Jump to content
Sign in to follow this  
gianni48

Anno 2019

Recommended Posts

Salve! 

Quest'anno coltiverò con particolare impegno alcune varietà di Capsicum glabriusculum, perché questa specie di peperoncini è la nostra preferita in cucina.

Ecco la lista delle novità:

CAP 1639
CAP 872
CAP 524
PI 593491

Chiltepin
Chiltepin Amarillo
Guatemalan Chiltepin
Dwarf Chiltepin

Congo de Nicaragua
Chiltepin Tucson
Florida Wild Bird
Chilito de Simojovel

Pequin
NuMex Bailey Piquin

 

Ho letto che sono varietà tardive e quindi comincerò presto e con il chiltepin classico ho già cominciato.

CHILTEPIN.thumb.jpg.e47330d5976857622deac2e16e6b99c7.jpg

Nell'anno scorso ho usato trappole cromotropiche gialle cosparse di miele e bicchierini con aceto di mele contro gli sciaridi ma i risultati sono stati inferiori alle attese. Quest'anno ho tindalizzato il terriccio dove ho posto i semi germinati con il forno a microonde (3 trattamenti di 5 minuti a 400 w, a distanza di un giorno l'uno dall'altro). Per ora non sono comparsi moscerini.

Ovviamente continuerò con gli esperimenti di innesto, taleaggio e farò una margotta sul megaflexuosumm, se supera anche questo inverno.

 


 

Share this post


Link to post

Buona coltivazione Gianni,anche a me piacciono i chiltepin in cucina, quest' anno ho apprezzato molto il brown

Share this post


Link to post

Buon inizio Gianni, varietà molto particolari! ;)

Share this post


Link to post

Ne hai di "palline" da raccogliere nel 2019...

Buona coltivazione Gianni

Share this post


Link to post
14 ore, Leo72 dice:

Buona coltivazione Gianni,anche a me piacciono i chiltepin in cucina, quest' anno ho apprezzato molto il brown

 

13 ore, DarioD dice:

Buon inizio Gianni, varietà molto particolari! ;)

 

4 ore, campana dice:

Ne hai di "palline" da raccogliere nel 2019...

Buona coltivazione Gianni

Grazie ragazzi! :)

Share this post


Link to post

Innesto  di pomodoro cuore di bue di un anno che nel 2018 ha prodotto 4 kg di frutti, che ho potato lasciando un solo ramo, che sta svernando in light box formato da striscia led a luce bianca fredda,  di 5 m e 30 w. Cimerò la pianta per farle produrre dei rami laterali e proverò a coltivarlo "a caduta sul balcone. L'innesto era stato fatto a spacco su giovane pianta di Solanum mauritianum.

IMG_3666.thumb.JPG.caca56326f31afc0f1d9b5b38f2c343b.JPG

  • Like 1

Share this post


Link to post

Bello il light box versione "Guerre Stellari" :thumbsup:

  • Like 1

Share this post


Link to post

Ho spostato questo gogosari perché alcune foglie sfioravano il faro a led da 100 w e tendevano ad arricciarsi per troppa luce.

IMG_3679.thumb.JPG.107de4eb2b6fc6d7b910a72e46257ce9.JPG

Ormai è ora di metterlo nel vaso definitivo.

  • Like 1

Share this post


Link to post

Ho visto i frutti
Sembra una papaccella
Complimenti per il light box futuristico

Inviato dal mio SM-J330FN utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
46 minuti fa, mario66 dice:

Ho visto i frutti
Sembra una papaccella

Hai ragione!! Dalle immagini in rete ho notato che i frutti, le foglie e le piante sono identiche, quindi assai probabilmente il gogosari rumeno e la papaccella napoletana (che non conoscevo) sono la stessa cosa. Grazie della dritta e ... BUON 2019!!! :)

Share this post


Link to post

Di che ....
Buon 2019

Inviato dal mio SM-J330FN utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post

Il megaflexuosum ha ancora molte foglie; penso che in gennaio le perderà (l'anno scorso le ha perse e sono rispuntate in aprile).

IMG_3681.thumb.JPG.9d836c8896bc73da66b097d0a8fe7351.JPG

 

IMG_3682.thumb.JPG.89d9b70146cf6cea5fca5fa1988ca35f.JPG
Questo in primo piano è un flexuosum di un anno in vaso ed è evidente la sua maggiore resistenza al gelo rispetto al chinense.


IMG_3683.thumb.JPG.14f393a8f7e8a49ece920721d9b8c472.JPG
La margotta sverna nel sottotetto, con la chioma sotto il vetro del vasistas; sta vegetando e ha messo qualche bocciolo.

1881032176_-part.thumb.JPG.b48278f8985f1f0223e1492b2aae8cd9.JPG

La possibilità di trasformare in margotte i lunghissimi polloni consente di ottenere dal megaflexuosum piante di peppers dall'aspetto particolare:

632062079_2.JPG.d7ecab3cb62cf6cec4aeab675f8e6f47(1).thumb.JPG.890c9e766c94d892d1fb58735ac4172f.JPG

  • Like 1

Share this post


Link to post

Molto affascinante. Non ho avuto modo di approfondire ma non conosco la megaflexuosum,è utilizzata quindi come porta innesto efficiente? Che leggi in particolare?

Inviato dal mio SM-J510FN utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post

Megaflexuosum è il nome che ho affibbiato al C. flexuosum che sta crescendo nel mio orto . Ha superato i tre metri di altezza (credo che sia un record per l'Italia) e quest'anno sono curioso di vedere dove arriva :D e voglio vedere come si sviluppano le margotte dei suoi polloni. Come portainnesto riduce il vigore delle varietà innestate e conferisce resistenza alle malattie dell'apparato radicale; gli innesti lasciati fuori hanno perso le foglie ma attendo la primavera per sapere se sono gelati. 

 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
2 ore, gianni48 dice:

Questo in primo piano è un flexuosum di un anno in vaso ed è evidente la sua maggiore resistenza al gelo rispetto al chinense.

Anche gli annuum sono più resistenti dei chinense; quest'ultimi perdono le foglie ai primi freddi ancor prima di ingiallire.

Share this post


Link to post
11 minuti fa, DarioD dice:

Anche gli annuum sono più resistenti dei chinense; quest'ultimi perdono le foglie ai primi freddi ancor prima di ingiallire.

E' vero, però da me anche gli annuum che ho lasciato fuori sono gelati quando le temperature notturne sono scese di alcuni gradi sotto zero.

Share this post


Link to post
25 minuti fa, gianni48 dice:

E' vero, però da me anche gli annuum che ho lasciato fuori sono gelati quando le temperature notturne sono scese di alcuni gradi sotto zero.

Si certo, sotto zero muoiono. Non ho potuto rilevare la temperatura ma per i chinense credo che bastino temperature prossime a zero per far cadere le foglie visto che non hanno danni da gelo.

Share this post


Link to post
Megaflexuosum è il nome che ho affibbiato al C. flexuosum che sta crescendo nel mio orto . Ha superato i tre metri di altezza (credo che sia un record per l'Italia) e quest'anno sono curioso di vedere dove arriva  e voglio vedere come si sviluppano le margotte dei suoi polloni. Come portainnesto riduce il vigore delle varietà innestate e conferisce resistenza alle malattie dell'apparato radicale; gli innesti lasciati fuori hanno perso le foglie ma attendo la primavera per sapere se sono gelati. 
 
 
Ah ecco, allora sono curioso di vedere i tuoi risultati

Inviato dal mio SM-J510FN utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
26 minuti fa, META dice:

Ah ecco, allora sono curioso di vedere i tuoi risultati emoji4.png
 

 

41 minuti fa, DarioD dice:

Si certo, sotto zero muoiono. Non ho potuto rilevare la temperatura ma per i chinense credo che bastino temperature prossime a zero per far cadere le foglie visto che non hanno danni da gelo.

Da me fra i Capsicum solo il flexuosum può superare gli inverni e a partire dal terzo anno il mio ha prodotto polloni verticali molto lunghi e l'altezza della pianta aumenta di circa 50 cm ogni anno. I frutti prodotti sulla sommità dei polloni sono più piccoli di quelli prodotti in basso e contengono pochi semi.

  • Like 1

Share this post


Link to post

Forse ne hai già scritto Gianni ma il tuo Flex di tre metri lo hai lasciato crescere i modo naturale o lo hai tenuto "pulito" sui fianchi?

i Wild normalmente non hanno un portamento più cespuglioso?

Per raccogliere tra poco ti ci vorrà un cestello 😃

 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
14 ore, campana dice:

Forse ne hai già scritto Gianni ma il tuo Flex di tre metri lo hai lasciato crescere i modo naturale o lo hai tenuto "pulito" sui fianchi?

i Wild normalmente non hanno un portamento più cespuglioso?

Per raccogliere tra poco ti ci vorrà un cestello 😃

 

Ho seminato la pianta nel 2014; l'ho svernata in vaso all'interno e nell'estate del 2015 era così:

319294977_16luglio2015.jpg.69d228929246322686f9b4f0fbe75ddd.jpg

Nell'inverno del 2015 l'ho lasciata fuori, in vaso, protetta da tnt e nella primavera del 2016 l'ho piantata nell'orto in ottobre era cresciuta parecchio formando un cespuglio al centro del quale si erano sviluppati rami verticali con internodi molto lunghi (polloni):

1952505032_19ottobre2016.jpg.f9ffc4afac2acd1265cf70da4eacdc4c.jpg

Nell'inverno del 2016 la pianta ha svernato sotto tnt e nell'estate successiva era così:

 

 

Nel 2017 ho tagliato una parte dei rami laterali e ho svernato il flexuosum senza copertura;

9 dicembre 2017     535684113_9dicembre2017.thumb.jpg.771024adb3774a603a72f128fb7f9d1d.jpg

 

Quest'anno è cresciuto parecchio:

E' venuto a farmi visita Marco (sfizio) e questa è la sua mano:

2066420142_flexnovembre2018.thumb.jpg.fa4892834d430a5b9f0753b6a2c8c913.jpg

Ora il diametro della base supera i 10 cm.

alla fine di novembre ho tolto tutti i rami laterali e ho lasciato solo i polloni per favorire lo sviluppo in altezza e perché voglio vedere se, riducendo il numero dei rami, si  ha una migliore circolazione della linfa in quelli che restano e si limitano i danni dello svernamento.

 

  • Like 1

Share this post


Link to post

Per l'illuminazione di piante in svernamento, ho utilizzato fari a led da esterno da 50 e 100 w; fra i quali, quelli di marca FOYU (forniti con spina) hanno smesso di funzionare dopo poco più di un mese x 12 h al giorno e ovviamente non ne consiglio l'acquisto; quelli dell'azienda V-TAC, forniti senza spina, funzionano regolarmente. Poco fa ho ordinato 6 faretti V-TAC da 10 w  perché forse quelli da 50 e 100 w scaldano troppo... e li userò per il primo sviluppo delle piantine. Da quelli che sono bruciati utilizzerò le spine, i cavi e i vetri. :)

Share this post


Link to post

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×