segnalato, benchè sia interessantissimo

concettualmente parlando, sia di difficile attuazione a meno che non si disponga di risorse ampie

(terreno in primis) per poter sperimentare e le giuste conoscenze tecniche per saper 'giocare'

con i vari elementi fertilizzanti; senza tutto questo è preferibile affidarsi ad un buon prodotto

per orticole e lasciare che Madre Natura faccia il resto, poi, col tempo, riuscire a saper cogliere

i segnali delle piante per capire esattamente come/quando/perchè intervenire.

 

Concordo con te sul fatto che la 'fertilizzazione' è e resta un aspetto dei più affascinanti per

quanto concerne la coltivazione in genere. :approva5:

Link to comment

@piocola: (maschio o femmina?!) Ciao, innanzitutto scusami se non ho letto la tua risposta solo ora, ma avevo dimenticato di guardare a questo topic..sorry ^_^

 

Grandissimo/a! per avermi fatto notare l'errata proporzione, ho corretto!

 

Ohh finalmente qualcuno che "appoggia" la mia idea perfezionistica/pignola/tecnica...

 

Sono pienamente d'accordo con te sulla difficoltà della cosa, è troppo complicato ma nel caso di latifondisti (e in questo forum ce ne sono :Sogghigna: ) sarebbe utile, anche solo una bozza di conti..secondo me il range d'errore è sicuramente più piccolo di quello di una concimazione alla boia d'un cane...non pensi?

 

C'è anche da dire, che molti, leggendo i post, vanno dietro a centinaia di marche diverse, ma fatti i conti il concime è concime, parlare di qualità per un fertilizzante non organico secondo me non ha molto senso...anzi proprio no...

E secondo me è facile eccedere nell'uso, ne consegue che la pianta è molto più debole; la butto lì, la maggiorparte degli attacchi da afidi che vedo, li vedo su germogli lunghi una spanna segno di troppo azoto...rimane comunque una mia osservazione :special47:

Certo infatti l'azoto andrebbe dato solo di copertura, come si suol dire..e gli elementi andrebbero interrati perchè fosforo e potassio non sono molto mobili nel terreno.

 

Per il discorso azoto, umm azoto è azoto, nel senso che a parte tutte le sue forme nel terreno, per quanto riguarda i calcoli è considerato come N totale, cioè se distribuisco urea è ureico, se concime nitrato è nitrico e così via..poi sta a noi a decidere quale forma d'azoto distribuire a seconda delle condizioni, etc.. o mi sbaglio?? (i piani di concimazione non li faccio più da mò..)

 

E infine, l'intenzione del post era quello di mettere un po'di chiarezza (lo so che ha provocato il contrario :lol: ma in realtà è per smuovere gli animi) sui concimi e il loro uso, vengono visti un po' come la manna dal cielo, soprattutto quelli fogliari...

 

discorso da approfondire....grazie :special47: alla prossima...

Link to comment

Salve LorenzoNeon,

 

anzitutto ti chiarisco un dubbio: sono uomo, spero di non averti deluso! :Sogghigna:

 

Scherzi a parte convengo concettualmente sulla tua idea di fondo e pertanto auspico

che qualche latifondista :smilies17: voglia cimentarsi con la cosa, personalmente coltivando

quasi tutto in vaso riesco a tenere a bada eventuali errori (o perlomeno mi illudo) di fertilizzazione

perchè:

 

1) uso prevalentemente prodotti liquidi (anche per via fogliare)

2) controllo spesso il valore di E.C.

 

 

su terreno (al suolo intendo) mi riservo di imparare qualcosa con la prossima annualità

avendo a disposizione un piccolo appezzamento vicino casa; per quanto ho capito e sperimentato

fino ad oggi col discorso concimazione e fertilizzazione, a parte indiscutibili parametri di ordine

tecnico-scientifico, spesso occorre avere una mano 'sensibile' per capire 'cosa' 'quando' e 'come'

dare alimento alle beneamate!

 

Ad una prossima occasione! :rolleyes:

Link to comment
  • 2 weeks later...
:special47: salve ragazzi! spolvero questa discussione cosi complessa e esauriente per pura semplificazione chiedo quali sono i migliori concimi per l'eventuale vostra esperienza 2009 per le varie fasi? comincio io: quest'anno ho usato stallatico mischiato con il terriccio ad ogni travaso+chilli focus ogni 15 giorni fase vegetativa,in fase di fioritura ho raddoppiato le quantità di chilli focus. tutto sommato credo sia andata abbastanza bene piante sane e robbuste ottimi frutti e di elevata piccantezza.
Link to comment
:special47: salve ragazzi! spolvero questa discussione cosi complessa e esauriente per pura semplificazione chiedo quali sono i migliori concimi per l'eventuale vostra esperienza 2009 per le varie fasi? comincio io: quest'anno ho usato stallatico mischiato con il terriccio ad ogni travaso+chilli focus ogni 15 giorni fase vegetativa,in fase di fioritura ho raddoppiato le quantità di chilli focus. tutto sommato credo sia andata abbastanza bene piante sane e robbuste ottimi frutti e di elevata piccantezza.

 

Ciao,

per la terra nei vasi sono partito col terriccio, anche il successivo travaso è stato in terriccio. Poi in terra ho usato un po' di stallatico pellettato mischiato bene, messo l'autunno prima, dopo averli messi in terra ho aggiunto un po'di comcime granulare composto, non mi ricordo le titolazioni ci devo guardare, ma comunque prevalente in azoto e fosforo, poi verso metà fioritura e prime allegagioni un po' di granulare prevalente in potassio+microelementi.

Le quantità quest'anno non le ho calcolate, ma si tratta comunque di qualche manciata (in tutto =80 gr?!?!?) divise tra una decina di piante per il primo granulare, e un solo cucchiaino (=10 gr?!?!) sciolto in acqua per quello granulare+microelementi.

Le piante non hanno dato problemi, sono annumm e di tardo rinvaso, ma hanno prodotto molto bene, tranne qualche eccezione...

 

 

A mio parere è difficile riscontrare carenza che fanno danni da microelementi, a parte una clorosi, sintomo di poco ferro disponibile soprattutto nei terreni argillosi come questi della bassa romagna. Ma altre esperienze potrebbero illuminarmi... :special47:

 

Ciaoo

Link to comment
  • 5 months later...

salve a tutti!!!

 

come ho già detto nella piccola presentazione, mi trovo alla primissima esperienza di coltivazione di peperoncino (e di "agricoltura in generale).

io ho studiato meccanica, e sono sempre stato attratto dagli additivi (che apportano migliorie al motore, alla benzina, all'olio ecc...), e di conseguenza mi interessano i concimi per le piante.

 

su internet ho letto che nelle fasi iniziali della crescita delle piantine, si può dare una mano con le Scorie Thomas; da ciò che ho letto esse contengono Fosforo e Potassio e non contengono Azoto, che e' il responsabile della crescita vegetativa. da quello che ho capito io, un alto tenore di azoto porterebbe ad una crescita "eccessiva" della pianta, ma senza il "robustezza" necessaria.

per cui in definitiva, queste scorie (che io polverizzo e diluisco in acqua) dovrebbero far irrobustire la pianta, mentre la crescita in altezza avverrà grazie all'azoto presente nel terreno e alla luce.

 

detto questo, vi pongo il mio quesito:

 

ho preso una cantonata? è abbastanza corretta la descrizione dello scopo delle Scorie? e per ultimo, faccio bene ad utilizzarle per la normale irrigazione?

 

ringrazio anticipatamente tutti coloro che sapranno dare una risposta ai miei interrogativi =)

Link to comment
  • 1 year later...

Sono appena tornato da un vivaio super fornito dove ho lasciato giù un bel cinquantone di concimi vari per quest'anno :smilies17::Sogghigna:

acquisti:

-25kg di stallatico per la preparazione del terreno

-5kg cifo biotron S leonardite per preparazione terreno

-500ml Valagro Bio R3 plus:specialità per piante e frutti da primato:questo non è un concime,è un concentrato costituito da polisaccaridi e amminoacidi,acidi umici,vitamine B1,B6,H,PP e microelementi chelati (Fe,Mn,Zn,Cu)

 

-Green Hobby turf nutrizione hydromix: è un microgranulare solubile composto da:

ferro edta:4%

manganese edta:4%

Rame edta:1,5%

Zinco edta:1,5%

cobalto edta:0.05%

magnesio:5,43

Boro:0,5%

Molibdeno:0,1%

 

poi l'incauto acquisto..non mi ricordavo bene se il rapporto di NPK più adatto ai peppers era 3-1-4 o 4-1-3 e così ho comperato un chilo di granulare idrosolubile Manna lin A (20-5-10)+2% MgO

 

questo pensavo di usarlo in combinazione con l'idromix e il valagro per i peppers in vaso

 

 

se non avessi avuto rimorsi per le spese avrei comperato anche 10kg di nitrophoska granulare per orto e frutta NPK:15:5:20 direi perfetto

 

 

c'erano anche degli ottimi terricci specifici per pomodori e peperoni,la prossima voltà dovrò andar li con un iveco :smilies17::thumbsup:

Link to comment

poi l'incauto acquisto..non mi ricordavo bene se il rapporto di NPK più adatto ai peppers era 3-1-4 o 4-1-3 e così ho comperato un chilo di granulare idrosolubile Manna lin A (20-5-10)+2% MgO

 

i manna sono ottimi concimi li ho usati l'anno scorso (15.10.15 e 8.12.24). Ma ti ha fatto la vendita a peso? perchè se ricordo bene i sacchi sono da 25kg

Link to comment

non l'ho mai usato anche se ero tentato di comprare del terriccio prodotto dai lobrichi partendo da letame,credo sia un ottimo prodotto! Marcel de Wit,un australiano che produce peppers in australia dice che loro hanno usato del worm juice per il record di piccantezza del 'butch T'..non ho ben capito se è un liquido che percola dalle vasche di allevamento dei lombrichi o se sono proprio lombrichi macinati :blink:

 

a detta loro la particolare composizione di questo prodotto sfrutta al massimo le possibilità genetiche di produzione della capsaicina :26::thumbsup:

Link to comment

non l'ho mai usato anche se ero tentato di comprare del terriccio prodotto dai lobrichi partendo da letame,credo sia un ottimo prodotto! Marcel de Wit,un australiano che produce peppers in australia dice che loro hanno usato del worm juice per il record di piccantezza del 'butch T'..non ho ben capito se è un liquido che percola dalle vasche di allevamento dei lombrichi o se sono proprio lombrichi macinati :blink:

 

a detta loro la particolare composizione di questo prodotto sfrutta al massimo le possibilità genetiche di produzione della capsaicina :26::thumbsup:

 

ma speriamo :Sogghigna: ... io volevo solo evitare di usare concimi sintetici vari, anche se come ho letto, in vaso un pochino serve. in fin dei conti l'humus di lombrico comprato in un growshop l'ho pagato 6.50euro ed è adatto a fertilizzare dai 25 ai 50 litri di terra!! insomma un bel pò :shocked15:

tutto sta a capire quanto dura l'humus come concime <_<

cmq se proprio mi serve da dare una concimata ho un 20-20-20 che uso per le orchidee.... cmq fra più di un mese ora il terriccio è nuovo!!!

vi faro sapere!

Link to comment
  • 2 weeks later...

a casa mi sono ritrovato questo:

http://www.casallevatore.it/schedaprodotto.asp?IDProdotto=1000002093

 

Concime NPK 12-5-10 con ferro ottenuto per miscelazione. Crescita eccezionale in 1 settimana

- Azoto totale 12%

- Azoto ammoniacale 1,0%

- Azoto ureico 11,0%

- Anidride fosforica solubile in acqua 5%

- Anidride fosforica solubile in citrato ammonico neutro ed acqua 5%

- Ossido di potassio solubile in acqua 10%

- Ferro solubile in acqua 2%

 

Modalità d'impiego

- Piante da esterno

Distribuire una manciata di prodotto (50 g) per ogni mq di superficie e annaffiare. Ripetere l'applicazione non prima di 20 gg a seconda delle specifiche esigenze della pianta

 

-Piante in vaso

Distribuire un cucchiaino di prodotto (3 g) ogni 10 cm di larghezza del vaso e annaffiare. Ripetere l'applicazione non prima di 20 gg a seconda delle specifiche esigenze della pianta.

Link to comment
  • 3 weeks later...

a casa mi sono ritrovato questo:

http://www.casallevatore.it/schedaprodotto.asp?IDProdotto=1000002093

 

Concime NPK 12-5-10 con ferro ottenuto per miscelazione. Crescita eccezionale in 1 settimana

- Azoto totale 12%

- Azoto ammoniacale 1,0%

- Azoto ureico 11,0%

- Anidride fosforica solubile in acqua 5%

- Anidride fosforica solubile in citrato ammonico neutro ed acqua 5%

- Ossido di potassio solubile in acqua 10%

- Ferro solubile in acqua 2%

 

Modalità d'impiego

- Piante da esterno

Distribuire una manciata di prodotto (50 g) per ogni mq di superficie e annaffiare. Ripetere l'applicazione non prima di 20 gg a seconda delle specifiche esigenze della pianta

 

-Piante in vaso

Distribuire un cucchiaino di prodotto (3 g) ogni 10 cm di larghezza del vaso e annaffiare. Ripetere l'applicazione non prima di 20 gg a seconda delle specifiche esigenze della pianta.

secondo me c'è troppo azoto ureico in peroporzione al tot di azoto

Link to comment

si trovano anche molti concimi idrosolubili a base ureica..non capisco quali funzioni abbiano visto che probabilmente sono destinati a essere dilavati prima di diventare biodisponibili

comunque mi par di capire che durante il ciclo di crescita è meglio prediligere azoto nitrico,mentre l'ureico va bene per la preparazione del terreno

Link to comment

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...