Jump to content

I miei Rocoto Red


djma73

Recommended Posts

Una varierà che mi ha sempre affascinato, un po perché un pubescens non si impollina con nessun'altra specie ma anche per la sua grande resistenza alle basse temperature ed infine perché è buonissimo e di notevole piccantezza. 

IMG-20191020-WA0015.jpeg

Link to post

Si non sbagli, a dire il vero le piante di rocoto sono quattro e rimangono dietro alla pianta di limone che tra le altre cose non gode di ottima salute. Comunque posterò foto più dettagliate 

Link to post

Sei molto preciso , allora è più giusto specificare che i pubescens non s'impollinano con le altre quattro specie domestiche o perlo.eno è  molto raro, va bene ? ... per quanto riguarda il limone, si, potrebbe essere che io abbia esagerato con il concime ....

Link to post
1 ora, djma73 dice:

la sua grande resistenza alle basse temperature

Ciao, ho sentito diverse volte citare questa caratteristica, ma vorrei capire meglio cosa si intende. Fiorisce e fruttifica anche a temperature più basse o semplicemente resta verde anche con temperature più basse (gelo escluso)? Valore di temperatura minima? Sto chiedendo in quanto mi piace coltivare Rocoto anche se risulta difficoltoso coltivarlo a temperature piuttosto calde, ho avuto qualche frutto lo scorso anno solo dopo settembre.

Saluti, a presto.

Link to post

I Rocoto è l'unica varietà che sono riuscito a svernare senza problemi, in ambiente chiuso ma con temperature notturne di 3/4 gradi, e all'esterno protetto solo da una serretta in nylon fatta in casa, sarà stato un inverno particolarmente mite non ricordo ma qualche gelata sicurente c'è stata, certo non fioriscono e producono in inverno

  • Thanks 1
Link to post

Per quello che ho sperimentato io Il rocoto ama temperatura più bassa rispetto ad altre specie,l'ideale sono temperature con massime intorno ai 25/26 gradi,non a caso in questo periodo nella mia zona  le piante danno il massimo mentre d'estate quando si arriva a 40 gradi soffrono Dannatamemte,superano bene l'inverno se riparate e protette da venti freddi e ghiacciate  ma se esposte  direttamente agli agenti atmosferici non sopravvivono 

  • Thanks 1
Link to post

 In effetti mi ci sono voluti alcuni anni per capire quale fosse l'ambiente giusto per questa specie, sapevo che avrebbe sopportato bene le basse temperature (Non oltre i 2/3 gradi sotto lo zero)  ma mai avrei pensato che potesse temere invece tanto il caldo con conseguente bruciatura delle foglie e sopratutto dei germogli. Quest'anno sono riuscito a limitare questo fenomeno ponendo le piante in una zona abbastanza riparata dal sole, l'importanza che ci sia luce e buon terriccio 

Link to post
7 minuti fa, djma73 dice:

(Non oltre i 2/3 gradi sotto lo zero)

Volevi dire SOPRA LO ZERO. Hai forse testato questa condizione? Altri fattori importanti sono l'umidità e le correnti d'aria, oltre la temperatura.

Link to post
1 ora fa, campana dice:

Ma forse anche sotto lo zero...

Mmh, chiedo questo perché un anno mi morì una pianta di Rocoto giallo che stavo svernando in serra ma causa spifferi è stata comunque seccata dal gelo. Fortunatamente il piede rimase verde e riemise germogli regalandomi anche qualche frutto. Quella volta all'esterno registrai -6°C, in serra non la misurai.

Link to post

Difficilmente in Liguria si scende sotto lo zero e queste piante sono germogliate a gennaio quindi vi saprò dire ....gli anni passati non ho avuto molto successo con i pubescens ma piano piano sto trovando le condizioni giuste per farli fruttificare.....nonostante una cascola importante sono riuscito ad ottenere una decina di frutti. Se dovesse resistere all'inverno la prossima primavera/estate avrà  sicuramente una fruttificazione notevole 

Link to post
1 minuto fa, djma73 dice:

Se dovesse resistere all'inverno la prossima primavera/estate avrà  sicuramente una fruttificazione notevole 

Dicono che al 2° anno sono più produttivi (credo perché la pianta è ben formata ma anche per il fatto che può fiorire prima quindi a temperature più miti allega bene).

Link to post

All'interno di una serra fredda di notte si misura la stessa temperatura che c'e all'esterno, forse un grado in più, e come già scritto un mio Rocoto è sopravvissuto egregiamente e in pianura padana è difficile passare un inverno senza che la temperatura scenda sotto zero.

Link to post

Grazie alla peluria che li ricopre e che li contraddistingue riescano a sopportare temperature assai rigide ma allo stesso tempo penso che il vento o le correnti d'aria risultino devastanti quindi ben venga una serra 

Link to post

Certamente, il vantaggio di una buona protezione delle piante anche con tnt è  importante per preservare i rami da nebbia e umidita, nel caso le  temperature scendano si evita quella che noi chiamiamo "brinata" assai pericolosa anche per alcune piante da giardino

Link to post

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...