Jump to content

Anno 2020


gianni48

Recommended Posts

  • Replies 318
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Ho numerose piante in svernamento che occupano molto spazio ... e tempo, quindi ridurrò le nuove attività. Sto coltivando nuove piante di C. lanceolatum: 8 in vaso e 2 in idroponica. Molte p

Di Flex no, la pianta era un Chiltepin Glaburiscum un anno l'ha passato vediamo il secondo è abbastanza resistente al freddo ho notato. I semi di Flexuosum me li avevi spediti, e hanno germinato

Posted Images

1 ora fa, campana dice:

Che belli, se riesco vengo a fare spesa...

😄 affrettati perché finiranno presto: sono iniziate le cene a base di caprese con cuore di bue e mozzarella!!

  • Like 1
Link to post
Il 9/7/2020 at 13:28, Aji charapita dice:

Ho sentito dire da ortolani che è meglio cambiare spesso il posto dove si coltiva per lasciare il tempo al terreno di recuperare i nutrimenti assorbiti da un certo tipo di pianta... 

 

E' vero, inoltre nel terreno rimangono e proliferano parassiti che facilmente infetteranno i pomodori e le altre solanacee se si coltivano nello stesso posto negli anni successivi.

A questo proposito riporto due schemi di rotazione nella coltivazione dell'orto dal link:

https://www.lifegate.it/la_rotazione_delle_colture_due_schemi_di_riferimento

Tabella per rotazione ortaggi: due schemi per l’uso nell’orto

La rotazione consiste nell’alternare nello stesso pezzo di terreno la coltivazione di ortaggi diversi. Uno dei sistemi di rotazione più indicati per i piccoli orti familiari è quello basato sulle differenti esigenze nutritive dei singoli ortaggi,
suddivisi a questo scopo, come detto, in questi tre grandi gruppi:

  • forti consumatori di sostanze nutritive (tutti i cavoli tranne il cavolo rapa, cetriolo, insalate, melanzana, melone, patate, peperone, pomodoro, sedano, sedano rapa, spinaci, zucche, zucchina)
  • medi consumatori (aromatiche in generale, aglio, barbe rosse, bietole, cavolo rapa, carote, cicoria, cipolle, finocchio, porro, ravanelli, rucola, scorzonera
  • deboli consumatori (fagioli, fagiolini, fava, pisello, prezzemolo).

In pratica si tratta di suddividere l’orto in tre aiuole che per semplicità indicheremo rispettivamente con A, B e C.

  • Nell’aiuola A (la più ricca di sostanza organica ed elementi minerali) saranno coltivati gli ortaggi forti consumatori.
  • nell’aiuola B (caratterizzata da una dotazione media di nutrienti) si coltiveranno gli ortaggi del secondo gruppo
  • nell’aiuola C, la più povera di elementi nutritivi, si semineranno gli ortaggi meno esigenti.

Nei cicli successivi nell’aiuola B si semineranno le piante appartenenti al gruppo dei medi consumatori (in grado di sfruttare la fertilità residua) alle quali seguiranno poi le piante del terzo gruppo, rappresentate essenzialmente da leguminose, in grado di fissare l’azoto atmosferico e arricchire il terreno di sostanza organica e quindi migliorare il terreno che così potrà ospitare le piante più esigenti e riaprire il ciclo.

Un altro sistema di rotazione molto diffuso tra gli orticoltori biologici prende in considerazione i diversi sviluppi vegetativi degli ortaggi che perciò vengono suddivisi in quattro gruppi ben distinti:

  • ortaggi da frutti (anguria, cetriolo, fagioli, fagiolini, fave, melanzane, melone, piselli, peperoni, pomodori, zucche, zucchini)
  • ortaggi da foglia (cavoli in genere, cicoria, finocchio, insalate, navone, radicchio, rucola, sedano, spinacio)
  • ortaggi da radice (aglio, barbe rosse, carote, cipolle, pastinaca, patate, porro, ravanelli, ramolaccio, rape, scorzonera, sedano rapa)
  • ortaggi da fiori (cavolfiori, piante aromatiche come camomilla, calendula, aneto, malva, maggiorana, borragine e così via).

In questo caso la successione suggerita è la seguente: primo anno ortaggi da frutto; secondo anno ortaggi da fiore; terzo anno ortaggi da foglia; quarto anno ortaggi da radice.

 

Quello che mi interessa maggiormente è il primo.

  • Like 1
  • Thanks 1
Link to post

Prima produzione del Promyk coltivato in brik, cioè in poco più di un litro di terriccio.

135268040_Promykinbrik.thumb.JPG.f1ef6e9b22cdfab0589d9a96b916f4ce.JPG

  • Like 2
Link to post
9 minuti fa, Aji charapita dice:

Come dice il brik.... Bravo! 😊

😄:D😊

Link to post
7 minuti fa, campana dice:

Viene il dubbio che il brik  non sia stato scelto in modo casuale...:D

infatti ... :D

 

Link to post
  • 2 weeks later...

Levistico o sedano di montagna: le foglie tritate, aggiunte al risotto a fine cottura profumano ed aromatizzano il piatto. Il suo nome secondo alcuni autori deriva da "levare" perché era usato per curare alcuni malanni. Il suo aroma assomiglia a quello del sedano ma è molto più intenso e e anche molto gradevole. ;)

In Italia cresce spontaneo nelle montagne del Nord, ma in alcune regioni come il Piemonte si sta estinguendo (https://www.actaplantarum.org/flora/flora_info.php?id=4579) , comunque è facile coltivarlo partendo dai semi e, come si vede dalla foto qui sotto, ho ottenuto buoni risultati dalle piantine poste in un buon terriccio in fitocelle. Ho coltivato anche alcune piante in piena terra per vedere se continuano a crescere nei prossimi anni, altrimenti continuerò a coltivarle come annuali.

levistico.thumb.jpg.04f886857d0ab38ca7b2da58d2c0bd62.jpg

Da Wikipedia: 

Si raccolgono le foglie da usare fresche in risotti, brodi, carni, stufati, pollo, baccalà; il seme maturo di questa pianta si usa nei liquori, nelle insalate, nelle schiacciate; l'aroma della pianta è simile al sedano, ma è più gradevole; denominato anche "Sedano di montagna", era abbondantemente usato nella cucina dell'antica Roma. È infatti presente in molte delle ricette di Apicio, ad esempio nel De re coquinaria.
Era anche molto apprezzato dai monaci benedettini che, nel Medioevo, lo diffusero negli orti e nelle corti, soprattutto del nord Europa dove oggi è ancora molto usato.
Ha un sapore vicino al sedano, ma con un profumo molto più intenso, più pungente che lo rende molto gradevole. 

 

Una gradevole nota di colore sul balcone: l'ipomea purpurea.

995896217_ipomoeapurpurea.thumb.jpg.e105322f99e7cf452362745fa28044fc.jpg

Questo è il primo fiore da una semina tardiva; in postproduzione ho cercato di rendere il colore più vicino a quello reale (la fotocamera la vede blu) 

 

Link to post

Il levistico da noi è usato per diverse cose ed è l'ingrediente principale di una salsa tradizionale... Nella Svizzera tedesca viene chiamata erba maggi... 

  • Thanks 1
Link to post

Sono stato informato dell'esistenza di questa pianta da dei rumeni; da loro è diffusa negli orti e anche là viene usata in diversi modi.

  • Like 1
Link to post

Il flexuosum di 6 anni sta continuando a crescere ed ha superato di molto i 4 m di altezza.

273216113_14m.JPG.9dec32046142b8b05ddb50fa8604e184.JPG

Sia questo che gli altri flexuosum che coltivo in terra o in vaso e che svernano all'esterno, hanno molti fiori e molte bacche.

1909681315_2bacche.thumb.JPG.06014a9bba9a36f62388ee2b404fac59.JPG

3.thumb.JPG.5f26c9ba5e4e4f4d8b96a2205f1920f1.JPG

4.thumb.JPG.995f8dff6f100a816375332baca67187.JPG

5.thumb.JPG.a9e3a9617a7d997255233516a563d1cf.JPG

  • Like 2
Link to post
17 ore, campana dice:

D'ora in poi sulla carta d'identità ci sarà scritto Gianni  Flexuosum 48 :D

:D Alcuni flexuosum crescono nell'orto-jungla a nord della casa e, per consentire loro di ricevere la luce diretta del sole, con drastiche potature le ho fatte crescere moltissimo in verticale. So che alcuni sono contrari a queste pratiche, però queste piante stanno maturando molte bacche e nel giro di qualche anno svilupperanno un fusto robusto, che si reggerà senza bisogno di tutore.

 

  • Like 2
  • Thanks 1
Link to post
3 ore, Aji charapita dice:

Ti sei dato alle angurie adesso?! 🤣🤣🤣

 

2 ore, campana dice:

Con due pomodori sei a posto per qualche giorno...:thumbsup:

Avevo acquistato piantine di cuore di bue ma ho ottenuto pomodori che sono più simili alla varietà "bistecca", comunque la produzione è stata buona, nessun frutto ha presentato marciume apicale  e le piante sono ancora sane (l'anno scorso erano state colpite da peronospora). :) Ciò che ora temo maggiormente è l'attacco delle cimici perché ne ho già viste alcune agli stadi giovanili sulle melegrane.

Link to post

E sì anche qui iniziano a girare le cimici... 

Sono carnosi e succosi come i cuore di bue? 

Della varietà bistecca ho visto una ricetta di Giorgione che era bella appetitosa... A parte i due litri di olio, i sei etti di guanciale e il non nulla di pepe... 🤣🤣🤣🤣🤣

Link to post
2 ore, Aji charapita dice:

Sono carnosi e succosi come i cuore di bue? 

Sì, inoltre alcuni sono più piccoli ma regolari, mentre quelli che ho raccolto stamattina sono i più grossi e irregolari; forse perché sul palco si sono sviluppati solo loro due.  C'è dello scarto ma ciò che rimane è buono; comunque, per una caprese, sono più adatti quelli di pezzatura minore.  

  • Like 1
Link to post

L'Ipomea purpurea è molto decorativa, però non deve essere messa in vaso assieme ad altre piante perché tende a soffocarle. Ecco come è ridotto un vaso in cui stavano crescendo tre Starfish Yellow già piuttosto alti assieme a tre piantine di Ipomea purpurea... ora devo decidere se eliminare le campanelle o lasciare che soffochino i peperoncini. 🙁

825839107_ipomoeainfestante.thumb.jpg.1ea7454f7feb8e155d7258ac363541ae.jpg

Link to post
35 minuti fa, Aji charapita dice:

Cavolo bel dilemma perché è stupenda l'ipomea! 

La toglierò perché ne ho altre... dovevo immaginare che non possono essere coltivate assieme ad altre piante; credevo che non fossero così invasive e che stringessero così strettamente i rami a cui si avvolgono.

Link to post
  • 2 weeks later...
Il 29/7/2020 at 16:13, Aji charapita dice:

Allora se ne hai altre non farti scrupoli... 

Ho lasciato crescere le campanelle lontane dai peperoncini:

1.thumb.JPG.a5a07d82d67ceeb48412ebae9c5f98bc.JPG

2.thumb.JPG.79d8f1d74bb5b575e9c963246142533d.JPG

3.thumb.JPG.bb4e3e31da384ff66d67692ac198e3d4.JPG

4.JPG.335e2a08fe40cd0bac54bce6ef167f63.JPG

Crescono in modo impressionante; queste in poche settimane hanno raggiunto la sommità di un ferro alto 4 metri.

5.thumb.JPG.1debcbf085be4be43e1f52b0161341e7.JPG

Nel prossimo anno penso di farle crescere su ferri di 6 metri.

In un vaso ne ho lasciata una con un flexuosum ma ho tagliato i suoi rami laterali:

6.thumb.JPG.5abb313f19de7f5efcae2b6d0c258e61.JPG

  • Like 1
Link to post

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...