Jump to content

Recommended Posts

Salve a tutti =)

 

dopo la felice esperienza di quest anno avevo in mente per il prossimo anno di fare una serra.

Tutto è nato dal fatto che ho rimediato qualche metro di un cavo riscaldante (6 metri di questo cavo) che dovrebbe arrivare a una temperatura di 65 gradi.

Volevo quindi utilizzarlo per riscaldare una serretta (2 metri per 3?)...E fattibile secondo voi?

l' idea era di isolare termicamente dal terreno (polistirolo? :smilies17: ) e stendere in uno strato di qualche materiale il cavo (qualche tipo di sabbia?), in modo che venga scaldato e riscaldi l' ambiente. Ovviamente non mi aspetto che alzi la temperatura di 20 gradi rispetto l' esterno :rolleyes: .

Pensavo di far controllare l' accensione del cavo da un controllore (arduino) che controlla la temperatura e umidità della serra, e di sfruttare arduino collegandogli dei sensori per misurare la percentuale di acqua nella terra in modo da azionare un elettrovalvola e con dei gocciolatori innafiare al momento giusto i vasi, una eventuale ventola per il ricircolo d' aria/ controllo della temperatura nelle ore piu calde.

Ovviamente il tutto sara loggato su SD e le impostazioni delle temperature e innafiature modificabili dalla serra grazie a schermino lcd e qualche pulsante :thumbsup: .

Pensavo di costruire la serra con paletti in ferro e pareti in plexiglass o simili.

 

A breve ordino tutti i materiali che mi mancano e entro qualche mese monto il tutto all esterno.

 

 

Per chi fosse interessato (e se qualcuno volesse contribuire a questo folle progetto) posso fare una lista dei materiali che utilizzerò e dove comparli.

 

Si accettano consigli e opinioni. :approva5:

Link to post
  • Replies 55
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Per i sensori li ho presi assieme allo shield ethernet e sd su seedstudio. Ho scelto dhl e mi è arrivato tutto in 3gg.. I sensori per il terreno cerca "soil moisture"

Posted Images

non credo che riusciresti a garantire le temperature necessarie con quel cavo.

Ovvero, in che periodo dell'anno pensi di usarla la serra?

Link to post

gia penso anche io che sarebbe difficile far crescere dei peperoncini a dicembre ;)

 

Pensavo di utilizzare la serra nei mesi più freddi per non far gelare i fiori ( se riuscissi col cavo a alzare di qualche grado la temperatura) e magari per poter mettere i peperoncini fuori un mesetto prima (aprile/maggio anzichè giugno)... forse sarebbe meglio ripiegare su altri sistemi di riscaldamento? idee?

 

 

(considerando che il cavo consuma 33w/m pensavo di attaccarlo qualche ora a notte per evitare consumi eccessivi)

Link to post

se parliamo di marzo/aprile (a maggio imho basta una serra fredda o anche nulla a seconda della stagione/latitudine) accendendola tutta la notte, limitando il volume (quindi non una serra a grandezza d'uomo ma piuttosto una sorta di maxi-LB) e sfruttando molto materiali isolanti (per quello trasparente potresti usare l'alveolare), forse, e dico forse, ce la si potrebbe fare.

Link to post

ok direi che l' esperimento lo tento :Sogghigna::special47:

altri sistemi per riscaldare?

 

per esempio questo:

 

post-6900-0-02079700-1346915081.png

 

per serre fino ai 4 mq, oppure:

 

post-6900-0-66253300-1346915164.png

 

per serre fino ai 6 mq

 

Funzionano con olio di paraffina, il primo con un pieno (4,5 litri) fa circa 7 giorni, il secondo 4.

Potrebbero essere una valida alternativa al cavo riscaldante...

Link to post

si ma...googolando un po..mi pare di capire che la paraffina liquida per bruciatori costi uno sproposito!

a questo punto sempre della bio green c'è un riscaldatore/raffreddatore elettrico da 1 o 2 kw....

devo valutare...

 

Sulla baia circa 3 euro al litro specifico per stufe e stufette, penso che si riesca a trovare anche a meno...

In ogni caso sono un po' elevati...

Link to post

Il tuo approccio "sistemistico" :) mi piace (eppoi ho letto la parola magica Arduino, che pure a me ballonzola nella mente da un bel po').

E per il riscaldamento, l'utilizzo di un pannello solare "autocostruito" per alimentare un riscaldamento ad elettricità low-cost?

La soluzione a gas mi spaventa un po' a dirla tutta...

 

Sul lato elettronico, hai già una idea di quanto possano costare i vari sensori di rilevamento?

Link to post

Sul lato elettrico conto di rimanere parecchio sotto i 100 euro comprese spese d spedizione e tutto..appena arrivo a casa faccio il conto preciso e lo posto..per il pannellino...ci stavo pensando..ma a comprarlo solo quello almeno 150+ euro costa...

Link to post

Sul lato elettrico conto di rimanere parecchio sotto i 100 euro comprese spese d spedizione e tutto..appena arrivo a casa faccio il conto preciso e lo posto..per il pannellino...ci stavo pensando..ma a comprarlo solo quello almeno 150+ euro costa...

Però ti svincoli da mamma Enel.

Vero è che poi servono pure Regolatore di Carica, Batteria, ed eventualmente Inverter (se non usi tutto a 12V).

Diciamo che ci sarebbero da fare due calcoli: già pensavo (forse troppo in grande) ad una mini serra con riscaldamento e luce artificiale assistite da fotovoltaico.

Tutto regolato da un Arduino, con sensori di umidità-temperatura come tu hai elencato.

Però i costi lievitano davvero tanto..

Link to post

Diciamo che ci sarebbero da fare due calcoli: già pensavo (forse troppo in grande) ad una mini serra con riscaldamento e luce artificiale assistite da fotovoltaico.

Tutto regolato da un Arduino, con sensori di umidità-temperatura come tu hai elencato.

Però i costi lievitano davvero tanto..

il mio sogno.... chissà un giorno....

Link to post

il mio sogno.... chissà un giorno....

Fondamentalmente è questione di money, ma anche di quantità di cose da realizzare.

Si potrebbe pensare ad un progetto in comune per ottimizzare gli sforzi (ognuno andrebbe a studiare un blocco ben specifico del progetto), come si realizza un software opensource con tanti programmatori sparsi per il mondo.

E' vero che è differente, ma a livello progettuale si potrebbe tentare di realizzare qualcosa in un gruppo di volenterosi.

 

E chiamarono il progetto OpenSerra ^_^

Link to post

Con il fotovoltaico..luci a led autocostruite.. I costi lievitano molto..riscaldarla tramite fotovoltaico è praticamente infattibile..

Ad ogni modo senza fotovoltaico è un progetto facile ed abbordabile per tutti...ad ogni modo documenterò ogni fase :)

Link to post

Con il fotovoltaico..luci a led autocostruite.. I costi lievitano molto..riscaldarla tramite fotovoltaico è praticamente infattibile..

Mai dire mai, prima si deve fare qualche calcolo e valutazione.

Durata e temperature vanno correttamente valutati, non dovremmo mantenere 30° nella Serra.

 

OpenSerra mi piace! :)

:clapping:

Link to post

Allora per i costi, faccio ordini su piu siti ma per dare un idea a chi volesse provarci sui costi faccio un eventuale ordine su un unico sito

Sensore terreno 4 euro per uno.

Sensore temp e umidità 3.50

Elettrovalvola 6.50 euro

Arduino mega 50 euro

23 euro spese d spedizione

 

 

Probabilmente non serve un arduino mega e cmq su altri siti si trova a prezzi molto migliori

Link to post
  • 2 weeks later...

Ho comprato già una serra (di quelle del brico) 145x145x195 fatta a casetta a 40 € ( che verra rivestita ulteriormente con del isolante tipo policarbonato o simili)

Un elettrovalvola bistabile della claber 9v 3/4" a 3/4" (incluse due riduzioni a 1/2") a 20 €

E una specie di contatore a cui attaccare la parte elettronica e monitorarne i consumi (w, kwh, A, ecc) 25 €

 

 

Tutto al brico, per l'elettrovalvola ho scartato quella cinesissima del progetto iniziale con questa che mi da più fiducia ;-)

Domani penso di riuscire a fare l ordine di arduino, sensori e il termoventilatore tropic 2000 della bio green.

Appena posso metto anche qualche foto dei materiali acquistati...

Work in progress!!

Link to post

Come promesso eccovi alcune foto:

 

2012-09-16%2018.18.31.jpg

Questi sono l' elettrovalvola e il misuratore di consumo elettrico.

 

 

2012-09-18%2012.29.14.jpg

Questa è la serra che ho comprato.

 

 

2012-09-21%2018.26.14.jpg

Questo è il termoventilatore tropic 2000. B)

 

2012-09-23%2011.27.53.jpg

Ed ecco il primo montaggio!

 

Scusate la qualità delle foto! (fatte col cellulare, rimpicciolite e ridotte di qualità al 70% :cry15: ).

Manca ancora tutto il sistema di irrigazione controllato da arduino.

Ho impostato il tropic 2000 in modo che la ventola rimanga smpre attaccata (13w) e il riscaldamento si attachi sui circa 10 gradi (poi definiro la temperatura giusta ;) ).

La modalita 1000w in realtà ( a 20°) ne consuma circa 800 e quella 2000w circa 1650w.

Pensavo inoltre che per le giornate piu calde potrei mettere una ventola in estazione controllata da arduino, che sopra una data temperatura si attiva.

 

Sono ovviamente ben accetti consigli, idee e critiche. :thumbsup:

Link to post

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...