Jump to content

Sghirat 2021


Recommended Posts

Ok si ho visto anche i prodotti che diceva. In realtà il Neem che ho preso (con tanto di sapone molle potassico) sembra adatto anche per le cimici.. boh comunque farò anche manualmente.

Pensa che quando ho finito le superiori avevo anche il patentino fitosanitario perchè ho fatto agraria.. poi è scaduto e non l'ho più rinnovato.

Link to comment

Ma sicuramente l'olio di neem li allontana, ma momentaneamente! Non puoi andare avanti tutta la stagione a buttare su olio di neem in continuazione... Cioè, potresti ma la vedo una cosa poco pratica... 

Vai a comprarti un po' di vespe ninja così risolvi il problema 😅

Scherzi a parte, l'importante è tenere sempre controllato le piante e quando li vedi sai cosa fare! Tendenzialmente fanno le uova sotto le foglie! 

Link to comment
20 minuti fa, Aji charapita dice:

Tendenzialmente fanno le uova sotto le foglie! 

Me ne sono accorto.

Vedrò cosa riesco a fare. Tu ad esempio come le combatti? Manualmente?

Link to comment
2 ore, Aji charapita dice:

So che in Italia c'è qualcosa da spruzzare su ma se ho ben capito ci vuole il patentino? Il permesso insomma... Ne parlava @gianni48

Hanno dimostrato una certa efficacia contro le larve di cimici il clorpirifos-metile (RELDAN 22) per il quale è obbligatorio il patentino  e l'acetimiprid, che è un insetticida sistemico, efficace contro quasi tutti i parassiti ma sterminatore di api; è venduto in confezioni da 1  litro  e da 5 litri ad operatori con patentino e in pratiche confezioni da 15 ml (in contagocce) per hobbisti dalla Vithal; anche se ho il patentino non acquisterei mai le confezioni grandi perchè mi durerebbero una vita, costituendo un pericolo e probabilmente perdendo efficacia. Non si dovrebbe usare su piante fiorite, a meno che non si abbia la possibilità di ospitarle per qualche settimana in ambiente a prova di insetti impollinatori. Anche questi prodotti non sono efficaci contro le cimici adulte.

  • Thanks 1
Link to comment
44 minuti fa, Sghirat dice:

Me ne sono accorto.

Vedrò cosa riesco a fare. Tu ad esempio come le combatti? Manualmente?

Yess! Io le prendo e le butto nell'orto del vicino! 😝🤣

Link to comment
29 minuti fa, gianni48 dice:

Hanno dimostrato una certa efficacia contro le larve di cimici il clorpirifos-metile (RELDAN 22) per il quale è obbligatorio il patentino  e l'acetimiprid, che è un insetticida sistemico, efficace contro quasi tutti i parassiti ma sterminatore di api; è venduto in confezioni da 1  litro  e da 5 litri ad operatori con patentino e in pratiche confezioni da 15 ml (in contagocce) per hobbisti dalla Vithal; anche se ho il patentino non acquisterei mai le confezioni grandi perchè mi durerebbero una vita, costituendo un pericolo e probabilmente perdendo efficacia. Non si dovrebbe usare su piante fiorite, a meno che non si abbia la possibilità di ospitarle per qualche settimana in ambiente a prova di insetti impollinatori. Anche questi prodotti non sono efficaci contro le cimici adulte.

Ho capito. Ti ringrazio

Link to comment

Ho paura che quest'anno saranno veramente tante. :mellow:

Ancora qui da me non ne ho viste sulle piante, ma se di solito arrivano sul balcone in massa a fine estate quest'anno ho continuato ad accoppare asiatiche per tutto l'inverno (lasciando volare via quelle nostrane), e già adesso inizio a beccarne qualcuna.

Gli adulti non sono esattamente furbissimi: quando si sentono in pericolo l'istinto le porta a farsi cadere quasi in verticale sulla vegetazione sottostante. E' semplice fare in modo che cadano in un barattolino con dentro un dito d'alcol.

Spero che nei campi e nei frutteti riescano a ridurre il danno con tutte quelle nuove reti che si vedono, oltre che con i lanci di vespa samurai.

Link to comment
1 ora, Vulcano dice:

Ho paura che quest'anno saranno veramente tante. :mellow:

Ancora qui da me non ne ho viste sulle piante, ma se di solito arrivano sul balcone in massa a fine estate quest'anno ho continuato ad accoppare asiatiche per tutto l'inverno (lasciando volare via quelle nostrane), e già adesso inizio a beccarne qualcuna.

Gli adulti non sono esattamente furbissimi: quando si sentono in pericolo l'istinto le porta a farsi cadere quasi in verticale sulla vegetazione sottostante. E' semplice fare in modo che cadano in un barattolino con dentro un dito d'alcol.

Spero che nei campi e nei frutteti riescano a ridurre il danno con tutte quelle nuove reti che si vedono, oltre che con i lanci di vespa samurai.

Già le lanciano le ninja?? 

Link to comment

@campanaMi chiedevo. Visto che non ho mai coltivato jalapeno come faccio a sapere quando sono pronti? 😅😅😅😅😅😅 

So che vanno colti da verdi ma... quanto verdi? Come faccio a sapere quando sono al punto giusto? 😅😅😅😅

Grazie

Link to comment

Siamo in due :D

Non ci crederai ma in tanti anni mai coltivato Jalapeno, i mie Jalapeno TAM by Vulcano  cominciano a scurirsi quindi in teoria hanno smesso di crescere e stanno virando al rosso credo sia ora di assaggiarli

Link to comment

In diversi, ti dico la mia. ;)

Con l'esperienza arriverai a basarti sulle dimensioni delle bacche, quando saranno completamente sviluppate le taglierai (poi le dimensioni variano parecchio da una varietà all'altra).

Sempre con l'esperienza arriverai a fare come l'ottimo Campana, che dal variare della tonalità del verde intuisce quando stanno iniziando a cambiare colore (senza confondersi con eventuali iscurimenti del frutto causati dal sole sulle parti più esposte).

Sul forum troverai che diversi invece si basano sull'apparire del corking, cieè delle screpolature sulla bacca... è una buona indicazione che però non tiene conto del fatto che non tutte le varietà fanno quelle screpolature.

Fossi in te farei così: non appena i primi inizieranno a cambiare visibilmente colore, con delle parti del frutto che saranno diventate arancioni/rosse, li raccoglierei assieme a tutti quelli verdi che già saranno diventati grandi come loro.

(Io invece semplicemente aspetto la piena maturazione dei frutti, ma è questione di gusti: mi piace sì l'erbaceo delle bacche verdi, ma solo in mezzo al buon sapore pieno delle bacche completamente mature.).

  • Upvote 1
Link to comment

Io non sto concimando perché ho rinvasato da poco e la terra che ho messo contiene già concime per tre-quattro settimane... 

Poi concimerò in tre maniere... 

Una parte delle piante solo con stallattico pellettato e humus. 

Un'altra parte con concime liquido specifico per peperoncini. 

L'altra parte con concime solido specifico per peperoncini... 

Così vedrò le differenze di sviluppo, considerando comunque che ogni pianta presenterà delle differenze di sviluppo indipendentemente dal concime. 

Link to comment

Ciao, io per il momento ancora nulla, ad eccezione di un paio di passate sulle foglie di macerato d'ortica molto diluito... ma più che altro per rompere le scatole ai parassiti.

Tra qualche settimana probabilmente userò via fogliare un idrosolubile per ortaggi della Cifo, ma perchè ce l'ho in casa dall'anno scorso... mi ci sono trovato bene usandolo a fine stagione, voglio vedere come si comportano le piante iniziando prima.

In generale però non faccio tanto uso di concimi, tento di partire da un buon terriccio poi se ci sono carenze intervengo; quest'anno voglio fare diversamente per prova.

  • Like 1
Link to comment

Nel terriccio che ho preparato quest'anno, (difficilmente ne faccio uno uguale all'anno passato), miscelato con terra da orto ho messo anche concime granulare, quindi per un paio di settimane minimo anche di più se non vedo carenze lascio stare poi un'altra aiutino

  • Like 1
Link to comment

Grazie per le vostre risposte.

Mi piace questo tuo esperimento aji.. sono curioso di sapere come va a finire.

Allora... abbiamo

Stallatico pelletato e humus

Concime liquido specifico

Concime solido specifico

Idrosolubile fogliare per ortaggi

Concime granulare mixato alla terra da orto. 

Sono tutti concimi che prediligono il fosforo? Mi spiego. Nel periodo di fioritura e fruttificazione è giusto scegliere un concime dove prevalga il fosforo che dovrebbe aiutare crescita e sviluppo del fiore e del frutto?

Lo scopo di questa discussione è questo. Vorrei poter ridurre al minimo la cascola dei fiori e far si che diventino frutti. Sicuramente ci sono diversi fattori che contribuiscono alla cascola ma è giusto tentare di porvi rimedio tramite il concime? 

Inoltre un mio collega mi ha spiegato l'importanza del Boro come microelemento il quale anche lui sarebbe fondamentale per la produzione. Cosa ne pensate?

Link to comment

Io penso che se dovessi dare retta a tutto quello che letto e sentito, sarei impazzito, molto Azoto solo nella prima fase di crescita, no dice un 'altro Azoto anche nelle fasi successive, ho preso della Cifo se ben ricordo solo Potassio migliora la fioritura e l'allegagione dicevano, visto nessuna differenza e via andando, la soluzione migliore è dare un concime bilanciato dice e scrive un'altra esperto io passo la palla...

  • Like 1
Link to comment

Argomento importante...sia Vulcano che Campana hanno parlato di interventi in caso di carenze.

Ma qui casca l'asino (che sarei io😁),

quali sintomi mostra una pianta che ha carenze alimentari?

Anche una crescita lenta può essere uno di questi sintomi? 🤔

Link to comment

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...