Jump to content
Sign in to follow this  
peppelixi

Consiglio Olio Con Naga Morich

Recommended Posts

Ciao ragazzi!

Sono alle prime armi con la coltivazione dei peperoncini super piccanti, quindi non aggreditemi J

Ho cercato un po’ sulle vostre guide, sulle discussioni e online, ma su certi punti sono ancora un po’ confuso..

Mi hanno regalato due piantine di Naga Morich, miracolosamente sono riuscito a trapiantarle e farle crescere, ora stanno cominciando a maturare i frutti.

 

Vorrei preparare l’olio e tenere qualcosa per fare il macinato, vi elenco le mie perplessità:

1) alcuni peperoncini sono rossi mentre altri ancora verdi, quando taglio quelli già maturi come li conservo in attesa che maturino anche quelli verdi?

2) Essicazione, non ho un essiccatore elettrico (mi attrezzerò per l’anno prossimo), se ho capito bene non vanno lasciati interi ma devono tagliarli a meta eliminando il picciolo e posizionati al sole sopra un pezzo di scottex?! Ci sono altri consigli o trucchi particolari?

3) Quando preparo l’olio i peperoncini che metterò nella bottiglia quindi rimarranno divisi a metà (presumo con i semi) o dovranno essere tagliati ulteriormente?

 

Spero di non essermi dilungato troppo J

Share this post


Link to post

Il Naga si può dividere anche i 4 pezzi asciuga prima, alcuni sconsigliano il sole diretto, io mi sono auto costruito una griglia a trama fine su cui appoggio i pepper tagliati li copro con "scottex" (per evitar polveri e altro) e li metto al caldo.

I semi io li tolgo.

 

post-911-0-21587000-1468155567_thumb.jpg

  • Upvote 1

Share this post


Link to post

Ciao Campana,

bella l'idea della rete. Di che materiale è la rete e la maglia che misure ha?

Vorrei ... copiarti l'idea!

Share this post


Link to post

E' una rete che si trova tranquillamente in ogni ferramenta, è di metallo zincato penso, la trama è circa di mezzo centimetro, ma l'importante è che non cadano i pezzi sotto.

Share this post


Link to post

Sotto un portichetto rivolto a sud (che di giorno è pari ad un forno) poi sopra una caldaia verso settembre/ ottobre

 

Quest'anno comunque forse mi decido a spendere una cinquantina di euro per un essiccatore.

Share this post


Link to post

Ciao,

tempo fa si disserto sull'utilità o meno di un essiccatore ... io sono il sostenitore del forno ventilato sia per la praticità di utilizzo che per i tempi/costi. Adesso con l'idea della griglia (che ti copierò) tutto si muove, secondo me, a vantaggio del forno facendo perdere punti all'essiccatore.

Share this post


Link to post

Lo scorso anno con tutte piante di chinense che sono abbastanza tardivi li ho tagliati in più parti, privati di semi e messi sopra al camino ad essiccare.

Li ho macinati e un po li tengo come polvere, un po ho fatto l'olio ;)

 

L'idea della rete è ottima, ti basta anche un pezzo di zanzariera a trama finissima...basta che non cadono ma "giri" aria; con queste calure li metti su un balcone e si essiccano alla svelta :D

Share this post


Link to post

Riapro questa discussione riprendendo una domanda fatta all'inizio... Le mie piante ,di presunti Carolina R. scarseggiano di frutti e se nascono lo fanno con tempi di maturazione diversi.

 

Come posso conservare i primi raccolti per poi essiccare tutto assieme?

Share this post


Link to post

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...