Jump to content

Il Light Box e Luci artificiali


Recommended Posts

Questo dibattito nato all'interno del forum ci ha dato la possibilità di conoscere qualcosa di più circa la possibilità di crescere piante anche quando la luce naturale scarseggia! Leggetelo!

Il primo documento nato totalmente dalla condivisione delle esperienze e conoscenze degli utenti.

Continuiamo cosi.

 

 

Ecco a voi le prime foto del mio light box..

 

 

Immagine inserita:

277-5436.jpg

<font size="1"> 94.67 KB</font id="size1">

 

Immagine inserita:

277-5437.jpg

<font size="1"> 92.62 KB</font id="size1">

Link to post
  • Replies 527
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Lo spettro luminoso è il colore della luce. I neon con uno spettro tendente al BLU sono detti neon "freddi" mentre quelli con uno spettro che va dal ROSSO/ARANCIO e GIALLO vengono detti "caldi"..

onestamente non le conosco, ma senza scervellarti troppo, prendi le cool white e vai sicuro!!

Se non hai tempo e pazienza non iniziare proprio, potresti trovati con una delusione e non riuscita delle piante.     Inviato dal mio GT-i9001 con Tapatalk 10.1

Posted Images

Effettivamente mancano ancora dei riflettori per evitare la dispersione di luce verso l'alto..e dei pannelli bianchi laterali per evitare la dispersione verso l'esterno e il gioco è fatto.

Link to post
  • 3 weeks later...

Ho modificato il light box aggiungendo una ventola..sembrava infatti che l'aria che circolasse al suo interno non fosse sufficiente..

 

 

Immagine inserita:

6219-1371.jpg

104.1 KBid="size1">

 

Immagine inserita:

6219-1372.jpg

111.58 KBid="size1">

Link to post

Grande Riccardo un impianto perfetto, vedo che hai catalogato le piantine oltre che con il nome anche con con dei numeri, ben fatto;)

Link to post

Ecco la situazione di oggi..ho "zappettato" i vasetti per dare più aria e aumentato la velocità della ventolina..

 

 

Immagine inserita:

6246-1366.jpg

114.88 KBid="size1">

 

 

 

Immagine inserita:

6246-1367.jpg

142.08 KBid="size1">

Link to post

Il light box di Riccardo mi ha fatto venire invidia ... :((

 

I semi piantati a inizio gennaio (60 piantine) hanno germinato bene, ma le piantine sono diventate un po' troppo alte e filose per scarsita' di luce.

 

Per la semina di oggi mi sono attrezzato meglio.

Ecco il mio light box (prontamente ribattezzato da mia moglie e mia figlia "la bara") :D.

 

 

6267-1338.jpg

 

 

4 neon (OSRAM Fluora L36W/77), termostato e ventola, non manca nulla.

C'e' posto per circa 190 piantine.

 

E' tutto il giorno che sgobbo, ora non resta che aspettare e lasciar fare alla natura yes!.

Link to post

Bellissimo Lone, ora manca solo che lo foderi internamente di bianco o metallo, e che sostituisci le lampade con le Sylvania Gro Lux, e poi li dentro ti vien su una foresta!!

Link to post
Messaggio originale di nettunos

 

Bellissimo Lone, ora manca solo che lo foderi internamente di bianco o metallo, e che sostituisci le lampade con le Sylvania Gro Lux, e poi li dentro ti vien su una foresta!!

Io non sarei tanto convinto delle Gro-Lux..Fino ad ora ho trovato Gro-Lux con meno Lumen di quanti ne abbia trovati in luci "standard"..

 

Se trovate dei neon da 36w con più di 3350Lumen (Osram Lumilux) fatemelo sapere!!

 

Messaggio originale di lonewolf

Per la semina di oggi mi sono attrezzato meglio.

Ecco il mio light box (prontamente ribattezzato da mia moglie e mia figlia "la bara")

 

Ma che spettacolo Lone! Anzichè l'alluminio ti consiglio di rivestire tutto con dei fogli di carta bianchi. L'alluminio infatti può portare a delle lievi scottature i cotiledoni e rischi l'effetto contrario.

 

Che dire il resto mi sembra eccellente..dimmi i Lumen del neon (cosi per curiosità) e poi 2 cose:

 

Essendo un light box chiuso necessita di un buon arieggiamento. Io ti consiglio di aggiungere anche altre ventole o fori laterali per aumentare il riciclo d'aria..È bene che poi una volta fatti i fori non spingi l'aria all'interno bensi l'aspiri verso l'esterno..il riciclo d'aria sarà eccellente..

 

Io avendo un light box semi-aperto ho fatto in modo che l'aria venisse spinta all'interno e devo dire che le piante sembrino gradire il trattamento...

 

Sappi che il legno è si caldo..ma terribilmente scomodo per quanto riguarda muffe e umidità..Io ho dovuto infatti spegnere il mio germinatore per eccesso di umidità..

 

Ecco il light box semi-aperto:

 

Immagine inserita:

6270-1337.jpg

93.02 KBid="size1">

Link to post
Messaggio originale di riccardo

 

Io non sarei tanto convinto delle Gro-Lux..Fino ad ora ho trovato Gro-Lux con meno Lumen di quanti ne abbia trovati in luci "standard"..

Se trovate dei neon da 36w con più di 3350Lumen (Osram Lumilux) fatemelo sapere!!

Anzichè l'alluminio ti consiglio di rivestire tutto con dei fogli di carta bianchi. L'alluminio infatti può portare a delle lievi scottature i cotiledoni e rischi l'effetto contrario.

 

... dimmi i Lumen del neon (cosi per curiosità)

 

Essendo un light box chiuso necessita di un buon arieggiamento. Io ti consiglio di aggiungere anche altre ventole o fori laterali per aumentare il riciclo d'aria..È bene che poi una volta fatti i fori non spingi l'aria all'interno bensi l'aspiri verso l'esterno..il riciclo d'aria sarà eccellente..

 

... che il legno è si caldo..ma terribilmente scomodo per quanto riguarda muffe e umidità..Io ho dovuto infatti spegnere il mio germinatore per eccesso di umidità..

 

 

I lumen dovrebbero essere 1400.

Premesso che non mi intendo di lampade (ho seguito il consiglio di mio nipote che lavora nel settore) mi sembra che non sia solo questione di luminosita' ma anche di spettro luminoso e colore.

 

Curiosando un po' in Internet con ricerche su luci+semina le Sylvania gro-lux e le Osram fluora si trovano quasi sempre in coppia ... sul sito della Osram le fluora sono indicate come specifiche per sostituire la luce naturale.

 

Per quanto riguarda il rivestimento non metterei niente (a parte del nylon sul fondo per evitare di bagnare il legno); il legno e' normale multistrato gia' abbastanza chiaro, la luce all'interno mi sembra abbagliante B)B)

 

L'areazione e' garantita dalla ventola che "aspira" fuori l'aria da un lato e la fa entrare dall'altro; inoltre il coperchio non chiude perfettamente e lascia un po' di spiragli; semmai aggiungero' qualche altro buco.

 

Per il problema muffe vediamo un po', eventualmente l'anno prossimo lo ricostruisco in materiale plastico.

 

Alcune domande a chi ha piu' esperienza ;):

 

1. Qual'e' il metodo migliore per l'irrigazione?

Io ho messo vaschette e bicchierini (forati) su dei sottovasi e verso acqua nei sottovasi; inoltre spruzzo un po' d'acqua sopra, ma a causa del caldo l'acqua evapora molto rapidamente e devo controllare spesso.

 

2. E' preferibile spegnere le lampade per un certo periodo ogni giorno? Quante ore?

 

3. Qual'e' la temperatura ideale?

Io ho impostato il termostato a 30°, ma ovviamente quando apro per irrigare (o per scuriosare :)) la temperatura scende un po' ...

Link to post
1. Qual'e' il metodo migliore per l'irrigazione?

Io ho messo vaschette e bicchierini (forati) su dei sottovasi e verso acqua nei sottovasi; inoltre spruzzo un po' d'acqua sopra, ma a causa del caldo l'acqua evapora molto rapidamente e devo controllare spesso.

 

2. E' preferibile spegnere le lampade per un certo periodo ogni giorno? Quante ore?

 

3. Qual'e' la temperatura ideale?

Io ho impostato il termostato a 30°, ma ovviamente quando apro per irrigare (o per scuriosare :)) la temperatura scende un po' ...

 

La scelta delle fluora, abbinate alle gro lux è ottima ma da sole vanno bene per la fioritura, infatti tendono come spettro di luce all'azzurro, mentre le Gro lux, sono studiate per la fase vegetativa, diciamo che 3 gro lux e una fluora andrebbero benissimo; poi è chiaro che anche così va bene, ma io che stò facendo varie prove, mi sono reso conto di persona della spaventosa crescita che si ha sotto le gro lux!!

 

1- Vanno benissimo le vaschette e i bicchierini forati, ma l'innaffiatura deve essere fatta da sopra, in quanto l'apparato radicale, ancora non è così sviluppato da potersi alimentare dal sottovaso.

Io innaffio con una pipetta da laboratorio, e con acqua demi, fate attenzione al cloro in questa fase.

 

2- L'alternanza luce buio, è necessaria al periodo della fioritura, nel momento di crescitas vegetativa, meglio tenere sempre acceso.

 

3- Una volta che i semi sono germinati, la richiesta di calore scende notevolmente, diciamo che basta non scendere sotto i 15/16 °C.

 

A proposito, che sistema hai utilizzato per il riscaldamento?

 

Un saluto

Link to post
Messaggio originale di LoneWolf

 

I lumen dovrebbero essere 1400.

Premesso che non mi intendo di lampade (ho seguito il consiglio di mio nipote che lavora nel settore) mi sembra che non sia solo questione di luminosita' ma anche di spettro luminoso e colore.

 

Lo spettro luminoso è il colore della luce.

I neon con uno spettro tendente al BLU sono detti neon "freddi" mentre quelli con uno spettro che va dal ROSSO/ARANCIO e GIALLO vengono detti "caldi"..Ora il neon "caldo" non viene detto tale perché scalda ma perchè il calore è una misura numerica dello spettro di luce generato, ma nulla ha a che vedere col calore effettivamente generato dalla lampada!!

 

Le Gro-Lux sono tali perchè presentano uno spetto abbastanza ampio, molto presente il blu e il rosso..

 

Infatti:

 

"The color temperature of a light source is a numerical measurement of its color appearance. It is based on the principle that any object will emit light if it is heated to a high enough temperature, and that the color of that light will shift in a predictable manner as the temperature is increased. The system is based on the color changes of a theoretical “blackbody radiator” as it is heated from a cold black to a white hot state.

 

With increased temperature, the blackbody would shift gradually from red to orange to yellow to white and, finally, to blue white. A light source’s color temperature, then, is the temperature, measured in degrees kelvin, expressed in kelvin (K), at which the color of the blackbody would exactly match the color of the light source. For many light sources an exact match cannot be achieved. In such cases, the closest possible match is made, and the color is described as correlated color temperature. An OCTRON® T8 fluorescent lamp with a color temperature rating of 4100K, for example, has a color appearance similar to that of a blackbody heated to 4,100 kelvin (3827°Celsius, 6920° Fahrenheit)."

 

Questo per dire che la piantina appena emersa ha bisogno di tantissima luce e quindi di maggiori Lumen possibili..e non di uno spettro molto ampio.

 

... sul sito della Osram le fluora sono indicate come specifiche per sostituire la luce naturale.

Certo, hanno uno spettro più completo..e quindi più simile allo spettro emanato dalla nostra grande stella che brucia a parecchi milioni di gradi..!

 

Per quanto riguarda il rivestimento non metterei niente (a parte del nylon sul fondo per evitare di bagnare il legno); il legno e' normale multistrato gia' abbastanza chiaro, la luce all'interno mi sembra abbagliante B)B)

 

L'umidità (se sarà eccessiva) attaccherà le pareti. Ma questo è un light box..o un ibrido germ. box/light box? mi preoccupa la condensa attorno ai circuiti delle luci..

 

 

 

Alcune domande a chi ha piu' esperienza ;):

 

1. Qual'e' il metodo migliore per l'irrigazione?

Io ho messo vaschette e bicchierini (forati) su dei sottovasi e verso acqua nei sottovasi; inoltre spruzzo un po' d'acqua sopra, ma a causa del caldo l'acqua evapora molto rapidamente e devo controllare spesso.

 

a) Il primo passo è di inumidire leggermente tutto il terriccio che userai con dell'acqua nebulizzata..non avrai quindi dopo problemi a rendere immediatamente umido il terreno perchè il terriccio umido assorbirà prima e meglio tutta l'acqua aggiuntiva che darai.

 

B) Puoi irrigare dall'alto (con un nebulizzatore) o dal basso. Io uso entrambi i metodi nella prima settimana perchè il terriccio è ancora abbastanza asciutto (e quindi necessita di acqua anche dal basso per velocizzare il tutto). L'irrigazione dal basso si effettua ponendo dell'acqua nella vaschetta contenente i vassoi, si aspetta che venga assorbita e poi si elimina quella in eccesso.

Nei giorni seguenti mi dedico alla sola nebulizzazione dall'alto fin tanto che col dito non inizio a sentire sotto i contenitori che la parte inferiore dei vasetti si sta asciugando (c'è ancora tempo prima che si asciughi completamente!)

 

c) Devi rendere il terreno molto umido ma non zuppo d'acqua..I semi sanno cavarsela egregiamente con una superficie umida ma perdono ogni speranza in una pozza, iniziano ad ammuffirsi..a crearsi dei marciumi interni...in pratica a trasformare la quiescienza in dormienza!

 

2. E' preferibile spegnere le lampade per un certo periodo ogni giorno? Quante ore?

 

Parliamo di lampade per far crescere le piantule ormai emerse. Certo! le piante necessitano di un periodo di riposo..Generalmente ho trovato conveniente lasciare accese le lampade per 14h ma possiamo anche arrivare a 16h di luce lasciandone 8h di oscurità. Se la luce funziona vedrai anzitutto che si rallenta la crescita in altezza della piantula, si scurisce il piccolo gambo e si ingrandiscono i cotiledoni..A breve vedrai le prime foglie vere crescere (3/4 gg)

 

3. Qual'e' la temperatura ideale?

Io ho impostato il termostato a 30°, ma ovviamente quando apro per irrigare (o per scuriosare :)) la temperatura scende un po' ...

Qui invece parliamo di temperatura di germinazione. Vai tranquillo con 30°. Io anche avevo settato a quella temperatura..risultati buoni anche considerando il fatto che 30° era la temperatura del letto caldo e la temperatura nei vassoi variava dai 25-27°.

 

Appena germinate le piante hanno (mi ripeto) bisogno di molta molta luce e possiamo mettere in tutta tranquillità le piante a 15-16°

  • Upvote 1
Link to post

Grazie a Nettunos e Riccardo per le preziose spiegazioni yes!.

 

Ritorno sull'argomento per chiarire i miei dubbi ed errori, potrebbe servire ad altri ... :)

 

E' chiaro che nella mia ingenuita' (e' il primo anno che semino "indoor") ho fatto un po' di confusione tra diverse esigenze dei diversi momenti della semina/germinazione/crescita ????.

 

Ho infatti mescolato due funzioni diverse che probabilmente richiedono due impianti diversi: fare germinare i semi e far crescere le piantine.

 

L'idea alla base dell'errore e' che le lampade oltre a generare luce generano anche calore, relativamente poco, ma piu' che sufficiente in una ambiente chiuso (infatti la temperatura nel box raggiunge facilmente i 30° e salirebbe ancora se non ci fosse la ventola collegata al termostato).

 

Allora perche' non usare le lampade sia per far germinare che per far crescere?

Ovviamente la luce non serve a molto prima della germinazione (fin li' ci arrivo ;)), ma in fondo si tratta di pochi giorni ... Non ho neppure valutato la possibilita' di altri sistema di riscaldamento(cavi per acquarii sotto i vasetti o altro).

 

In ogni modo anche in questi primi giorni dopo la semina la luce non e' inutile; devo infatti anche far riprendere le piantine della semina di inizio gennaio.

Anche in quell'occasione ho fatto qualche errore ... doh!

Con in testa la semplice equazione semi+acqua+caldo=germinazione ho messo semplicemente i bicchierini su un grande sottovaso in un piccolo bagno in mansarda, facilmente riscaldabile a 28°-30° con il formidabile contributo dell'asciugabiancheria di mia moglie e l'occasionale aiuto di una piccola stufa ad aria calda.

Incredibilmente (forse grazie alla proverbiale fortuna dei principianti) e' andato tutto bene: oltre 50 semi germinati su 60 piantati.

I problemi sono iniziati dopo la germinazione, con una crescita eccessiva in altezza a causa della scarsa illuminazione.

 

Avevo quindi pensato di utilizzare il germination/light box anche per far irrobustire queste piantine.

In effetti gia' da qualche giorno sto utilizzando il box per questo scopo e i risultati sono molto buoni.

 

Quello che non avevo considerato e' il fatto che dopo la germinazione non serve molto caldo e quindi il box rischia di essere troppo caldo; dovro' tarare il termostato a una temperatura piu' bassa per far lavorare molto la ventola ...

Per la verita' avevo gia' pensato di utilizzare il box fino ad una certo livello di crescita, poi spostare tutto "fuori" dal box (ma sempre in casa) e utilizzare il solo coperchio con le luci posizionato in qualche modo sopra le piantine per fornire solo la luce a temperatura ambiente (19°-20°) o poco piu' ... in pratica come il light-box aperto di Riccardo ...

 

Domanda: ci sono controindicazioni se oltre che molta luce si fornisce alle piccole piantine anche molto caldo? ???

 

Per quanto riguarda l'irrigazione mi e' tutto chiaro.

Non mi sembra che l'umidita' nel box sia eccessiva, ma chiedero' all'esperto (mio nipote, elettricista) se puo' creare problemi all'impiando elettrico.

 

Infine per quanto riguarda le lampade vedro' di sostituire un paio di Fluora con un paio di Gro-Lux ...

Per la luminosita': Riccardo ha utilizzato 2 neon molto piu' luminosi, i miei sono piu' scarsi, ma sono 4 ... :) quasi pari asd

Link to post

Beccatevi questo interessante articolo:

 

 

Illuminazione Artificiale

 

Non sempre è possibile trovare in un appartamento la sistemazione adatta a una pianta tale che riceva la giusta quanti di luce che le è necessaria per crescere rigogliosa. Anche se le piante utilizzano soltanto l'1% dell'energia che il sole riversa sulla terra, questa minima percentuale è di importanza vitale per la loro esistenza. Le piante private della luce presentano uno sviluppo alterato; non sono in grado di produrre la clorofilla, perdono colore, le foglie e gli steli si allungano oltre misura (eziolamento) e nel caso delle piante grasse i tessuti diventano teneri, acquosi e cedevoli.

Oggigiorno è possibile risolvere il problema dell'illuminazione mediante il ricorso a luci artificiali, che possono essere utilizzate sia in aggiunta a quella naturale che come unica fonte luminosa. Una comune lampadina elettrica può contribuire, assieme alla luce naturale, alla crescita della pianta. Anche i cactus e i gerani, che generalmente preferiscono la piena luce, possono crescere e fiorire sotto un'illuminazione artificiale, appositamente studiata per questo tipo di piante.

Le energie raggianti rossa e blu, situate agli estremi opposti dello spettro, sono le onde luminose principali. Le piante assorbono una quantità di luce rossa doppia rispetto a quella blu, la prima stimola la crescita vegetativa, mentre quella blu regola il sistema respiratorio. La luce artificiale adatta alle piante è quella che si avvicina di più alla luce naturale.

Le lampade fluorescenti messe a punto per le coltivazioni sono state appositamente studiate per essere utilizzate in ambienti chiusi; emettono una luce particolarmente intensa agli estremi rosso e blu dello spettro. Con questo tipo di illuminazione si ottengono i risultati migliori, ma per piante che richiedono una luce meno intensa, si ottengono ottimi risultati anche con delle semplici lampade fluorescenti standard.

Le lampade Gro-Lux-Spectrum e Duro-Test producono una luminescenza bianca, i tubi Gro-Lux e Plant-Gro emettono una luce calda rosso-violetta che intensifica i colori. In commercio si trovano anche le lampade Duro-Test o le Gro-Lux Wide Spectrum a specchio solare completo, nonché i comuni tubi a luce fluorescente. Non rimane che scegliere il colore della luce, giacché tutte danno ottimi risultati. La lampada più adatta per piante che necessitano di un'energia elevata, come i cactus, le piante grasse e le orchidee, è la Gro-Lux Wide Spectrum, che associa a una luce di colore quasi naturale uno spettro particolarmente adatto alla loro coltivazione. I tubi preriscaldati sono da preferire a quelli ad accensione rapida. La tabella seguente può essere una guida su come ottenere artificialmente una certa intensità di luce misurata in lux. Vi sono generalmente più opzioni per ottenere l'intensità di luce desiderata, la tabella fornisce il numero di watt necessari e la distanza da mantenere tra la fonte di luce e la pianta.

 

1.600 lux

riflettore a largo fascio luminoso da 150 watt: 76 cm dal centro della luce

riflettore orientabile da 150 watt: 61 cm dal centro e 61 cm dal lato, o 213 cm dal centro della luce

due tubi fluorescenti da 40 watt: 76 cm al di sotto del centro della luce.

4.300 lux

riflettore a largo fascio luminoso da 150 watt: 30 cm al di sotto dei centro della luce

riflettore orientabile da 150 watt: 137 cm al di sotto dei centro della luce

due tubi fluorescenti da 40 watt: 30 cm al di sotto e 15 cm al lato del centro dei tubi.

5.400 lux

riflettore orientabile da 150 watt: 120 cm al di sotto del centro della luce

due tubi fluorescenti da 40 watt: 30 cm al di sotto del centro dei tubi

7.000 lux

riflettore orientabile da 150 watt: 106 cm al di sotto del centro della luce

due tubi fluorescenti da 40 watt: 23 cm al di sotto del centro dei tubi

8.600 lux

riflettore orientabile da 1 50 watt: 91 cm al di sotto del centro della luce

due tubi fluorescenti da 40 watt: 15 cm al di sotto del centro dei tubi

10.700 lux

riflettore orientabile da 150 watt: 61 cm al di sotto del centro della luce

due tubi fluorescenti -da 40 watt: da 1 0 a 13 cm al di sotto del centro dei tubi. Aumentando il numero dei tubi o utilizzando luci con numero di watt più elevati è possibile incrementare l'intensità complessiva della luce e poter così aumentare la distanza tra la pianta e la fonte luminosa.

 

I tubi fluorescenti sono meno costosi e durano di più (settemila ore con una media giornaliera di quindici ore). Se all'estremità dei tubi appaiono degli anelli neri, significa che incominciano a esaurirsi e dovrebbero essere sostituiti, le piante non crescono bene se illuminate da tubi vecchi. Generaimente occorre cambiarli ogni 8-10 mesi.

Per una pianta che non ha bisogno di molta luce, fissate al soffitto dei riflettori incandescenti orientabili o a largo fascio luminoso. Un riflettore a largo fascio luminoso da 150 watt produce 535 lux a una distanza di 152 CM.

Un riflettore orientabile da 150 watt produce 121 lux a una distanza di 152 cm con uno stretto fascio di luce concentrata. La lunghezza dei tubi varia da 61 a 244 cm. Dato che l'intensità della luce diminuisce all'estremità dei tubi, si consiglia di utilizzare tubi abbastanza lunghi. I più funzionali sono quelli da 40 watt lunghi 117 cm. Per aumentare l'efficacia delle lampade artificiali e per impedire la dispersione della luce, collocatele in prossimità di superfici riflettenti, come uno schermo riflettente da fissare sulla stessa montatura oppure su una mensola verniciata.

Controllate, sulla tabella precedentemente illustrata, la distanza a cui fissare le lampade per ogni pianta.

Le lampade dovrebbero trovarsi a una distanza compresa fra i 20 e i 38 cm dalle piante fiorite. Poiché l'intensità della luce diminuisce all'aumentare della distanza, questa non deve mai essere superiore ai 91 cm, oltre i quali l'illuminazione diventa insufficiente ed è necessario aggiungere altri tubi o lampade a incandescenza. Se le piante sono illuminate esclusivamente con luce artificiale, occorre lasciarle accese da 12 a 16 ore al giorno, tempo necessario per compensare la minore intensità della luce artificiale rispetto a quella solare. Programmando un orologio che accende e spegne le luci ogni giorno alla stessa ora, vengono eliminate le variazioni di durata dei periodi di luce e di buio.

Le piante non hanno necessariamente bisogno di un periodo di buio, la crescita vegetativa può quindi essere accelerata da un'illuminazione costante. Le piante fiorifere tuttavia ne risentirebbero; regolando i periodi di buio è possibile portare questo tipo di piante alla fioritura.id="red">

Se siete costretti ad assestarvi per alcuni giorni è meglio che lasciate le luci spente, in modo da evitare che nel frattempo il terriccio si secchi. E' interessante notare che, a eccezione degli afidi e degli alcurodidi, gli insetti non attaccano quasi mai le piante che crescono sotto un'illuminazione artificiale.

Link to post
Messaggio originale di LoneWolf

Allora perche' non usare le lampade sia per far germinare che per far crescere?

 

Certo! Per scaldare il terreno puoi utilizzare sia il metodo di riscaldamento dall'alto che dal basso. A mio avviso e studiando cosa accade appena la luce solare raggiungeva il germinatore ho notato che è molto più rischioso un riscaldamento dall'alto perchè togliendo umidità proprio nella parte dove risiedono i semi rischi di lasciarli all'asciutto per troppo tempo mentre a noi non importa se per errore si asciugasse mezzo vasetto (dal basso) poichè a noi importa che almeno un paio di cm di terriccio in alto siano ben umidi!

 

 

 

 

 

 

Domanda: ci sono controindicazioni se oltre che molta luce si fornisce alle piccole piantine anche molto caldo? ???

No! L'importante è che tu non dia come accoppiata troppa umidità. Anche in questo caso comunque pochi gradi di umidità non fanno male. Esperienza diretta con luce solare hanno portato il mio germ box a 32° per un periodo abbastanza lungo. Le piante ovviamente son nate meglio che dire, ma parliamo sempre di poche ore.

 

 

 

Infine per quanto riguarda le lampade vedro' di sostituire un paio di Fluora con un paio di Gro-Lux ...

Per la luminosita': Riccardo ha utilizzato 2 neon molto piu' luminosi, i miei sono piu' scarsi, ma sono 4 ... :) quasi pari asd

 

Hai ragione.

 

 

 

 

 

 

 

Link to post

Ho prelevato le immagini degli spettri (dal sito http://www.sylvania-lamps.com/content/blogcategory/3/81/34/)

 

Immagine inserita:

6282-1335.jpg

110.1 KBid="size1">

 

Sinceramente non so se le piantine possano gradire o meno un certo tipo di spettro anziché un altro..e probabilmente nemmeno le piantine si fanno troppi problemi.

Quello che occorre ora è sicuramente maggior luce!

 

P.S. Il confronto è stato fatto su lampade da 36W.

Link to post

Il germination+light box funziona bene (almeno per ora).

 

Le piantine filose della semina del 9 gennaio si stanno irrobustendo.

I semi piantati domenica scorsa (29 gennaio) stanno germinando; vedo gia' una decina di germogli che sbucano ... [^]

 

Per ora non rilevo eccessiva umidita' sulle pareti del box; evidentemente la ventola funziona a dovere.

 

Solo un piccolo incidente stamattina ... un cimice (nezara viridula, quegli insetti che secernono un liquido maleodorante se disturbati) sbucato chissa' da dove si e' intrufolato nel box (forse attraverso il foro della ventola); l'ho trovato sopra una piantina, piegata sotto il suo peso.:(

Ovviamente il maledetto ha fatto una brutta fine [XX(], ma credo abbia succhiato linfa da alcune piantine; ci sono alcune foglioline leggermente arricciate, probabilmente a causa della puntura.

 

Non mi sembra abbia deposto uova (ho verificato anche con una lente).

 

La lotta agli insetti dannosi comincia presto quest'anno! :D

Link to post

eheh

Finché si tratta di una cimice non ci sono grossi problemi. Per di più in casa sono facilmente eliminabili.

Non ho mai riscontrato grossi danni da cimici se non in autunno su piante all'esterno..

Controlla nei paraggi se ci sono altre cimici..e occhio agli afidi che potrebbero presentarsi sulle piantule. Di solito accade l'anno successivo alla prima coltivazione in casa..

Link to post

Sono degli insetti molto piccoli, possono andare dal verdino chiaro al nero al rosa. Hanno un apparato boccale abbastanza sottile che gli permette di succhiare la linfa delle foglie.

I loro escrementi son composti principalmente da una sostanza appiccicosa (la melata) che rende le foglie appiccicose al tatto. Questo appiccicume inoltre rende possibile lo svilupparsi di muffe fuligginose (di color nerastro per dirla in maniera semplice). Sotto l'attacco di questi insetti le foglie iniziano ad arricciarsi o ad appassire.

La caratteristica che li contraddistingue è la rapidità dell'evoluzione dell'attacco e in genere li trovi nella pagina inferiore della foglia. Per combatterli puoi usare delle trappole cromatiche (in genere sono trappole di color giallino) che si mettono in prossimità della pianta.

Alcuni usano anche dell'acqua e sapone per piatti che nebulizzata regolarmente favorisce la scomparsa di questi insetti.

 

Quelli che maggiormente posssiamo trovare sul peperoncino possono essere:

 

Aphis Craccivora

Aphis Fabae

Aphis Gossypii

Aphis Nasturtii

 

Ecco una foto di come si possono presentare durante un attacco:

 

 

Immagine inserita:

6292-1356.jpg

46.81 KBid="size1">

Link to post

Le nuove piantine nel germination-light box germogliano e crescono rapidamente.

A sette giorni dalla semina ci sono piu' di 50 germogli di varia altezza (su 125 semi).

 

Nelle piantine della semina precedente, in fase di irrobustimento dopo un avvio stentato per scarsita' di luce, noto alcune foglie un po' troppo gialline ... puo' essere un eccesso di umidita' ? ???

Link to post

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...