Jump to content

Urina! Esperimento Concimazione


Forbidden Fruit

Recommended Posts

Ciao Nicco,

 

assolutamente le feci non vanno bene. Mentre l'urina può avere da nessuna a poca contaminazione batterica (dipende dallo stato di salute del tratto urinario) le feci contengono normalmente batteri pericolosi, primi tra tutti i coliformi, E. Coli, ecc... che possono provocare malattie.

Circa il discorso del passaggio di ciò che mangiamo alle urine... il discorso può essere valido se si assumono farmaci. Ma fintantoché si mangiano cibi normali l'urina non contiene nulla di preoccupante.

 

Nemmeno attraverso l' essiccazione? Come il guano di pipistrello usato per concimare

Link to comment

ALT forbidden friuit,...ti dico subito che per "etica" non condivido!..in quanto la piscia lasciata in una bottiglia ha una carica batterica NOTEVOLE..si parla come minimo di !Escherichiacoli!in quantita' rilevanti(come lo sono per esempio letame e pollina freschi...(c'e' pure la salmonella in questi))...Per quanto riguarda la MATEMATICA 350ppm di azoto ureico si trasformerebbero(con trasformazione completa) in 350 ppm di azoto NITRICO(e porterebbe l'EC alle stelle),che poi dovrebbe esser modificato in "ione nitrato"..ovvero 1540 mg\L....ergo circa 770TDS solo di azoto..

...non fraintendere,puoi far quello che vuoi!..e' solo un calcolo matematico! :smile062:

...e buona coltivazione!! :smile062: ripeto cio' detto sopra,e voglio che,prima che,vari pseudoqualsisicosachesono ti diano contro,per quanto possa fare li cazziero'(nel mio piccolo)..te continua!!!!

 

Spero di non scrivere castronerie, ma:

 

la massa molare del nitrato NO3 è 62

quella nell'azoto N è 14

qiella dell'ossigeno è 16

 

Facciamo la verifica

 

NO3= 14+16*3 = 62

 

I conti tornano. Quindi l'azoto rappresenta il 22.5% del totale.

 

Ora, è vero che l'azoto durante l'ossidazione a NO3 (ione nitrato) si lega all'ossigeno e quindi i 350 mg diventano 1540 di NO3. Ma di azoto sono sempre 350.

Infatti, nella massa elementare di NO3, vedi sopra, l'azoto rappresenta il 22,5%, infatti se fai il 22.5% di 62 che è la massa di NO3, ottieni 14, che è la massa di N.

 

Il 22,5% di 1540 è 350 circa (arrotondando)che è l'azoto totale.

 

Credo, a meno che non mi sbagli, che quando la titolazione dei fertilizzanti parla del contenuto di azoto, si riferisca all'azoto effettivo come N2, e non alla quantità di Ione nitrato, che è sicuramente superiore.

Quindi se un fertilizzante riporta in etichetta NPK 6-6-6, dovrebbe intednere 6% N, e non 6% NO3.

Di conseguenza le indicazioni che suggeriscono di attenersi a concimazioni con un valore di N di 350 ppm, credo si riferiscano a 350 di azoto effettivo che possono essere equivalenti a 1540 di ione nitrato.

Qui c'è un link che mette in guardia sugli altri elementi, fosforo e potassio, che a quanto pare l'Italia misura come ossidi e anidridi, sfalsando, sovradimensionando, le quantità effettive. Mentre in Australia si considera il fosforo effettivo ed il potassio effettivo.

http://www.plumeriashop.it/WX5/blog/?id=olyn4oz9

 

Ho notato inoltre che quando si parla di concimazioni AZOTATE utilizzando diversi composti azotati, come ammoniaca, azoto puro, urea, ecc... le quantità vengono sempre calcolate considerando l'azoto effettivo. Per esempio l'urea è 46% di azoto, quindi devi dare una quantità doppia rispetto all'azoto desiderato.

L'ammoniaca è azoto per l'80%, quindi se usi questa dovrai usarne meno rispetto all'urea, e così via.

Link to comment

il tuo ragionamento non fa una piega,sono io che utilizzandolo nitrico l'azoto mi piace calcolarmelo come ione..tutto qua!

per quanto riguarda il link conosco quei calcoli ma quello del fosforo(sempre per come lo calcolo io) e' incompleto,inquanto, la pianta lo assorbe come fosfato e non come elemento..ovviamente che sia percentuale,ppm sull'elemento,o ppm come ione il risultato sara' sempre quello,ma da punti di vista diversi :thumbsup:

 

torno a ripeterti che per pura opinione personale 350ppm di azoto a "botta" son veramente tanti per me,ma se dici che vanno bene,andranno bene :smile062: dipende da come ti piacciono le piante...presumo giganti :approva5:

Link to comment

Abbollore, in effetti sembrano tanti anche a me 350 ppm di azoto.

Però nella pratica ho notato una cosa: se uso 350 ppm di azoto con un concime commerciale, di quelli che hanno solitamente una formulazione con diversi tipi di azoto (ammoniacale, ureico e nitrico in percentuali variabili) ci sono buone probabilità di danneggiare una pianta, soprattutto quando giovane. Foglie apicali gialle, caduta di foglie, ecc.... i classici sinotmi da overfertilizzazione.

Se invece uso 350 ppm di azoto "stimato" nell'urina, non capita la stessa cosa, e l'ho fatto anche con piantine giovani, di 10 cm, per intenderci.

Hai idea del perché?

Mi sono chiesto se ciò possa essere dovuto proprio all'effetto "rilascio prolungato" dell'azoto ureico. Il nitrato NO3 è un sale e i sali possono provocare danno alle radici quando presenti in quantità eccessive, perché impediscono l'assorbimento corretto degli elementi nutritivi da parte della pianta. Forse a parità di azoto totale, l'azoto UREICO è più sicuro in quanto trasformato in nitrati gradualmente dai microrganismi del suolo, e non "brucia" subito le radici.

Certo, a lungo andare se la dose è eccessiva i danni si presenteranno lo stesso, ma più avanti nel tempo. Nella mia esperienza, in passato mi è capitato di "bruciare" le piante anche con molto meno di 350 pppm di azoto. Le ho bruciate anche con 150 ppm!

Un'altra idea, anche se un po' dispendiosa, sarebbe quella di utilizzare acqua demineralizzata per diluire l'urina, invece di acqua del rubinetto, nel tentativo di ridurre l'EC totale. L'acqua del mio rubinetto ha circa 500 mg/l di residuo fisso. E' una botta! Aggiungiamo questo ai circa 1.000 mg/l dell'urina diluita 1:20, diventano 1500 mg/l, che con una conversione un po' spannometrica potrebbe portare l'EC dell'acqua di fertilizzazione a superare i 2 ds/m.

Vero è che scegliendo di alternare le concimazioni a abbondanti irrigazioni con acqua del rubinetto e relativo "flush" del pane di terra si dovrebbe dilavare l'eccesso di sali eventualmente accumulati.

Che ne pensate?

Link to comment

Intanto vi propongo una foto del mio caro Goat's weed che sta "svernando" in casa. Più che svernando se la sta passando davvero bene. Notate che sta fruttificando, osservate bene e li vedrete...

Questo Goat's è già da un mesetto sotto "urofertilizzazione". Ma l'esperimento vero e proprio lo proporrò con le piantine seminate adesso, che devono ancora germinare.

post-12717-0-51662800-1422187398.jpg

  • Upvote 2
Link to comment

Non fate l'errore che fanno molti, soprattutto certi "salutisti" che aborrono tutto ciò che abbia sembianze di "chimica". Anche perché la parola "chimico" non significa nulla. Tutte le sostanze di questo mondo possono essere ricondotte alla tavola periodica degli elementi, e dunque sono elementi "chimici". Qualcuno si spaventa soltanto per i nomi. Se chiamo "sale" quello che c'è nella saliera, allora è una cosa innocua. Se invece lo chiamo "cloruro di sodio" mi fa paura, sarà senz'altro qualcosa di pericoloso, anche se non so nemmeno che cos'è. :Sogghigna:

E' un po' il discorso di chi lamenta l'uso di "prodotti chimici" nelle colture. Ma allora, se spargo il letame sul campo è una cosa normale, mentre se invece spargo UREA oppure AMMONIACA è una cosa assolutamente dannosa?

Non è che se metto ammoniaca nel terreno, allora mangerò delle piante "all'ammoniaca" e quindi tossiche. L'ammoniaca si ossiderà in altre cose, nitriti e nitrati e alla fine diventerà nutrimento per le piante.

Tutte le sostanze sono riconducibili ai semplici elementi che le compongono. Anche il letame altro non è che i "resti" di ciò che gli animali mangiano e contiene molte sostanze utili ad essere riciclate dalle piante. L'urina è acqua, con dentro UREA, fosforo, potassio, e tante altre cose che eliminiamo, ma che possono ancora rientrare nel ciclo della natura.

A guardare le cose da questo punto di vista, non ci si deve sorprendere di nulla.

Certo io non mi berrei il piscio. Ma se la pianta sa fare un ottimo lavoro di recupero dei minerali, perché dispiacermi?

  • Like 1
  • Upvote 1
Link to comment

Ciao forbidden...

Infatti io non dico che concimare con l'urina sia dannoso o pericoloso per noi, dico solo che mi farei dei problemi a mangiarmi dei pepper cresciuti a botta di urina....

Io coltivo gia col letame, ma l'urina ( anche se è mia ) no, mi farebbe schifo.

Link to comment

Intanto vi propongo una foto del mio caro Goat's weed che sta "svernando" in casa. Più che svernando se la sta passando davvero bene. Notate che sta fruttificando, osservate bene e li vedrete...

Questo Goat's è già da un mesetto sotto "urofertilizzazione". Ma l'esperimento vero e proprio lo proporrò con le piantine seminate adesso, che devono ancora germinare.

ma con l'urofertilizazione della pianta in casa non hai problemi con l'odore di urina?? :unsure: :unsure:

Link to comment

Ciao forbidden...

Infatti io non dico che concimare con l'urina sia dannoso o pericoloso per noi, dico solo che mi farei dei problemi a mangiarmi dei pepper cresciuti a botta di urina....

Io coltivo gia col letame, ma l'urina ( anche se è mia ) no, mi farebbe schifo.

 

concordo con Tom......

 

posso solo aggiungere che non essendo ne chimico ne dottore, non conosco le sostanze di scarto che il corpo elimina.

certo, è ovvio, la pipi' è fatta di ammoniaca/urea, potassio fosforo e altre cose .....ma bisogna appunto vedere "le altre cose" quali sono....

Link to comment

Matteo, partiamo dal principio che l'organismo elimina attraverso le urine sostanze che sono già presenti in circolo nel nostro sangue, e che vengono eliminate perché in eccesso, non solo perché tossiche.

Ad esempio, se mangi molta carne, l'eccesso di proteine, che il nostro organismo può utilizzare soltanto a poche decine di grammi ogni qualche ora, verranno escrete attraverso le urine. Ovviamente se hai delle tossine, queste possono ritrovarsi anche nelle urine, ma bisogna considerare un paio di cose:

1. Prima di espellerle, le avevi già nel sangue, quindi se non sei morto prima, di sicuro non muori se le reintroduci, anche nell'ipotesi di bere un'intero bicchiere della tua urina.

2. Se andiamo a studiare la "banda di Caspary", http://it.wikipedia.org/wiki/Banda_di_Caspary, scopriamo che le piante stesse esercitano un assorbimento selettivo di ciò che sta nella terra, non sono delle spugne che si bevono tutto. Altrimenti dovremmo preoccuparci di mangiare l'insalata nello stesso modo in cui saremmo preoccupati di infilarci in bocca una manciata di terra del nostro orto. E' ovvio che le due cose non sono equivalenti. La pianta assorbe alcune cose e non altre. Fanno eccezione alcuni inquinanti specifici, che possono diventare sistemici, ma non è il caso delle nostre urine.

3. Se anche tracce di queste sostanze tossiche, espulse attraverso le urine, fossero presenti il tracce nelle piante, ritorniamo al punto n.1. Cioè se non ti hanno danneggiato in primo luogo quando erano nell'organismo in quantità massicce, di certo non ti danneggeranno quando le introdurrai in tracce eventualmente presenti nella pianta.

 

In poche parole sono tutte menate mentali. D'altra parte perché non ci facciamo le stesse domande per il letame? Non è che mucche e cavalli siano animali asettici, eliminano anche loro sostanze di "scarto".

Link to comment

In poche parole sono tutte menate mentali.

Non per reiterare ma in un paese dove se vai al supermercato manco sai se ti porti a casa un OGM concimato al plutonio in qualche azienda collusa con la mafia dove seppeliscono le scorie industriali il più delle volte...o la gente poi va al fast food che vende panini di plastica che li ritroverrano intatti come te li hanno venduti gli archeologi della prossima era geologica...ROTFL, c'è un video che mostra i gelati talmente imbottivi di additivi che non si sciolgono nemmeno messi al sole per ore...

Link to comment

Ecco, quindi confermi che le vere preoccupazioni sono altre. Di fronte ai pericolo che hai appena elencato (scorie industriali, contaminazioni con sostanze cancerogene, ecc.) la pipì è l'ultimo dei pericoli. Una pianta coltivata in vaso, anche se concimata con la tua pipì, sarà più sicura di una che venga da chissà dove.

Link to comment

Ho dimenticato di rispondere a chi mi chiedeva di eventuali odori prodotti dalla "urofertilizzazione".

NO. Ho usato urina diluita 1:20 in volume, sia in vasi grandi come quello del Goat's weed, sia in tanti vasetti in lightbox e non ho mai avvertito il benché minimo cattivo odore. Questo non perché la mia urina sia profumata, ma perché:

 

1. è diluita 1:20

2. subito dopo l'introduzione nella terra, i batteri dei ceppi NITROSOMONAS e NITROBACTER trasformano l'ammoniaca rispettivamente in nitriti e nitrati.

 

Unica accortezza... bisogna svuotare il sottovaso se la soluzione di irrigazione si accumula nel sottovaso, cosa che io faccio immediatamente, sciacquando anche il sottovaso.

  • Upvote 1
Link to comment

Ho dimenticato di rispondere a chi mi chiedeva di eventuali odori prodotti dalla "urofertilizzazione".

NO. Ho usato urina diluita 1:20 in volume, sia in vasi grandi come quello del Goat's weed, sia in tanti vasetti in lightbox e non ho mai avvertito il benché minimo cattivo odore. Questo non perché la mia urina sia profumata, ma perché:

 

1. è diluita 1:20

2. subito dopo l'introduzione nella terra, i batteri dei ceppi NITROSOMONAS e NITROBACTER trasformano l'ammoniaca rispettivamente in nitriti e nitrati.

 

Unica accortezza... bisogna svuotare il sottovaso se la soluzione di irrigazione si accumula nel sottovaso, cosa che io faccio immediatamente, sciacquando anche il sottovaso.

chiarissimo!! grazie mille!!

Link to comment

...., dico solo che mi farei dei problemi a mangiarmi dei pepper cresciuti a botta di urina....

Io coltivo gia col letame, ma l'urina ( anche se è mia ) no, mi farebbe schifo.

 

:o:11_confused: cioè tu mi dici che è meglio la merda della vacca che la mia pipì? :wacko:

oddio... se devo mangiarmi la merda della vacca piuttosto mi bevo un bel bicchierozzo, magari freddo, della mia pipì... Ma alla grande...

Link to comment

Infatti lo ripeto.......io non parlo se sia danmosa per la nostra salute, ci mancherebbe altro, come dici tu Forbidden, se non ci ha "uccisi" prima non lo farà dopo, anche perche la pianta l'avrà filtrata parecchio, ma il mio discorso è la negazione "mentale" di ingerire qualcosa coltivata col mio piscio.

Del resto, dei prodotti comprati ai supermercati e compagnia bella, se ne può parlare quanto volete e sono pienamente d'accordo con voi, ma il discorso è un altro, cioè: rifiuto ( mentale ) nel mangiare pepper cresciuti con l'urofertilizzazione.

  • Upvote 1
Link to comment

Buon per te che non sai che te magni di quel che compri al super... :troll:

bene ora sappiamo cosa ti piace, magari quando hai tempo insegnaci cosa fai con la cacca vorrei saperlo per curiosità antropologica

  • Upvote 1
Link to comment

Infatti lo ripeto.......io non parlo se sia danmosa per la nostra salute, ci mancherebbe altro, come dici tu Forbidden, se non ci ha "uccisi" prima non lo farà dopo, anche perche la pianta l'avrà filtrata parecchio, ma il mio discorso è la negazione "mentale" di ingerire qualcosa coltivata col mio piscio.

Del resto, dei prodotti comprati ai supermercati e compagnia bella, se ne può parlare quanto volete e sono pienamente d'accordo con voi, ma il discorso è un altro, cioè: rifiuto ( mentale ) nel mangiare pepper cresciuti con l'urofertilizzazione.

 

 

Sinceramente anche io la penso come Tom, va bene la sperimentazione ma che bisogno c'è?

In fondo di concime ne trovi a badilate dove vuoi... intendo sicuramente il contributo è interessante, ma è come cercare di vendere in cina le sete finte... poi ripeto apprezzo il contributo e do un +1

 

p.s.

seguirò gli sviluppi e se le mie risposte non sembreranno a nessuno offensive o idiote sarò libero di contribuire :-)

Link to comment

:o:11_confused: cioè tu mi dici che è meglio la merda della vacca che la mia pipì? :wacko:

oddio... se devo mangiarmi la merda della vacca piuttosto mi bevo un bel bicchierozzo, magari freddo, della mia pipì... Ma alla grande...

 

no io no, le mucche le ho munte da ragazzo, sono animali amorevoli e mansueti e nemmeno puzzano come le capre, mangiano solo erba e... cagano erba putrefatta. Non è che voglio fare classifiche ma se devo scegliere, però sono di parte, io adoro le vacche e anche le maiale :smilies17::Sogghigna::smilies17::Sogghigna::smilies17::Sogghigna:

Link to comment

:Sogghigna: si deve rispettare le idee altrui ;).

 

pensa che hiei non è riuscito nemmeno a raggiungere lo stadio gnoseologico per cui si "capisce quando smettere", tre parole xxxxxx, tre parole... sono sconfortato dall'umanità

 

 

p.s.

si può conoscere la conoscenza? e se no, perché ce lo chiediamo?

Chuck Norris è la risposta

Link to comment

bene ora sappiamo cosa ti piace, magari quando hai tempo insegnaci cosa fai con la cacca vorrei saperlo per curiosità antropologica

Beh, è un'istino naturale di ogni creatura interrogarsi sulle proprie origini. :troll:

 

io adoro le vacche e anche le maiale :smilies17::Sogghigna::smilies17::Sogghigna::smilies17::Sogghigna:

Appunto.

 

sono sconfortato dall'umanità

Ho idea che la cosa sia reciproca...

 

(sento come un rumore indistinto in lontanza...tipo del fegato di riccardo che si gonfia... :smilies17: ).

Link to comment

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...