Jump to content
dead

Come estrarre la capsicina

Recommended Posts

Siccome i vostri post precedenti sull'argomento mi hanno intrippato (sono ing.chimico :))))) mi sono un po' studiato la faccenda dell'estrazione della capsaicina.

 

Al di la della pericolosità della sostanza pura, l'estrazione tramite alcool etilico non dovrebbe comportare troppe difficoltà.

 

Il problema principale è legato alla quantità.

Da quello che ho letto, un habanero da 500.000 SHU ha circa il 3% in peso di capsaicina.

Non so le vostre disponibilità attuali di habanero, ma la mia è circa zero, quindi ipotizziamo di utilizzare dei comuni cayenna (circa 50.000 SHU, ovvero 0,3% in peso).

Se siamo bravi in un processo di tipo artigianale, possiamo ipotizzare di arrivare ad un efficienza del 70-75%, ovvero di recuperare lo 0,225% in peso.

Questo significa che da 1kg di cayenna, potremmo ottenere circa 2,25g di capsicina pura. Il valore sale ovviamente di 10 volte se abbiamo a disposizione dei red savina da competizione yes!

 

IL PROCESSO.

Non potendo pensare ad un sistema di distillazione frazionata di tipo industriale, opterei per un processo batch a stadi sucessivi. Il concetto è molto semplice.

 

1- Procuriamoci almeno 2lt di alcool per alimenti per ogni kg di peperoncino.

2- dividiamo l'alcool in 3 o 4 recipienti ermetici.

3- sminuzziamo i peperoncini per favorire il contatto e mettiamoli nel recipiente n°1

4- lasciamoli a bagno alcuni giorni. (se vogliamo prenderci il rischio di riscaldare l'alcool, sappiate che la solubilità aumenta esponenzialmente con la temperatura, quindi il tempo di attesa si riduce in proporzione)

5- filtriamo e mettiamo i peperoncini nell'alcool del secondo recipiente, poi passiamo al terzo, e semmai al quarto. Questo perchè la capsaicina si distribuisce uniformemente nelle fasi solido e liquido, quindi con una sola estrazione non potete recuperarla tutta.

6- A questo punto riuniamo i 2lt di alcool e cominciamo a distillarli.

Per distillarli ci vuole uno di quegli alambicchi con serpentina di raffreddamento come quelli che si usano per fare la grappa, con la differenza che per distillare l'alcool bastano temperature più basse.

Per non perdere prodotto finale, consiglierei di rimanere sotto i 70°C

(casomai assaggiate l'alcool che si ricondensa, e se ha ancora sapore piccante, operate una seconda distillazione)

7- A questo punto ci sono due alternative: se avete operato con abbastanza materia prima potrete spingere la distillazione fino all'evaporazione totale, e la vostra capsaicina si depositerà come una polvere bianca sulle pareti e fondo del distillatore. Se però siete partiti con poca materia prima, gli uno o due grammi di residuo formeranno solo una patina opaca sull'interno del vetro, e sarann0o difficilmente recuperabili.

8- l'alternativa è quella di operare un assorbimento in olio (visto che una salsa di alcool e capsaicina farebbe abbastanza schifo). Quando l'alcool si sara ridotto a tal punto che cominceranno ad apparire le torbidità dei cristalli in formazione, fermate la distillazione ed aggiungete olio. Non so la quantità esatta perchè non ho trovato dati prcisi sulla solubilità in olio, ma io proverei con un mezzo bicchiere (circa 50cc) per ogni kg di peperoncini.

9- riprendete la distillazione della miscela olio-alcool fino a completa scomparsa dell'alcool. A questo punto, se siete partiti da 1kg di cayenna a 50.000 SHU, dovreste avere un olio a circa 750.000 SHU. Se come materia prima potete permettervi per esempio 3kg di un peperoncino a 200.000 SHU, vi ritroverete con 50cc di un olio loool loool loool a 9.000.000 di SHU (ammesso che la capsaicina in olio abbia solubilità sufficiente, se no vi ritroverete i cristalli sul fondo).

 

Questo è tutto.

Se riesco a mettere le mani su una quantità adeguata di peperoncini ad un prezzo extra basso, ci provo.

  • Upvote 3

Share this post


Link to post

Eccellente.

Grazie Dead.

Provvederò a mettere in evidenza il tuo articolo appena possibile.

Share this post


Link to post
Messaggio originale di dead

 

Siccome i vostri post precedenti sull'argomento mi hanno intrippato (sono ing.chimico :))))) mi sono un po' studiato la faccenda dell'estrazione della capsaicina.

 

Wow loool

 

Molto interessante! yes!

 

In questa stagione e' ovviamente difficile disporre di frutti freschi;

e' possibile utilizzare peperoncini essiccati o in polvere?

A occhio direi che la polvere dovrebbe essere l'ideale .

 

Utilizzando peperoncini interi essiccati si potrebbe eventualmente usare solo la placenta (facilmente separabile in alcune varieta' di grosse dimensioni).

Share this post


Link to post

Mi piacerebbe saperne di piu su questa procedura, magare con dei disegni e sapere se questo sarebbe la stessa cosa per altre piante?

Molto interessante!!

Share this post


Link to post
Messaggio originale di TEODORO1962

 

Mi piacerebbe saperne di piu su questa procedura, magare con dei disegni e sapere se questo sarebbe la stessa cosa per altre piante?

Molto interessante!!

 

Il procedimento si chiama genericamente estrazione con solventi a stadi multipli (o batch). La procedura va bene per tutte quelle sostanze che hanno un'alta solubilità in un dato solvente. Ovviamente i parametri di concentrazione, temperatura, ecc. cambiano da processo a processo. Più dati si hanno a disposizione sulle proprietà fisico chimiche di una data sostanza, più il processo può essere affinato. Purtroppo sulla capsaicina non ho trovato moltissimo, se non che ha un'alta affinità all'alcool ed un punto di fusione di 62°C ed ebollizione superiore ai 200°C, ed è praticamente insolubile in acqua fredda (ragione per cui bere non serve affatto a togliere il piccante di bocca noono ).

Il processo che ho descritto non l'ho sperimentato per mancanza di materia prima, ma ci sono ottime possibilità che funzioni.

 

Per approfondire questo argomento dovresti provare una libreria scientifica. Su internet non ho trovato quasi niente di interessante a livello divulgativo.

 

gli unici link utili sono in inglese:

http://ull.chemistry.uakron.edu/chemsep/extraction/

http://clu-in.org/techfocus/default.focus/...n/cat/Overview/

http://www.cheresources.com/extraction.shtml

http://en.wikipedia.org/wiki/Liquid-liquid_extraction

Share this post


Link to post

scusate la domanda, ma a che prò bisogna estrarre la capsaicina? forse è solo un approfondimento sull'argomento o con la sostanza poi ci si fanno altre cose? tipo spray al peperoncino, o olii megapiccanti cmq molto interessante il procedimento di estrazione prima o poi ci proverò anche io se non altro perchè sono affascinato nello sperimentare sempre nuove cose

Share this post


Link to post
Messaggio originale di outcontrol

 

scusate la domanda, ma a che prò bisogna estrarre la capsaicina?

 

Non c'e' uno scopo pratico immediato; per l'olio o spray ecc lo stesso risultato si puo' ottenere aumentando la quantita' di peperoncini.

 

Pero' avere tra le mani una piccola bomba da 7-8 milioni shu o piu' puo' essere interessante; io pero' ci penserei due volte prima di assaggiarla noono

Share this post


Link to post
Messaggio originale di LoneWolf

 

Messaggio originale di outcontrol

 

scusate la domanda, ma a che prò bisogna estrarre la capsaicina?

 

Non c'e' uno scopo pratico immediato; per l'olio o spray ecc lo

è già una bella bomba che innescerebbe una fusione nucleare sulla lingua e forse non solo li grazie wolf cmq per la delucidazione a presto Sandro

Share this post


Link to post
Messaggio originale di outcontrol

grazie wolf

 

Il mio nick e' Lonewolf.

Va bene anche Lone, ma non Wolf perche' c'e' un altro utente con quel nome.

Share this post


Link to post
Messaggio originale di LoneWolf

 

Messaggio originale di outcontrol

grazie wolf

 

Il mio nick e' Lonewolf.

Va bene anche Lone, ma non Wolf perche' c'e' un altro utente con quel nome.

 

 

Scusa Lonewolf non volevo mancarti di rispetto quel che è giusto è giusto, senza rancore :) ciao Sandro

Share this post


Link to post
Messaggio originale di outcontrol

senza rancore

 

Ci mancherebbe ... era solo una precisazione, anche per evitare possibili scambi di persona e conseguenti malintesi (tipo mandi un messaggio a Wolf e aspetti una risposta da me hehe)

Share this post


Link to post

si potrebbe aumentare il rendimento estrattivo utilizzando solo le placente di pepper super piccanti(e non) magari partendo dal prodotto secco?

Share this post


Link to post

buon giorno a tutti... mi ero interessato a questo tipo di procedimento e ho ovviamente provato a farlo. già dal primo esperimento ho notato che nell'alcol passa in soluzione, oltre alla capsicina, anche una discreta quantità di carotene (la sostanza che da il colore rosso ai frutti). volevo chiedere se chi ha provato ha riscontrato come me questo problema.

Share this post


Link to post
...oltre alla capsicina, anche una discreta quantità di carotene (la sostanza che da il colore rosso ai frutti). volevo chiedere se chi ha provato ha riscontrato come me questo problema.

 

è normale. Anche l'estratto "industriale" che puoi comprare su alcuni siti internet ha un colore rosso molto scuro.

Share this post


Link to post

si penso anchio che il colore del frutto resti :approva5:

Share this post


Link to post

L'argomento estrazione mi affascina molto.

Tuttavia concordo con chi obietta che forse non serva a nulla. Nel senso che la natura ci ha messo già a disposizione dei frutti belli, saporiti e "pre-dosati", nel senso che la capsaicina è diluita: perché mai dovremmo volerne di pura?

Indubbiamente anche una sola goccia di olio contenente capsaicina in alta concentrazione sarebbe in grado di provocare ustioni sui tessuti del nostro corpo. Che cosa ce ne faremmo quindi?

Dovremmo aggiungere l'ingrediente nei sughi e nelle ricette con il contagocce? :Sogghigna:

A sto punto continuo con il barattolo dei peperoncini essiccati che ho sullo scaffale (e già con quello combino danni perché a volte mi tocco gli occhi o faccio la pipì senza prima aver lavato le mani...). Paura!

Share this post


Link to post
L'argomento estrazione mi affascina molto.

Tuttavia concordo con chi obietta che forse non serva a nulla. Nel senso che la natura ci ha messo già a disposizione dei frutti belli, saporiti e "pre-dosati", nel senso che la capsaicina è diluita: perché mai dovremmo volerne di pura?

Indubbiamente anche una sola goccia di olio contenente capsaicina in alta concentrazione sarebbe in grado di provocare ustioni sui tessuti del nostro corpo. Che cosa ce ne faremmo quindi?

Dovremmo aggiungere l'ingrediente nei sughi e nelle ricette con il contagocce? :Sogghigna:

A sto punto continuo con il barattolo dei peperoncini essiccati che ho sullo scaffale (e già con quello combino danni perché a volte mi tocco gli occhi o faccio la pipì senza prima aver lavato le mani...). Paura!

 

Ciao fire!

concordo sul fatto che il concentrato di capsicina è quasi "inutile" a livello hobbistico o comunque culinario, ma molte aziende alimentari usano estratti di capsicina per preparati "a base di peperoncino" .

 

Per noi potrebbe diventare un "gioco" da fare con gli amici, far assaggiare loro una piccantezza ultra potrebbe essere divertente..

Share this post


Link to post

Oppure, stavo pensando, se con l'estrazione della capsaicina non si conserva anche il sapore del peperoncino, si potrebbe provare a rendere piccanti cibi che normalmente non lo sono, senza alterarne il sapore. Cioè senza farli sapere di peperoncino, ma soltanto di piccante.

Io ogni tanto penso al caffè al peperoncino, chissà come potrebbe essere. Prima o poi ci provo. O qualcuno ci ha già provato?

 

P.S.: ma alla fine si dice CAPSAICINA o CAPSICINA?

 

 

 

Ciao fire!

concordo sul fatto che il concentrato di capsicina è quasi "inutile" a livello hobbistico o comunque culinario, ma molte aziende alimentari usano estratti di capsicina per preparati "a base di peperoncino" .

 

Per noi potrebbe diventare un "gioco" da fare con gli amici, far assaggiare loro una piccantezza ultra potrebbe essere divertente..

Share this post


Link to post
Oppure, stavo pensando, se con l'estrazione della capsaicina non si conserva anche il sapore del peperoncino, si potrebbe provare a rendere piccanti cibi che normalmente non lo sono, senza alterarne il sapore. Cioè senza farli sapere di peperoncino, ma soltanto di piccante.

Io ogni tanto penso al caffè al peperoncino, chissà come potrebbe essere. Prima o poi ci provo. O qualcuno ci ha già provato?

 

P.S.: ma alla fine si dice CAPSAICINA o CAPSICINA?

 

Io ho sempre trovato i due termini usati indistintamente..

Share this post


Link to post

Qui a Napoli in qualche bar è già possibile degustare il caffè al peperoncino, ma credo anche in altre città del sud... ;)

Share this post


Link to post

Molto interessante caro Dead. Grazie della spiegazione. Mi chiedo cosa ci si potrebbe fare con la capsaicina pura... Manipolarla credo diventi pericoloso, vero? So di persone andate dal dermatologo per aver toccato solo dei Calabresi piccanti... Sarebbe interessante mettere a punto un sistema per ottenere una pomata aromatizzata per massaggi o olio emoliente per uso terapeutico...

Share this post


Link to post

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...